Turismo, più green con Up2You

Up2you è la piattaforma che premia i comportamenti eco e sostenibili. Attraverso questo meccanismo di ricompensa, gli utenti e le attività commerciali vengono incentivati ad adottare uno stile di vita sempre più sostenibile

0

Andrea Zuanetti è uno degli ideatori di una app che investe sul turismo, insieme a Lorenzo Vendemini, Alessandro Broglia. In una parola sola: sostenibilità, perché l’idea di Up2you è proprio quella di unire le esigenze di risparmio degli albergatori a quelle di turismo sostenibile.

Discutiamo di tutte quelle forme di turismo con caratteristiche, innovazioni, idee o proposte che sono forse fra le meno conosciute tra i viaggiatori e tra le aziende che si occupano di turisti appunto, ma che dovrebbero spopolare proprio quando potremmo tornare a viaggiare!

In vista di una ripresa nel settore dei viaggi post covid-19, conoscere queste possibilità che ci vengono offerte renderanno utili, piacevoli, incredibilmente innovativi e avvenenti i nostri spostamenti, per rimetterci in moto con una valigia in mano o lo zaino sulle spalle.

Up2you è la piattaforma che premia i comportamenti eco e sostenibili. Attraverso questo meccanismo di ricompensa, gli utenti e le attività commerciali vengono incentivati ad adottare uno stile di vita sempre più sostenibile, trasformando le abitudini dei consumatori e, sul lungo termine, rivoluzionando diversi standard di settore diffusi ma non sostenibili.

Per via degli ampi margini di miglioramento del settore turistico in termini di sostenibilità, questo obiettivo è attualmente declinato in un primo caso specifico, quello degli hotel: Up2You offre la possibilità ai clienti degli hotel di rinunciare, per una o più notti, alla pulizia della stanza e al cambio lenzuola.

I clienti che decidono di aderire vengono premiati con la piantumazione di un albero in uno dei progetti di riforestazione partner e ricevono “punti sostenibilità” spendibili per ottenere sconti e ricompense presso altre attività sostenibili partner (e-commerce bio, mobilità sostenibile, …). Abbiamo fatto alcune domande all’ideatore della start up Up2you, Andrea Zuantetti, per capirne di più.

Up2you è una piattaforma online che premia i comportamenti sostenibili. Si rivolge a privati e aziende? In che modo possono usufruirne?

Up2you mira a premiare i comportamenti sostenibili, siano essi condotti da aziende o da privati. L’obiettivo ultimo è quello di creare un circolo virtuoso dove chi è più sostenibile viene premiato e dunque incentivato ad essere sempre più attento al tema e coerente in ogni sua attività. Per quanto riguarda le aziende il nostro target principale sono le strutture ricettive, a cui proponiamo due servizi.

Servizio 1 “non disturbare”: l’ospite della struttura trova in camera un cartellino in cui viene spiegato il nostro servizio e qual’ora decidesse di appenderlo alla porta della propria stanza l’indomani non gli verrà rifatta la camera, evitando così il consumo di prodotti chimici impiegati nella pulizia. In cambio, per questa sua piccola rinuncia verrà premiato con un bigliettino su cui troverà un codice univoco che gli permetterà di andare sulla nostra piattaforma e piantare un albero in uno dei progetti di riforestazione che supportiamo.

Servizio 2 “soggiorno sostenibile”: questo servizio è diretto principalmente a quelle strutture che non prevedono il rifacimento della stanza. In questo caso l’ospite al suo arrivo in camera trova già il codice, accompagnato da un foglio contenente dei consigli utili per trascorrere una vacanza più green.

In cosa consiste il meccanismo dei premi? Oltre a questo, quali altri servizi offrite?

In questo momento il premio è l’albero che viene piantumato “in onore” del comportamento sostenibile del cliente (es. di chi decide di rinunciare al servizio di pulizia stanza per una notte), ma a breve lanceremo la fase due, che prevede una piattaforma e dei punti Up2you che gli utenti accumuleranno aderendo ai servizi e che potranno spendere per avere offerte esclusive e sconti speciali presso altre attività sostenibili, scoprendo nuove opportunità per ridurre il proprio impatto ambientale ed essere ancora più green!

Dopo aver lanciato con successo le due proposte “non disturbare” e “soggiorno sostenibile”, abbiamo deciso di non fermarci ed espanderci anche fuori dal settore prettamente turistico: per tutte le altre aziende proponiamo il servizio “+1”. In questo caso proponiamo di accompagnare il prodotto o servizio dell’azienda con un nostro bigliettino e dunque con un albero regalato al proprio cliente.

Naturalmente suggeriamo ai nostri clienti di limitare questo regalo a chi si dimostri attento al tema sostenibile e compia effettivamente una scelta in questo senso, ad esempio acquistando la versione compostabile di un prodotto esistente anche in plastica monouso.

Il progetto di riforestazione è molto nobile, siete riusciti a toccare la sensibilità di molti? Ad oggi siete soddisfatti dei vostri traguardi?

Di questi tempi, fortunatamente, la sensibilità nei confronti della sostenibilità è di molto aumentata. Ci teniamo a precisare che la nostra visione della sostenibilità è a tutto tondo: ambientale, economica e sociale, ecco perché i nostri progetti di riforestazione sono scelti con grande cura e sono tutti particolari per un qualche motivo.

Recentemente abbiamo ristrutturato il sito per comunicare più efficacemente le particolarità di ogni progetto, dal quello educativo che coinvolge i giovani studenti delle scuole di Pannur (India) che si prenderanno cura degli arbusti, crescendo insieme a loro, al progetto di autonomia alimentare tramite alberi da frutto per l’isola di Nosy Mitsio (Madagascar).

Siamo incredibilmente soddisfatti dei risultati raggiunti: il nostro debutto è stato alla BIT a Milano e il nostro stand è stato letteralmente preso d’assalto dagli albergatori, che nonostante la recente crisi del turismo continuano a chiamarci per aderire al servizio. Ad oggi grazie ai nostri clienti siamo riusciti a piantare i primi 450 alberi, tuttavia siamo molto ambiziosi e speriamo di raggiungere quota 10.000 entro la fine del 2020!

Trovo davvero brillante aver unito il sostegno all’ambiente con il settore turistico e quindi dei viaggi, da dove nasce l’idea di Up2you?

L’idea nasce appunto dai viaggi! Abbiamo notato che all’estero spesso venisse proposto il non rifacimento della stanza per contrastare il cambiamento climatico, tuttavia nessuno proponeva un incentivo reale per il cliente o, se lo faceva, la ricompensa era per lo più legata a sconti o omaggi nell’hotel (per esempio una birra al bar), totalmente slegati dalla sostenibilità. Ci siamo quindi domandati se fosse stato possibile mantenere il tema della sostenibilità lungo tutta l’esperienza del cliente, e da qui è nata Up2you!

La situazione del coronavirus alla quale tutti noi siamo sottoposti in questo periodo, colpisce in modo duro anche il settore turistico: quali sono i vostri piani in merito? Ci sono altri progetti per il futuro attraverso la vostra startup?

Effettivamente il turismo è tra i settori più colpiti da questa crisi, tanto che alcune strutture stanno valutando di non aprire del tutto per la stagione estiva 2020. Tuttavia non ci demoralizziamo e anzi stiamo comunque ricevendo molte richieste e feedback in vista della prossima stagione.

Bisogna poi ricordare che il settore del turismo, che rappresenta con il suo indotto oltre il 10% del PIL nazionale, è uno dei più resilienti e siamo certi saprà riprendersi anche da questa crisi. Nel frattempo dal canto nostro abbiamo anticipato rispetto ai piani l’avvio dei servizi rivolti ad altri settori e nei prossimi mesi avremo importanti novità, prime fra tutti la piattaforma di punti e premi per chi si dimostra più sostenibile!

Leggi anche

Coronavirus e turismo, parola d’ordine resilienza

Staycation: il futuro modo di viaggiare in Italia, almeno per un po’

 

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta