Un lago di bauxite nel Salento, uno spettacolo naturale

Nella penisola salentina precisamente a Sud di Otranto, si trova la Cava di Bauxite, un giacimento di estrazione mineraria ormai dismesso dove si è creato un lago di colore verde smeraldo. Un sito magico e suggestivo, da visitare almeno una volta nella vita

0

Un lago di bauxite, un ecosistema lacustre in cui il verde delle acque salmastre incontra la vegetazione. Si trova nelle vicinanze del faro di Punta Palascia e del Monte Sant’Angelo vicino Otranto, nel Salento. Colori intensi e un paesaggio surreale, una delle tante meraviglie della natura che ci regala la Puglia, una regione tutta da scoprire.

La Puglia, grazie alla presenza di svariati habitat, è dotata di un notevole patrimonio naturale e diversità di specie. La cava di bauxite è un luogo affascinante e misterioso, fra i più fotografati del Salento.

Un lago di bauxite

La bauxite è una roccia sedimentaria di colore rosso cupo da cui si estrae l’alluminio. Il suo particolare nome proviene da un paese francese, Les Baux de Provence, dove nacquero, nel lontano 1822, le prime miniere. Il territorio della Puglia è molto ricco di bauxite di ottima qualità.

L’estrazione di bauxite nella cava ha avuto inizio nel 1940 ed è terminata nel 1976. Fino alla metà degli anni Settanta, la cava, veniva utilizzata per l’estrazione della bauxite, un materiale ricco di ossidi, alluminio e ferro. Tutto il materiale estratto veniva portato a Porto Marghera e utilizzato per estrarre l’alluminio.  Dal 1976 è stata abbandonata perchè non più redditizia in termini di produzione.

Dall’abbandono della cava è nato un vero e proprio ecosistema lacustre. Le infiltrazioni d’acqua di una delle tante falde acquifere presenti nel nostro territorio carsico, hanno formato un lago la cui acqua ha assunto un colore particolarmente intenso a causa della presenza di residui di Bauxite nella cava.

Tutto intorno al lago la terra, colorata dalla presenza dominante del minerale, appare di un colore rosso intenso e mette ancora di più in risalto il verde brillante delle acque stagnanti, nonché il colore intenso della vegetazione circostante.

La terra della bocca della cava, per via del suo colore intenso, è prelevata e utilizzata dagli artigiani locali per produrre colori. Tutta la produzione avviene nel rispetto della natura e dell’ambiente circostante.

Il panorama ha un forte impatto visivo, magico e surreale, da pensare di essere  atterrati su Marte o nel Grand Canyon, il grande parco naturale americano.

Un lago di bauxite nel Salento, uno spettacolo naturale
Foto di Pati Luceri

Una leggenda

La leggenda racconta che qui un tempo c’era solo una profonda voragine e che poco lontano viveva Asmodeide, una giovane innamorata di Teofante. Una notte il Fato le rivela la sua maledizione: lei deve essere la sua sposa e non può unirsi a nessun altro. Ma Asmodeide sposa Teofante e Teofante muore, nonostante gli sforzi della sua sposa per impedirlo.

Ululante di rabbia, cerca il Fato presso la voragine. Per punirla, lui fa in modo di farle sgorgare acqua dalla bocca ad ogni frase che pronuncia. Fino a quando non decida di essere sua. La risposta non tarda: Asmodeide decide di gettarsi nella voragine, e da allora la sua disperazione e la sua tristezza alimentano il lago.

Un lago di bauxite nel Salento, uno spettacolo naturale
Foto di Pintarest

Come arrivare?

Il luogo è ricco di sentieri facilmente percorribili, con qualche dislivello che ci permette di raggiungere zone particolari,nelle quali poter ammirare anche la Baia delle Orte, una caletta che il più delle volte si incontra per fortuna o per caso. Un luogo molto tranquillo nel quale la quiete regna sovrana.

Un lago di bauxite nel Salento, uno spettacolo naturale
Baia delle Orte, foto di Wikipedia

L’area del lago di bauxite è di proprietà privata, ma i proprietari non hanno posto particolari restrizioni, infatti  il posto è tranquillamente raggiungibile superando una transenna.

Lo spettacolo del lago non deve indurre nella tentazione di fare un tuffo, l’acqua non è balneabile! Per fare un bagno conviene spostarsi in una delle meravigliose spiagge del Salento, dove c’è solo l’imbarazzo della scelta.

In auto:

  • Dovrete percorrere la strada che dalla città di Otranto conduce a Santa Cesarea, entrando ad Otranto dall’ultimo incrocio e svoltando subito sulla destra.
  • A questo punto, ci si ritrova in una strada di campagna che diventa quasi immediatamente sterrata e, successivamente, si è costretti ad abbandonare l’auto poiché non è più possibile raggiungere la cava in vettura. Continuando a piedi, sul vostro lato destro, potrete finalmente scorgere il meraviglioso lago verde.

A piedi:

  • Dal porto di Otranto la cava dista solo 1,5 km circa. Partite dalla rotatoria della Madonna del Passo, prendete la direzione per Orte.
  • Alla successiva rotatoria svoltate sulla destra; a questo punto, vedrete sulla vostra sinistra una croce rossa e proprio in quel momento dovrete svoltare alla prima a sinistra. Dopo 5 minuti di camminata sarete finalmente arrivati alla cava di Bauxite.

GPS:

  • Impostate queste coordinate sul GPS del navigatore o del cellulare 40.131994, 18.500748 e parcheggiate poco distante.

Uno spettacolo della natura una vittoria di quest’ultima sull’uomo e sul suo tentativo di manipolarla. Qui la natura si è riappropriata del suo spazio e ha fatto proliferare nuove forme di vita. Grand Canyon, Colorado River o Marte? No,  la nostra bella Puglia.

Leggi anche

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta