lunedì, Dicembre 5, 2022
14 C
Roma
spot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
HomeAltroLe Aziende ComunicanoPiantare più di 13.000 alberi: la nuova sfida green di Misura

Piantare più di 13.000 alberi: la nuova sfida green di Misura

La Strategia europea per la biodiversità, lanciata dalla Commissione Ue nel maggio scorso, chiede uno sforzo imponente ai governi ma anche ai privati. L’obiettivo, ambizioso, è quello di realizzare una tabella di marcia per l’impianto di almeno 3 miliardi di alberi supplementari nell’UE entro il 2030, nel pieno rispetto dei principi ecologici.

A ognuno, quindi, spetta di fare la sua parte, alle aziende dell’agroalimentare in primo luogo per creare le condizioni reali di un salto verso la sostenibilità ambientale. Le foreste, spiega la Strategia europea, “sono estremamente importanti per la biodiversità, la regolazione del clima e dell’acqua, l’approvvigionamento di cibo, medicinali e materie, la cattura e lo stoccaggio del carbonio, la stabilità del suolo e la depurazione dell’aria e dell’acqua; sono anche la cornice naturale per attività ricreative e didattiche in tema di natura”.

Misura ed il suo impegno per l’ambiente

A proposito di aziende, ce n’è una in Italia che sembra aver intrapreso, con serietà ed attenzione, la via della sostenibilità, con azioni che ne fanno un marchio assolutamente green. Parliamo di Misura, azienda del gruppo Colussi, alla quale, nello scorso mese di luglio, avevamo dedicato un articolo per il progetto “A Misura d’Ambiente” nato con l’obiettivo di  bandire l’utilizzo di plastica nelle confezioni di pasta e snack, utilizzando un materiale 100% compostabile, e per merendine ed altri incarti esterni, con carta certificata FSC.

Nasce “A Misura di Verde”

L’impegno non si è fermato e lo scorso 30 settembre è stato presentato a Roma, presso l’Orto Botanico, il progetto di forestazione “A Misura di Verde”, uno dei più grandi e diffusi sostenuto da un’azienda nel territorio italiano. Potremmo dire che dal suolo agli alberi il passo è stato breve.

Dai calanchi di Matera a rischio continuo di erosione ai boschi andati in fumo nel parco nazionale del Vesuvio. Dagli orti urbani di Torino curati da un gruppo di cittadini al recupero “scientifico” di un antico bosco di latifoglie minacciato dal cambiamento climatico, a poca distanza da Roma.

13.400 piante per assorbire 9.380 tonnellate di CO2

Nell’Anno Internazionale della salute delle piante, Misura lancia un progetto per riforestare dieci diverse aree del nostro Paese, in 9 regioni, da nord a sud, assieme a un’iniziativa di sensibilizzazione sul tema dell’ecologia integrale. Saranno messe a dimora in totale 13.400 piante in zone particolarmente vulnerabili d’Italia. Migliaia di piante e arbusti che nel complesso assorbiranno dall’atmosfera 9.380 tonnellate di CO2, il più diffuso dei gas che provocano l’effetto serra. In ognuno dei territori gli interventi, che avverranno a partire dall’autunno, nel periodo migliore per la piantumazione, saranno seguiti e manutenuti fino a quando non si avrà la certezza dell’attecchimento delle nuove piante  e il buon esito dell’intervento.

Saranno interventi realizzati con grande rigore scientifico, integrati nel contesto e nel territorio, con specie autoctone che conservano la biodiversità e tutelano il patrimonio genetico delle specie presenti.

Dopo il packaging compostabile abbiamo scelto un nuovo impegno concreto e di lungo periodo per tutelare nel modo migliore l’ambiente e la biodiversità”, ha dichiarato Massimo Crippa, direttore commerciale del Gruppo Colussi . “La salute e il benessere sono fortemente connessi con la sostenibilità e la salvaguardia del pianeta. I nostri progetti di forestazione rispondono quindi a caratteristiche di durabilità nel tempo, di adattamento alle condizioni climatiche che cambiano, di vicinanza ai centri urbani e quindi alle esigenze dei cittadini. Vogliamo ripartire dai territori e dalle persone. Crediamo profondamente che, dopo l’emergenza sanitaria, l’Italia, in linea con quanto chiede l’Europa, possa e debba ricominciare a crescere in chiave green. Il futuro non può che essere all’insegna della sostenibilità, del rispetto per le risorse, della valorizzazione del nostro patrimonio naturale. E noi come azienda e storico marchio dell’healthy food sentiamo la responsabilità di aiutare la ripartenza e fare la nostra parte“.

Progetti ed obiettivi concreti

I progetti scelti da Misura, qui nel dettaglio, hanno anche obiettivi immediatamente concreti: dalla tenuta dei terreni alla bonifica dei suoli degradati, fino alla ricerca delle essenze più adatte per contrastare l’inquinamento atmosferico o reggere all’impatto della crisi climatica. Assieme a questo, l’azienda italiana sostiene iniziative particolarmente sentite dalle comunità locali, in cui siano coinvolti cittadini, Comuni, comitati, associazioni, parchi ed università.

Leggi anche:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -spot_img

I PIù LETTI