Ancora Natura, ricostruire l’ambiente dopo Vaia

Ad un anno dalla tempesta di vento Vaia, che nell’ottobre 2018 ha devastato 42.500 ettari di foreste alpine, Rete Clima, l’ente no profit che promuove azioni di CSR e di sostenibilità nel settore privato e degli appalti pubblici, ha dato il via al progetto “Ancora Natura". Obiettivo: ricreare i boschi abbattuti

0

Ancora Natura,  un sostegno per la ricostruzione delle zone colpite dalla tempesta Vaia che accadeva esattamente un anno f., devastando 42.500 ettari di foreste alpine. Con l’obiettivo di ricreare i boschi abbattuti Rete Clima, l’ente no profit che promuove azioni di CSR e di sostenibilità nel settore privato e degli appalti pubblici, ha dato il via all’interessante progetto chiamato appunto Ancora Natura. Niente di più “benaugurante”.

Sostenuto grazie ad un fundraising tra aziende, associazioni e cittadini e realizzato in collaborazione con PEFC Italia (organismo garante della certificazione di gestione sostenibile del patrimonio forestale e dei suoi prodotti) e con Assofloro (Associazione nazionale dei florovivaisti), il progetto di Rete Clima coinvolge le 4 Amministrazioni locali delle 4 Regioni colpite, cioè Veneto, Friuli Venezia Giulia, Provincia di Trento e Lombardia.

Ancora Natura, ricostruire l'ambiente dopo Vaia

Queste saranno supportate in altrettanti progetti di forestazione e gestione attiva del territorio che permetteranno di mettere in sicurezza e rimboschire alcune delle aree montuose coinvolte dalla disastrosa tempesta: le aree saranno infatti gestite in maniera sostenibile mediante la certificazione forestale PEFC.

Ad oggi sono in avvio le attività in due zone certificate, quella del Consorzio Forestale dell’Alta Valtellina, in Lombardia, e BoscoArteStenico in Trentino. Ulteriori interventi sono in fase di finalizzazione e saranno volta per volta mappati all’interno della piattaforma www.ancoranatura.it al fine di garantire la massima tracciabilità delle attività ed alla trasparenza dell’impiego dei fondi raccolti. Le donazioni sono ancora aperte e tutte le informazioni sono disponibili sul sito dedicato.

Ancora Natura, ricostruire l'ambiente dopo Vaia

Ancora Natura, la rete solidale

Con il progetto Ancora Natura, Rete Clima dà seguito alla Filiera Solidale PEFC, l’unico sistema pensato per promuovere il recupero e la valorizzazione del legname proveniente dagli schianti collegati alla tempesta Vaia. “Il nostro progetto si pone perfettamente in continuità con quello della Filiera Solidale, puntando in particolar modo alla ricostruzione e alla rinascita dei territori”, spiega Paolo Viganò, CSR Manager di Rete Clima.

Vogliamo dare sostegno alla seconda fase dell’emergenza: dopo aver supportato e promosso l’uso e la vendita ad un prezzo equo del legno abbattuto, ci si prefigge ora di ricreare foreste da gestire in maniera sostenibile mediante la certificazione forestale, affinché tornino a donare servizi ecosistemici al territorio locale e al clima globale. Le operazioni forestali permetteranno di mettere in sicurezza e rimboschire alcune delle aree coinvolte dalla disastrosa tempesta, tutelando gli equilibri ambientali di territori e versanti montuosi e contribuendo a prevenire il dissesto idrogeologico”.

Rete Clima, ente no profit

Rete Clima è un Ente non profit che promuove economia circolare, Corporate Social Responsibility, sostenibilità, rendicontazione ambientale e sociale, contrasto al cambiamento climatico. Nell’ambito del proprio Percorso Emissioni CO2 zero®, Rete Clima coinvolge le Organizzazioni in una filiera rivolta alla valutazione e gestione delle emissioni di gas serra di prodotti, servizi, Organizzazioni, mobilità ed eventi.
Per maggiori informazioni: www.reteclima.it.

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta