La Befana, storie curiosità e tradizioni dell’Epifania

Protagonista insieme ai Re Magi sia della leggenda cristiana che di riti pagani, la Befana, è la vecchina che nella notte del 5 gennaio, a cavallo della sua scopa magica, arriva nelle case per riempire le calze dei bambini con dolcetti golosi, dalle caramelle alla frutta secca, fino al carbone per chi non è stato troppo buono

0

L’Epifania, che tutte le feste porta via, proprio perché chiude il periodo di vacanze natalizie. Per i bambini è ancora festa. La mattina del 6 gennaio al loro risveglio trovano le calze ricolme di dolcetti e regalini e la casa si riempie di allegria e divertimento.

Ma chi è la Befana?

La Befana discende da tradizioni precristiane, la parola “Befana” vuol dire semplicemente Epifania dal greco epiphàneia.

Ha origini pagane, precisamente dalla dea Diana. La data del 25 Dicembre è stata scelta per il Natale partendo dalla festività romana del Sol Invictus, cioè nel giorno in cui le ore diurne sono le più lunghe dell’anno cioè il solstizio d’inverno. I romani celebravano la figura femminile rappresentata da Diana, dea sia dell’abbondanza che della cacciagione, 12 giorni dopo il Sol Invictus.

Dunque Diana era talmente brutta da diventare la Befana? Assolutamente no, questo “imbruttimento” avviene con l’intervento della chiesa cattolica del Medioevo, che trasformano Diana in una strega, condannando i riti propiziatori del 6 Gennaio.

La storia delle Befana per i bambini, l’usanza cristiana

Passato il Medioevo la Chiesa Cattolica riportò la figura malefica della Befana in una versione benevola affiancandola ai Re Magi. La leggenda narra che Baldassare, Gasparre e Melchiorre, nel lungo viaggio diretti a Betlemme per portare i loro doni a Gesù Bambino, non riuscendo a trovare la strada, chiesero informazioni ad una anziana signora che indicò loro la strada da percorrere.

La vecchina, malgrado le insistenze deI Re Magi, di unirsi a loro per rendere omaggio al bambino, non ne volle sapere e rifiutò. Non appena i Magi andarono via, però la donna si pentì e preparò subito un cesto con dei doni uscendo di casa mettendosi a cercarli, senza però trovarli, ma senza successo.

Si fermò così in ogni casa, lasciando dolcetti a tutti i bambini. Da allora i bambini si sarebbero aspettati ogni Epifania i dolciumi.

Il 6 gennaio ricorrerebbe anche il battesimo di Gesù per mano di San Giovanni Battista.

befana

Il carbone, il suo significato

Il periodo natalizio, come racconta la storia, tra dicembre e gennaio, era un momento difficile per l’agricoltura. Dunque l’imperatore Aureliano aveva dato vita al Sol Invictus, “Festa del Sole” il giorno 25 dicembre e per 12 giorni (cioè fino alla notte del 6 gennaio), veniva lasciato bruciare un tronco di quercia. Il carbone scaturito avrebbe portato fortuna per il nuovo anno. Quindi il carbone della Befana, lasciato nella calza non ha un significato di essere cattivi ma di tanta fortuna.

Dove vive la Befana

Di Babbo Natale sappiamo che vive in Lapponia, mentre della Befana non si sa molto.
Tornado alla leggenda dei Re Magi, si può ipotizzare che la Befana viva in uno dei tanti paesi verso Betlemme. Possibilmente in un piccolo villaggio in una casetta con tanti animali da compagnia e con il loro aiuto prepara le sorprese dolci destinate ai bambini. .

Ma come è vestita la Befana?

La Befana è rappresentata con una ampia gonna lunga e scura , un grembiule con le tasche, lo scialle, con un fazzoletto o un cappellaccio in testa. I suoi abiti sono tutti tappezzati di toppe colorate.

La novità

La novità è data da una svolta green rappresentata da una più sana alimentazione, che influenza anche la festa della Befana. Molte famiglie infatti si sono orientate verso doni come la frutta secca: noci nocciole e ancora fichi e prugne secche, tornando a preparare biscotti fatti in casa. Ci sono anche molte iniziative utilizzando prodotti tipici locali del territorio da inserire nelle calze.

Leggi anche :

 

Foto: Pixabay

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta