martedì, Aprile 23, 2024

Rome 15°C

Portogallo: a primavera, da scoprire in Tuk Tuk

Portogallo: a primavera, da scoprire in Tuk Tuk
Portogallo: a primavera, da scoprire in Tuk Tuk

I meravigliosi colori di Lisbona e dei suoi parchi offrono il meglio in primavera quando le sfumature si accentuano ancora di più a seconda della luce. La Capitale Green si propone con tante sfaccettature, ma un modo alternativo ed ecosostenibile per andare alla scoperta delle oasi verdi e della maggiori attrazioni è quello di affittare un tuk tuk o un risciò per abbinare divertimento e passeggiate indimenticabili.

Portogallo, capitale del Fado e di una saudade al contrario. Ossia chi la visita, come accaduto a chi scrive, non vuole più andarsene e una volta approdato in patra, vuole ritornare in Portogallo. Sì, perché il Portogallo è cultura, musica, mondanità (non troppo caciarona), malinconia, arte, insomma, una varietà di stile e paesaggi dove anche vivere appare un osgno (pensate un po’, molte cose, come sperimanto personalmente, funzionano e funzionano anche bene.

E Lisbona? Romanticismo assoluto, una città dove “flaneurare”, andare a zonzo, a piedi o con qualsiasi mezzo “alternativo”, che sia il celebre tram, una bicicletta, (banditi i petulanti monopattini) o un bel Tuk Tuk, diventano attività “metafisiche” prima che fisiche. E poi sdraiarsi al sole sulle rive del Tago, altro che malinconia.

Fernando Pessoa, il celebre poeta e scrittore portoghese, affermava che “non ci sono fiori che siano pari al cromatismo di Lisbona sotto il sole”. La vivace capitale del Portogallo, infatti, affascina da sempre cittadini e turisti grazie alle sue straordinarie sfumature tanto che in molti la citano come Città della Luce. Si caratterizza per l’alternanza dei colori, che siano il cielo azzurro o i colori pastello delle case, quelli degli stretti vicoli, dei castelli, delle torri e dei campanili illuminati dal sole che durante l’arco della giornata assumono contorni diversi rendendo la città un luogo unico al mondo.

E in primavera lo specchio di emozioni diventa ancora più ampio, con l’esplosione di colori e profumi che si possono ammirare soprattutto nei parchi e nelle riserve naturali, fiore all’occhiello di Lisbona. Non è in caso, infatti, che sia stata eletta Capitale Verde Europa del 2020 grazie al suo impegno a favore dell’ambiente e alla sua sostenibilità urbana.

Il meraviglioso Parque Florestal de Monsanto, ad esempio, è una vera e propria foresta protetta nella città che si adagia su una collina ed ospita querce, eucalipti e pini: si tratta di un rifugio unico che si mostra come una specie di bosco selvaggio controllato con i suoi 900 ettari di verde ed è attraversato da ciclovie. Particolarmente amato dai portoghesi è il Jardim de Estrela, dove è molto piacevole passeggiare per i sentieri ombreggiati e ammirare le anatre negli stagni.

A rendere particolari i Jardim Calouste Gulbenkian, perfetti per trovare un’oasi di pace dove leggere e lavorare tra giardini sospesi e terrazze, è la presenza di sale per spettacoli e aree espositive oltre che di un Centro di Arte Moderna, un Museo con biblioteca e un ristorante bar. Dal quartiere Baixa fino al punto panoramico omonimo si estende Parque Eduardo VII, che ospita una serie di serre con piante tropicali e vanta il belvedere più monumentale di Lisbona: abbraccia infatti i giardini del parco, la statua imponente del Marchese di Pombal, la valle di Avenida da Liberdade terminando all’ampiezza del fiume Tago, della sponda sud e nelle giornate molto limpide fino a serra da Arrábida.

Qui si trova, inoltre, il monumento al 25 aprile creato dallo scultore João Cutileiro, e una bandiera portoghese gigantesca. Piccolo ma decisamente incantevole il Jardim do Principe Reale, nel cuore del quartiere da cui prende il nome, mentre nella parte più moderna di Lisbona si adagia il Parque das Nacoes, dove si trovano lo spettacolare Oceanario, il museo delle scienze interattivo Ciencia Viva e una funivia che si estende per l’intero tratto del lungofiume.

Ma in primavera non si rimane ammaliati solo dalle aree verdi, anche le zone del centro non sono da meno. Inebriate anch’esse dalle fragranze, si ornano delle chiome colorate e profumante degli alberi tipici, i jacaranda, simbolo di saggezza, ricchezza, rinascita e buona fortuna. Si tratta di alberi che arrivano ad un’altezza di quasi 10 metri e che, durante la primavera, offrono meravigliose chiome di fiori azzurro-viola che appaiono come nuvole colorate sospese nel cielo.

