Agricoltura e alluvioni: basta con i disastri annunciati

Cia-Agricoltori Italiani si schiera al fianco degli imprenditori agricoli calabresi duramente colpiti dalle recenti alluvioni. In Calabria, ma anche in Sardegna e lungo l’intero territorio nazionale, urgono strumenti assicurativi più efficaci ed interventi strutturali per evitare disastri purtroppo invano annunciati.

0

Le cronache di questi giorni ci mostrano con drammatica evidenza i danni che i violenti fenomeni climatici hanno determinato in più regioni del nostro Paese. Il settore agricolo è quello che senza dubbio paga le conseguenze economiche più drammatiche.

Guardando ad esempio alla Calabria, ma il discorso può essere valido ad esempio anche per la Sardegna e per il resto del Paese, è ancora presto per fare una stima esatta, ma la sensazione è quella che tra danni diretti e indiretti l’agricoltura calabrese perderà circa mezzo miliardo di euro. La straordinaria alluvione che ha colpito il territorio si è abbattuta sull’agricoltura nelle aree del lametino, parte del vibonese e del crotonese e in altre diverse aree della Calabria.

Praticamente azzerata l’ortofrutta e danneggiati gravemente molti vivai, danni agli agrumeti, agli uliveti e alle strutture aziendali. Questo il primo parziale bilancio stilato dalla Cia-Agricoltori Italiani, dopo l’immediato monitoraggio nelle campagne a poche ore dall’alluvione che ha colpito la Calabria.

Agricoltura e alluvioni: basta con i disastri annunciati

La situazione nelle aziende agricole è drammatica, un disastro annunciato che nasce dall’incuria nella manutenzione del territorio: gestione dei torrenti e dei canali di scolo praticamente inesistente. Da tempo gli agricoltori avevano denunciato un problema di tenuta idrogeologica del territorio calabrese, ed ora invocano un immediato Piano straordinario di manutenzione del territorio.

Un provvedimento urgente che la Cia-Agricoltori Italiani chiederà direttamente al Governo, avendo già programmato in novembre un’assemblea nazionale incentrata proprio sulla necessità non rinviabile di interventi infrastrutturali in diverse aree del Paese. Gli imprenditori agricoli dovranno essere ristorati nell’immediato, sollecitando la regione Calabria alla istituzione di un tavolo di concertazione con le Organizzazioni Agricole per individuare tutte le azioni da intraprendere. Tuttavia serve un’azione di politica lungimirante per scongiurare situazioni analoghe, inevitabili se non si modifica lo status quo.

Quanto successo in Calabria impone un’assunzione di responsabilità delle Istituzioni, gli imprenditori agricoli sono troppo esposti a rischi nella loro attività e servono strumenti assicurativi più efficaci ed interventi strutturali sul territorio che si sta mostrando fragile e indifeso di fronte ai mutamenti climatici.

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta