Attila, la e-bike per yacht de La Strana Officina

Nel segno della sostenibilità, La Strana Officina, azienda toscana che realizza biciclette originali ed uniche capaci di coniugare tecnica, stile e colore, presenta Attila, una e-bike, un po' bici un po' scooter, nata per uno yacht da sogno

0

Se per ognuno esiste un luogo dei sogni, La Strana Officina lo è certamente per chi ama la bicicletta.

Stiamo parlando di una dinamica azienda toscana che crea modelli capaci di coniugare estetica, funzionalità e soprattutto innovazione. La vera forza è quella di realizzare prodotti che il mercato comune delle bici non propone, sia per scelte di mercato, sia per mancanza di idee.

Attila, la e-bike per yacht de La Strana Officina

Le biciclette prodotte da La Strana Officina sono tutti pezzi unici che si distinguono per un’attenzione quasi maniacale ai dettagli e alla loro cura. Uno stile che è confermato dall’assidua collaborazione con il settore della moda. Non a caso alcune firme di prestigio, come Salvatore Ferragamo, hanno richiesto la collaborazione de La Strana Officina per la realizzazione di vere e proprie opere d’arte uniche nel loro genere.

Attila, la e-bike per yacht de La Strana Officina

L’ultima proposta di Marco Batistoni e dell’azienda toscana va oltre, guarda al lusso con una nota di sostenibilità ambientale che non disturba. Si tratta infatti di un nuovissimo modello elettrico di e-bike, tanto simile ad uno scooter, nato per gli yacht. Uno di quei mezzi indispensabili che servono a muoversi con facilità quando si attracca in porto.

Prototipo ed unico esemplare prodotto, è stato disegnato dallo studio  Francesco Paszkowski Design che, da oltre trenta anni progetta yacht plananti e dislocanti per cantieri ed armatori di tutto il mondo. La realizzazione è stata interamente de La Strana Officina ed il nome del mezzo è Attila, lo stesso del meraviglioso 64 metri al quale la e-bike è chiamata a fare da supporto.   

Attila, la e-bike per yacht de La Strana Officina Le immagini parlano meglio delle migliori parole che potremmo spendere. Parlavamo di dettagli ed allora come non ammirare la sella rivestita in pelle in stampa di coccodrillo, la borsa in cuoio trapuntata, fino ad arrivare alle pedaline di appoggio rivestite in teak. Il motore ha una potenza di 750 W ed è alimentato da una batteria da 720 A installata all’interno del carter inferiore.

 

 

Leggi anche:

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta