lunedì, Maggio 29, 2023
23.9 C
Roma
spot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
HomeAmbienteAnimaliPiccoli falchi crescono: il progetto Life Lanner

Piccoli falchi crescono: il progetto Life Lanner

Per il progetto europeo LIFE LANNER la nascita di due pulcini di falco lanario rappresenta un grande passo in avanti. Una volta divenuti adulti, saranno liberati per ripopolare la specie a rischio estinzione rimasta in natura.

I due piccoli falchi, che fanno parte di una delle specie a maggior rischio in Italia, sono i figli di Sirio e Penelope.

Sirio e Penelope sono due falchi lanari, la coppia appartenente a una delle specie a maggior rischio estinzione in Italia. Questo il motivo per cui il progetto Europeo LIFE LANNER li ha scelti come protagonisti principali di un importante progetto di conservazione che ha tra i suoi scopi, la riproduzione in cattività di alcune coppie di Lanario per poter liberare in natura i giovani nati per il ripopolamento.

Dalla coppia sono finalmente nati i primi due pulcini della stagione, che presto andranno a ripopolare la specie a rischio estinzione rimasta in natura.

Progetto Life Lanner, i piccoli falchi

In questa nuova stagione riproduttiva 2023 presso le strutture del CRAS “lago di Vico” hanno deposto delle uova due diverse coppie di lanari.

Si tratta di un altro grande passo in avanti per il progetto LIFE di cui l’Ente Monti Cimini – RN Lago di Vico è capofila, che ha tra i suoi scopi, anche la riproduzione in cattività di alcune coppie di Lanario per poter liberare in natura giovani per il ripopolamento.

La prima coppia Gea e Atlante, ormai storica, che aveva deposto anche nella scorsa annata riproduttiva, quest’anno ha deposto 3 uova: due non fertili, mentre il terzo uovo si è schiuso. Purtroppo, il pulcino è nato con evidenti difficoltà ed è deceduto al quinto giorno di vita.

La nuova coppia, Sirio e Penelope, ha deposto per la prima volta quest’anno e ha prodotto 4 uova. Di questa covata 3 uova hanno schiuso, mentre la quarta è risultata non fertile. Delle 3 uova, una si è aperta con difficoltà ed il pulcino è morto al terzo giorno.

Tutte le dinamiche di mancata fecondazione, nascite con difficoltà dei pulcini e morti precoci rientrano nelle normali dinamiche che possono accadere “al nido” e l’uomo non può che seguire questi eventi naturali.

Per facilitare al massimo le nascite in condizioni favorevoli e controllate, tutte le uova sono state rimosse dai nidi al 20° giorno di incubazione naturale, sostituite sotto la madre con uova finte e posizionate nell’incubatrice nella stanza nursery del CRAS, allestita con i fondi LIFE.

Piccoli falchi crescono: il progetto Life Lanner
Foto @Ente Monti Cimini – Riserva Naturale Regionale Lago di Vico

I due neonati di falco nati della nuova coppia sono stati rimessi nel nido dai genitori all’ottavo giorno di vita e attualmente sono in ottime condizioni. Rimarranno nel nido fino al 28°/30° giorno quanto saranno spostati nell’hacking box per prepararli alla liberazione.

Queste nuove nascite avvalorano i protocolli che il personale dell’Ente Monti Cimini sta mettendo a punto per dei programmi riproduzione e liberazione di lunga durata, tutti volti alla salvaguardia dall’estinzione di questo falco, il cui status di conservazione resta critico.

Ulteriori notizie possono essere trovate sul sito www.lifelanner.eu

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -spot_img

I PIù LETTI