Per lasciarsi ispirare al meglio dalle attrazioni cittadine vale la pena approfittare dei tanti punti di bike sharing o dei tour guidati in bicicletta: i principali quartieri sono tutti collegati e nonostante la capitale lusitana sia conosciuta come la città delle 7 colline, il 73% delle sue strade sono piane o presentano salite inferiori al 5%, quindi accessibili alla maggior parte degli utilizzatori, e sono presenti diverse ciclofficine popolari e numerose associazioni che si occupano di promuovere la ciclabilità.

Un modo più alternativo per scoprire Lisbona è quello di partecipare a visite con guida in tuk tuk o risciò, grazie ai quali si visitano tutti i luoghi di interesse più importanti a seconda delle proprie esigenze. Questi veicoli elettrici o a pedalata assistita, che prendono nome e ispirazioni dai loro antenati orientali, sono rigorosamente green ed ecosostenibili, si presentano a due o tre ruote e per la dimensione e le loro caratteristiche si adattano perfettamente a percorrere le strade strette dei centri storici, ma sono ideali anche per passeggiate nei grandi parchi, garantendo esperienze memorabili.

Come memorabili sono i soggiorni negli Heritage Hotel, un gruppo di 5 boutique hotel situati nel centro storico di Lisbona e originati in antiche dimore o edifici storici, tutti con interesse culturale e architettonico. Sono curati da famiglie portoghesi con tradizioni alberghiere che si sono unite per creare ambienti intimi dall’atmosfera speciale. Le piccole dimensioni delle cinque strutture, dove tradizione e modernità di fondono al meglio, assicurano un’atmosfera unica, familiare ed allo stesso tempo ricca di charme.

Situato in un palazzo progettato negli anni Quaranta del secolo scorso dal famoso architetto portoghese Cassiano Branco, è un hotel per molti versi unico che assomiglia molto a un club esclusivo. È stato restaurato valorizzando il suo stile originale Art Déco, così da affiancare all’ambiente che richiama la squisita atmosfera originale d’epoca, le comodità e il comfort richiesti oggi a un hotel d’alto livello. Le camere sono spaziose e dai colori caldi, arredate con splendidi mobili classici; i bagni, originali, sono in marmo, restaurati fin nel minimo dettaglio. (Prezzi per la camera doppia a partire da 145,00 euro compresa la prima colazione).

A due passi da Avenida da Liberdade, è un “classico” tra i migliori hotel della capitale portoghese. La decorazione di interni è stata recentemente rinnovata dall’architetto Sofia Duarte Fernandes in uno stile leggero molto portoghese, mantenendo l’impronta classica e lo spirito famigliare. Alcuni particolari accennano alla moda dell’epoca dell’apertura dell’hotel negli anni Cinquanta e motivi etnici vivacizzano i nuovi tendaggi. Nella metà delle camere sono stati recuperati i pavimenti di parquet originali, mentre nuove moquette sono state collocate nell’altra metà per soddisfare le varie esigenze degli ospiti. (Prezzi per la camera doppia a partire da 135,00 euro compresa la prima colazione).

Durante la seconda metà del XVIII secolo venne costruita una bella casa signorile all’interno delle mura del castello di San Giorgio, sul terreno dove un tempo sorgevano le ex cucine del Palazzo Alcacova. Ecco perché è ancora conosciuto con il nome di Palacete das Cozinhas (“Palazzo della Cucina”). La struttura unisce elementi dello stile razionalista di Pombal (i sobri infissi delle finestre e dell’entrata principale) con altri che esprimono maggiore libertà. Il palazzo, classificato come edificio storico, è stato trasformato in hotel e riportato agli antichi splendori grazie a un design contemporaneo di alta qualità. (Prezzi per la camera doppia a partire da 240,00 euro compresa la prima colazione).

L’ultimo nato della catena Hoteis Heritage Lisboa si trova sul corso principale, Avenida da Liberdade. Il suo design porta la firma di Miguel Câncio Martins, architetto portoghese celebre per il proprio lavoro in locali mitici come il Buddha Bar o il Thiou a Parigi, lo Strictly Hush a Londra e il Man Ray a New York. L’aspetto esterno del palazzo è stato lasciato inalterato, mentre gli interni si ispirano alle residenze urbane della borghesia portoghese. Le camere sono in pieno equilibrio tra tradizione e modernità e presentano uno stile personalizzato. Nella lobby Câncio Martins ha creato un’atmosfera che richiama la “way of life” portoghese, di nuovo in bilico tra passato e futuro. Obiettivo: ideare uno stile che affondi le proprie radici nell’identità lusitana e lisboeta. (Prezzi per la camera doppia a partire da 169,00 euro compresa la prima colazione).

Hotel Lisboa Plaza – Tv. Salitre/Av. Liberdade, Lisbona, tel. +351/21/3218218

Hotel Solar do Castelo – Rua das Cozinhas 2 (ao Castelo), Lisbona, tel. +351/21/8806050

Hoteis Heritage LisboaTel: +351 213 218 200 e-mail: heritage.hotels@heritage.pt, sito: www.heritage.pt.

ALTRI ARTICOLI
nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

i più letti

Newsletter

Gli articoli della settimana direttamente sulla tua email

Newsletter