Liguria, un vademecum per “Andar sicuri per sentieri”

La Giunta regionale ligure ha approvato un vademecum per garantire escursioni sicure sui sentieri del suo territorio. Il mondo escursionistico e non, è pronto a camminare

0

Il 3 giugno le regioni hanno aperto, possiamo cominciare ad organizzare le vacanze. Dopo aver parlato delle regole di distanziamento per le spiagge, delle raccomandazioni per le ripresa delle attività in montagna, scopriamo cosa propone La Regione Liguria con il suo il vademecum per i sentieri escursionistici.

Il documento “Andar sicuri per i sentieri” rappresenta una guida completa, sia per la fruizione dei sentieri e delle aree naturalistiche, sia per la loro gestione:“Si tratta di un documento molto importante, spiega l’assessore regionale Stefano Mai, abbiamo redatto una guida che riguarda la rete escursionistica della Liguria (Rel) e i parchi regionali, in modo da favorire il rispetto dei comportamenti adeguati volti alla prevenzione del contagio da Coronavirus”.

Rel, la Rete escursionistica della Liguria

  • Il sistema della viabilità turistico-escursionistica volto a favorire la fruizione delle aree rurali e lo sviluppo turistico eco-compatibile attraverso la pratica dell’escursionismo e delle altre attività culturali, sportive e ricreative dell’aria aperta. La dorsale della rete è l’Alta Via dei Monti Liguri, percorso di oltre 400 km che attraversa tutta la Liguria.

Il vademecum

#IOCAMMINOSICURO: riguarda gli escursionisti, con tutte le norme che rientrano nel distanziamento sociale, cui si aggiungono le precauzioni generali da adottarsi in caso di escursioni e le buone abitudini di rispetto dell’ambiente.

Safety App Mobile: consente di essere tracciati in caso di emergenza.

Suggerimenti per la prevenzione: si occupa delle buone pratiche da mettere in campo per il contrasto al coronavirus.

Praticare le attività outdoor:

  • Nelle attività all’aperto, se non si è a stretto contatto con una persona per un periodo di diversi minuti, è improbabile essere contagiati e quindi sono sufficienti il distanziamento sociale e il lavaggio delle mani.
  • Percorrendo i sentieri si deve porre attenzione alla distanza di sicurezza e quindi evitare, almeno in questa fase, i percorsi troppo stretti e frequentati e, incrociando altri escursionisti, evitare di passare troppo vicino alle altre persone.

Mantenere i sentieri: la manutenzione dei sentieri è un’attività indispensabile e spesso sotto valutata. Senza il lavoro dei volontari e delle associazioni molti percorsi andrebbero perduti e con loro la nostra memoria.

Organizzare la fruizione (dedicato ai responsabili delle strutture ricettive): favorire il distanziamento sociale, prevenendo affollamenti sui percorsi e nelle strutture a maggiore frequentazione. Gli Enti parco regionali e i comuni possono indirizzare, sia a livello organizzativo sia informativo, i flussi di visitatori su mete meno conosciute ma altrettanto piacevoli.

Scarica Il vademecum completo (PDF)

“A seguito della pandemia di covid-19, le persone stanno riscoprendo l’importanza del legame con la natura e con il nostro splendido territorio, prosegue Stefano Mai, ci aspettiamo che nei prossimi mesi, sia i residenti, sia i turisti, vorranno approfittare dei 4.546 chilometri di sentieri liguri per passeggiate ed escursioni. Per questo motivo il documento di oggi rappresenta un importante supporto per l’attività di prevenzione del rischio, ma anche di stimolo al turismo e all’economia verde della Liguria”.

La Liguria ha presentato il suo vademecum, un contributo nel rispetto delle norme anti-coronavirus e dell’ambiente, offrendo un valido servizio a chi ha voglia di tornare a camminare in sicurezza godendosi luoghi meravigliosi.

Fonte: Ambiente Liguria

Leggi anche

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta