Pasta Pesto Day: dal 19 al 25 novembre uniti per Genova

Durante la settimana della cucina italiana nel mondo, dal 19 al 25 novembre, il pesto Genovese sarà il protagonista dell’iniziativa Pasta Pesto Day per aiutare Genova e permettere a tutti di riscoprire la bellezza del territorio ligure

0

In concomitanza della settimana della Cucina italiana nel mondo, che si svolgerà dal 19 al 25 novembre, si terrà l’iniziativa Pasta Pesto Day. Dopo la terribile disgrazia del crollo del Ponte Morandi, lo scorso 14 agosto, che ha colpito Genova e i suoi cittadini, la Liguria chiede un aiuto partendo dalle sue stesse potenzialità.

In seguito a disastri del genere, a risentirne enormemente, sono l’immagine stessa del territorio e l’indotto turistico. Ed è da qui che parte l’idea della campagna di comunicazione e fundraising denominata “Pasta Pesto Day”, presentata a Milano il 18 ottobre dal Presidente della regione Liguria Giovanni Toti.

L’idea è proprio quella di rilanciare un’immagine positiva e accogliente della Liguria attraverso il prodotto tipico che più la rappresenta e allo stesso tempo, raccogliere i fondi a favore del comune di Genova destinati all’emergenza del 14 agosto.

Mentre, infatti, le istituzioni regionali sono impegnate su azioni infrastrutturali per riportare l’area a situazioni di minor criticità, la campagna servirebbe a far riscoprire e apprezzare il lato più ospitale e accogliente di Genova attraverso un suo prodotto simbolo: il pesto.

Il perfetto binomio territorio-cibo, per noi italiani è sempre stato punto di forza fondamentale per la stessa promozione turistica. Cibo che non è soltanto cibo, ma che diventa simbolo del profondo legame al territorio, alla cultura, alla convivialità e sempre di più, alla solidarietà.

Ecco perché la scelta del pesto genovese, icona dell’enogastronomia ligure a livello internazionale, candidato a Patrimonio culturale Immateriale dell’Umanità dall’Unesco. Il pesto genovese sarà il protagonista del Pasta Pesto Day dal 19 al 25 novembre, iniziativa rivolta a tutti i ristoranti in Italia e ai ristoranti italiani nel mondo, i quali potranno aderire iscrivendosi sul sito www.pastapestoday.it.

Per ogni piatto consumato verranno devoluti 2 euro a Genova, 1 euro da parte del ristoratore e 1 euro da parte del cliente. Sono già moltissime le adesioni pubblicate sul sito, partendo dal patrocinio del Ministero per Politiche Agricole e Turismo e dal Ministero Affari Esteri. Adesioni, anche, dal Brasile al Giappone, da Davide Oldani a Eataly, dai ristoranti stellati di Torino (Magorabin e la Credenza) a The Cook, al Cavo di Ivano Ricchebono, chef stellato e noto volto televisivo.

Entra nel vivo, inoltre, la campagna social con l’hashtag #PastaPestoDay. Grazie alla visibilità di 48 influencer selezionati, di dieci diversi paesi del mondo, si prevede di dare una copertura mediatica di circa 3,8 milioni di contatti.

“Puntando sul pesto, che è una delle bandiere non solo gastronomica, ma anche culturale e sociale della Liguria, e coinvolgendo in questo progetto bellissimo e ambizioso i ristoranti e i gourmet di tutto il mondo, vogliamo comunicare che la Liguria e Genova sono più che mai vive e vitali” ha detto Toti.

“Il messaggio che vogliamo dare, nasce dalla consapevolezza dei mezzi incredibili che abbiamo per superare le difficoltà. Oggi la Liguria chiede una mano al mondo, ma è già pronta con tutte le sue forze e la sua potenzialità a ospitare e fare stare bene tutti. Il fatto che in poche settimane siamo riusciti ad organizzare un evento così grande e unico, global e social, conferma che l’#orgoglioliguria non si è mai spento.”

Simbolo di solidarietà, condivisione e coesione, sarà proprio il prodotto tipico della Liguria, la sua gustosa salsa con fama internazionale e dal sapore inconfondibile: il pesto. Dal 19 al 25 novembre, stiamo, quindi, tutti insieme, uniti per Genova con un piatto di pasta al pesto!

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta