La ristrutturazione? Meglio con i mutui green

Lo dicono i numeri: chi porta avanti la ristrutturazione di casa lo fa verso il green, ottimizzandolo dal punto di vista energetico e domotico. La finanza se n’è accorta e lancia i mutui green

0

Ristrutturazione green per la maggior parte delle abitazioni i cui proprietari hanno deciso di rifar loro il look concentrandosi su materiali ecologici: un dato che lo scorso settembre è stato di  almeno il 30% in più rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Lo sostiene Habitissimo, il network che fa incontrare richieste e offerte nel settore casa e i cui esperti sottolineano pure una crescita del 27% di chi vuole applicazioni domotiche volte a rendere il proprio nido domestico il più efficiente possibile.

In effetti, non si torna indietro dalla tendenza di abitazioni sempre più sostenibili ed è su questo versante che tendono le varie declinazioni dell’edilizia. Del resto, una casa ristrutturata in modo da essere equipaggiata con risparmio energetico, home automation e salubrità aumenta il suo valore, anche oltre il 10%. E questo non passa inosservato al mercato immobiliare.

Tanto è vero che persino la finanza se n’è accorta, con i cosiddetti mutui green, verso soluzioni decisamente eco. A livello europeo è stato lanciato un progetto pilota che ha lo scopo proprio di favorire la riqualificazione delle abitazioni e incentivare l’acquisto di proprietà efficienti dal punto di vista energetico, attraverso l’applicazione di tassi più bassi e condizioni economiche favorevoli rispetto a quelli previsti per i tassi “tradizionali”: è l’Energy Efficient Mortgages Pilot Scheme.

Ristrutturazione? Meglio con i mutui green

Una quarantina di banche in tutta l’Unione ha aderito all’iniziativa.

Il programma è stato delineato mettendo a punto le indicazioni e le competenze dei diversi attori del settore edilizio-immobiliare-finanziario, dalle banche agli immobiliaristi agli operatori energetici agli esperti di edilizia sostenibile.

In un primo periodo di prova di almeno due anni si intende definire un quadro europeo di riferimento legato appunto ai mutui verdi per rendere più facile il ricorso all’efficientamento energetico, sostenendo la nascita di prodotti finanziari ad esso dedicato. Così si ha un occhio di riguardo verso criteri di sostenibilità anche in questo settore, per agevolare altresì le scelte eco che talvolta non sono considerate perché ancora troppo costose.

Insomma un’operazione di chiarezza (che è sempre assolutamente rilevante) per una finanza anch’essa sostenibile e pronta a intervenire in modo positivo nelle nuove sfide per difendere il pianeta Terra anche da questo punto di vista.

Nel nostro paese le banche coinvolte per facilitare la ristrutturazione green degli immobili sono: Banca Monte dei Paschi di Siena, Banco BPM, BPER Banca, Crédit Agricole, Friulovest Banca, Société Générale, Volksbank Alto Adige.

Ristrutturazione? Meglio con i mutui green

Foto by Pixabay

Lascia una risposta