Made in Carloforte e la spiaggia è pulita

Un progetto che invita alla pulizia delle spiagge dal marine litter, i rifiuti marini che non vengono dal mare ma che sono stati dispersi, volontariamente o involontariamente, lungo le coste e che il mare lo rovinano compromettendone la salute

0

Made in Carloforte, un progetto partito il 28 giugno e che andrà avanti con altre iniziative per tutta l’estate. Obiettivo: promuovere una cultura ecologica e proteggere l’ambiente e le spiagge. L’Isola di San Pietro è una bellissima isola di circa 6000 abitanti situata nel profondo sud ovest della Sardegna. È interamente circondata da spiagge e scogliere che d’estate accolgono turisti da ogni parte del mondo.

Durante il periodo estivo la popolazione quadruplica, con ricadute sulla produzione e lo smaltimento di rifiuti ma soprattutto sulla cura dell’ambiente marino e costiero. Per il rispetto dei litorali marini e del loro ecosistema, è nato il progetto Made in Carloforte.

L’obiettivo  del progetto è di sensibilizzare i turisti e i residenti dell’isola al consumo responsabile

Carloforte è l’unico centro abitato dell’isola e l’iniziativa avviene per mano di Poseidonia Green Project. Si tratta di una associazione internazionale senza animo di lucro che promuove una cultura ecologica all’insegna del rispetto per l’ambiente

Per farlo organizza eventi, iniziative e campagne di sensibilizzazione e di comunicazione a tema. Per rendere responsabilizzare le persone  sono previsti dei laboratori di upcycling che mirano a far conoscere l’impatto che l’abbandono dei rifiuti ha nelle spiagge o lungo la costa.

Obiettivo ultimo dei laboratori è creare una coscienza condivisa riguardo il ciclo di vita degli oggetti che quotidianamente utilizziamo e che non devono essere buttati in giro a caso.

In questi giorni è stata organizzata  una campagna per promuovere un turismo plastic free dove sia i turisti che i residenti dell’Isola potranno competere per riciclare quanta più plastica possibile. In premio è previsto un souvenir artigianale creato attraverso una stampante 3D a partire dalla plastica raccolta.

Ultimo obiettivo del Progetto è quello di diffondere il più possibile gli obiettivi del progetto stesso. Per questo è nato un festival dedicato allo sviluppo sostenibile, all’arte e al turismo, che trasmette le buone pratiche del programma insieme ad un toolkit e ad una campagna di comunicazione.

Made in Carloforte si presenta come un programma innovativo

Un programma che sensibilizza le persone a raggiungere obiettivi green in materia di gestione dei rifiuti e di economia circolare, soprattutto per quanto riguarda la famigerata plastica.

Gli artefici del progetto hanno nel loro manifesto una filosofia fortemente orientata all’autoresponsabilizzazione dell’individuo:

‘In Posidonia Green Project  pensiamo che sia ancora possibile trovare un equilibrio tra lo sviluppo economico, il benessere sociale e la tutela dell’ ambiente, con cambiamenti radicali nel nostro stile di vita e la partecipazione attiva di tutti i settori della società.

Ad ogni pensiero corrisponde un’ azione e solo seminandola si raccoglie un’ abitudine. In Posidonia Green Project crediamo in una svolta sostenibile:

  • CREDIAMO che sia l’individuo  ad avere influenza a livello globale
  • CREIAMO un luogo dove le innovazioni convivano con le possibilità “Green” laddove il cambiamento esiste ed è tangibile
  • SOSTENIAMO che non esistano confini e limiti nazionali quando si parla di ecologia e ambiente
  • LOTTIAMO per creare scelte consapevoli che dal piccolo porteranno a grandi risultati
  • AGIAMO perché questo è il solo modo per provocare una reazione

L’ impatto che tale reazione avrà sul nostro intorno potrà essere positiva o negativa e siamo solo noi che possiamo tracciare il cammino verso un futuro sostenibile”.

La pulizia delle spiagge carlofortine

Ed è su queste basi che il 28 giugno si è svolta una giornata dedicata al Beach CleanUp nelle spiagge di Calalunga, Caletta, La Punta e Calafico dell’isola di San Pietro.

Una giornata dedicata alla Citizen Scienze dove oltre alla pulizia delle spiagge sono stati raccolti dati scientifici sulle plastiche e microplastiche seguendo il Marine LitterWatch dell’Agenzia Europea dell’Ambiente (EEA).

Insieme a Poseidonia Green Projet, Made in Carloforte germoglia dall’interesse di diverse associazioni quali PoseidoniaProjetCarloforte,BottidiShcoggiu, Teatro del Sottosuolo, Sustainable Happines e Cooperativa Millepiedi, in sinergia con il Comune di Carloforte.

Infine, stay tuned perché Made in Carloforte continuerà per tutta l’estate con altri laboratori e sorprese che non mancheranno di sensibilizzare sul delicato argomento.

Leggi anche

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta