Sherpa, la mascherina che salva gli indomabili “calcettari”

Nasce dal Politecnico di Torino, con il contributo di partner qualificati, l’idea di una mascherina utilizzabile negli sport di contatto, anche a livello amatoriale. Comoda, traspirante e filtrante, garantisce sicurezza agli atleti

0

Chi pratica sport di contatto, amatoriali o dilettantistici, sta soffrendo i divieti imposti dalle autorità governative, rinunciando ad una passione che spesso è difficile da spiegare e comprendere. Tutti gli inguaribili “calcettari” o ancora chi gioca a basket o a qualunque altro sport di squadra, attende con ansia che la situazione pandemica migliori per poter tornare ad indossare scarpe e scarpini e scendere nuovamente in campo.

Riprendere quei riti che, per molti, fanno parte della quotidianità, attività troppo spesso e sbrigativamente liquidate come inutili o superflue, al contrario importanti, sia solo guardando al beneficio fisico e mentale che porta ad ognuno un’attività sportiva costante.

Un’idea rivoluzionaria

Ipotizzare di fare sport indossando una mascherina chirurgica non è possibile, servirebbe quindi un’idea nuova e rivoluzionaria. Questa è arrivata niente meno che dal Politecnico di Torino e si chiama Sherpa, una mascherina pensata e sviluppata esattamente per chi pratica attività sportiva.

Foto Politecnico di Torino

Il progetto nasce dalla collaborazione della materioteca MATto del Politecnico di Torino con aziende come: la Stamperia Alicese di Cavaglià, in provincia di Biella, che ne sta curando il confezionamento e la commercializzazione, Panatex di Montemurlo, in provincia di Prato, che ha pensato la struttura portante ed infine, guardando alla parte strettamente tecnica, il Centro di Ricerca della multinazionale UFI Filters di Ala, in provincia di Trento, leader nella settore della filtrazione, che ha studiato il materiale filtrante sostituibile.

Respirabilità e filtrazione

I risultati delle analisi a cui la mascherina è stata sottoposta hanno dato esito più che positivo, sia in termini di efficienza di filtrazione che di resistenza respiratoria (riposo, attività moderata e intensa). La respirabilità garantisce ad ogni atleta di inalare senza problemi fino a 200 L/min di aria, un risultato compatibile con la pratica degli sport più intensi, ma soprattutto, grazie al livello di filtrazione, va incontro alle perplessità di chi vuole, giustamente, sia garantita la massima sicurezza degli sportivi.

Comunicare senza problemi

Dobbiamo augurarci che si conosca e si pubblicizzi l’esistenza di questa mascherina e che possa rappresentare una motivazione valida di deroga ai limiti imposti. Ma non è tutto. Sherpa non limiterà nemmeno la capacità di comunicare in campo, magari riprendendo un compagno poco attento, un avversario insopportabile o, non si dovrebbe ma succede, l’arbitro ingiusto. Tale completa intellegibilità del parlato è stata verificata dall’Applied Acoustics Lab del Politecnico di Torino, in collaborazione con la professoressa Arianna Astolfi, responsabile del laboratorio, e la dottoressa Louena Shtrepi.

 

Leggi anche:

 

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta