sabato, Luglio 13, 2024

Rome 35°C

Riforme, opposizioni in piazza: “Risposta forte e unitaria contro autonomia e premierato”

(Adnkronos) – Si riempie piazza Santi Apostoli per la manifestazione delle opposizioni contro autonomia e premierato. In piazza tante bandiere Tricolore e dei partiti promotori, Pd, M5S, Avs insieme a Più Europa. Tante anche le sigle che hanno aderito, da Cgil ad Anpi. “Unità, unità” è il coro scandito mentre sul palco si avvicendano i leader del centrosinistra. "Oggi in Senato è passato il premierato, la sedicente patriota pur di portare avanti la sua riforma spacca l’Italia perché stanno forzando per portare avanti l’autonomia – dice Elly Schlein arrivando a Santi Apostoli – È importante essere, come forze di opposizione, realtà politiche, sociali e associative, tanti cittadini insieme per impedire di stravolgere la nostra Costituzione. Li fermeremo insieme, li dobbiamo fermare”.  Quella a Santi Apostoli "è una bellissima piazza – sottolinea la leader dem – tanta partecipazione, convocata in pochi giorni. La bellezza di vedere tante bandiere diverse tutte insieme unite per difendere la Costituzione e l'unità nazionale”. “Abbiamo invitato tutti – spiega – rispettiamo le scelte di ciascuno, io penso che sia stato importante dare questo segnale: per la prima volta abbiamo convocato insieme una manifestazione unitaria e c’è sempre tempo per allargare quando gli obiettivi sono comuni".  Anche Giuseppe Conte, arrivando a Santi Apostoli a piedi con Leonardo Donno e tutto il gruppo M5S, scandisce: “Non saranno calci e pugni che ci fermeranno, contro l’autonomia che spacca l’Italia e il premierato la nostra risposta è forte e unitaria: non passeranno”. E ancora: "Sono rimasto sconcertato da un presidente del Consiglio che non ha fatto nessuna condanna dell’aggressione in aula e ha parlato invece di provocazione" mentre "questa piazza e la migliore risposta all’arroganza, alla prepotenza e alla violenza. Noi siamo la riposta. La settimana scorsa si è consumato uno spettacolo indegno di una democrazia. Quella non è stata una rissa ma un pestaggio di parlamentari di maggioranza contro il nostro Donno". "Lo scopo di questa riforma è chiamare noi cittadini ogni cinque anni per votare un capo, con i parlamentari ridotti a maggiordomi, il presidente della Repubblica a passacarte. Non lo consentiremo. Le istituzioni non possono essere ridotti a ‘casa Meloni’ con cognato, amici e codazzo di yes man", le parole di Conte.  "La piazza di oggi è un segnale al Paese, bisogna essere uniti – dice Angelo Bonelli – E’ un piccolo passo, ma significativo, per costruire l’unità delle opposizioni e mandare Meloni all’opposizione”. Nel retropalco la calca è asfissiante. Parlamentari, staff, leader tutti insieme, accalcati a Santi Apostoli. Elly Schlein arriva facendosi largo tra la folla in piazza, Giuseppe Conte dalla parte opposta con tutto il gruppo M5S. C’è Leonardo Donno accanto al leader 5 Stelle, in braccio ha il figlioletto avvolto in un tricolore. Si incontrano con Schlein abbracci a favore di telecamere e un lungo colloquio. Poi l’abbraccio di Conte con Nicola Fratoianni e Angelo Bonelli. Intanto dalla piazza si alza il coro “unità, unità”. —politicawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

ALTRI ARTICOLI
nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

i più letti

Newsletter

Gli articoli della settimana direttamente sulla tua email

Newsletter