Bonus bici e monopattini per una mobilità sostenibile

L’Italia punta alla mobilità dolce e sostenibile. Più bici e meno macchine. Per la fase 2 dell’emergenza coronavirus il governo, attraverso il decreto Rilancio, ha introdotto un bonus mobilità per l’acquisto di biciclette, bici elettriche, monopattini e servizi di mobilità condivisa. Il bonus di massimo 500 euro sarà valido fino al 31 dicembre 2020

0

Il “bonus mobilità” è una delle tante misure previste dal Dl Rilancio (Art. 205). L’incentivo è rivolto ai maggiorenni residenti nelle città capoluogo di regione e di provincia, nelle città metropolitane, nei comuni con oltre 50mila abitanti. Non potranno beneficiare del bonus mobilità i pendolari, gli studenti e i lavoratori fuori sede, con la residenza diversa dal lavoro in cui studiano o lavorano. L’importo complessivo è di  massimo 500 euro e copre fino al 60% della spesa sostenuta.

Con il bonus si può comprare:

  • Bici tradizionali (a trazione muscolare).
  • Biciclette a pedalata assistita (bici elettriche o e-bike).
  • Monopattini elettrici.
  • Altri mezzi per la mobilità personale “a propulsione prevalentemente elettrica” come segway, monowheel e hoverboard.
  • Abbonamenti a servizi di sharing a uso individuale (tranne che di autovetture).
  • Non rientrano, invece, nell’elenco gli scooter elettrico.

Questo bonus è cumulabile con quello già annunciato nel Decreto Clima che prevede l’erogazione, fino a esaurimento risorse: 1500€ (autovettura) o 500€ (ciclomotore) per i residenti nei comuni con più alta concentrazione di smog (interessati dalle procedure di infrazione comunitaria n. 2014/2147 del 10 luglio 2014 o n. 2015/2043 del 28 maggio 2015) che rottamano, entro dicembre 2020, autovetture omologate fino alla classe Euro 3 o motocicli omologati fino alla classe Euro 2 ed Euro 3 a due tempi.

Quali sono i tempi e le modalità?

Il bonus si può richiedere per acquisti fatti dal 4 maggio 2020 (dunque è retroattivo) fino al 31 dicembre 2020.

Le possibili modalità di erogazione dei 500 euro sono due:

  1. Il rimborso: in attesa che vengano definite le disposizioni definitive, però, è consigliabile richiedere la fattura al commerciante. Il semplice scontrino potrebbe non essere sufficiente per ottenere il rimborso previsto. Per ottenere il contributo bisogna conservare la fattura e, non appena sarà on line, accedere tramite credenziali SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) sull’applicazione web che è in via di predisposizione da parte del Ministero dell’ambiente e accessibile anche dal suo sito istituzionale.
  2. Il commerciante: fa lo sconto diretto al cliente e poi recupera la differenza tramite i documenti di vendita.

Bisogna attendere il decreto attuativo per capire se sarà possibile beneficiare del bonus anche acquistando online. 

Il bonus mobilità, una scelta di sostenibilità

Il decreto Rilancio ha previsto uno stanziamento di 120 milioni di euro. Per agevolare una mobilità sostenibile evitando il sovraffollamento dei mezzi pubblici e i pericoli della congestione del traffico di mezzi e persone durante la Fase 2, soprattutto nelle ore di punta.

Più biciclette, più piste ciclabili. È previsto anche un finanziamento per progetti che si occuperanno della creazione, dell’ammodernamento e della messa a norma di nuove corsie dedicate al trasporto pubblico locale, come le corsie ciclabili a raso, delimitate all’interno della carreggiata stradale da una segnaletica orizzontale, dedicate ai velocipedi.

Foto: Pixabay

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta