Dai ghiacciai riflessione sui cambiamenti climatici

In mostra il “Cambiamento” con il progetto “Sulle tracce dei ghiacciai” in programma al Festival della Scienza di Genova

0

Cambiamenti climatici. Argomento ormai al centro dell’interesse mondiale e sicuramente uno dei temi più discussi ovunque. La nostra Madre Terra proprio in questi giorni ci lancia messaggi di quanto il cambiamento sia in atto, un inverno che tarda ad arrivare con sempre più frequenti innalzamenti di temperature, mutazioni che si ripercuotono su animali, piante e ambiente in ogni forma. Come accade con lo scioglimento dei ghiacciai.

Proprio in merito allo scioglimento dei ghiacciai, dal 25 ottobre al 4 novembre, al Festival della Scienza di Genova, in mostra il “Cambiamento” con il progetto “Sulle tracce dei ghiacciai” .

Una mostra di 60 impressionanti confronti fotografici che danno un’idea immediata di quanto il nostro Pianeta è cambiato in meno di 100 anni con riduzioni e arretramenti fino a oltre 20 km. L’evento terminerà il 4 novembre con una conferenza stampa tenuta dagli esperti sul tema.

Il riscaldamento globale testimoniato in modo inequivocabile dal collasso dei ghiacciai montani più importanti della Terra sarà protagonista al Festival della Scienza di Genova che quest’anno ha per tema “Il cambiamento” grazie alla presenza della mostra “Sulle tracce dei ghiacciai” .

Gli oltre 60 confronti fotografici realizzati dal fotografo Fabiano Ventura sulle catene montuose di Karakorum, Caucaso, Alaska e Ande mostreranno ai visitatori del Festival quanto quei territori siano cambiati, rappresentando un’incredibile testimonianza dell’emergenza che è ormai sotto gli occhi di tutti.

Già perché proprio i ghiacciai sono considerati degli indicatori molto precisi dei cambiamenti climatici a livello globale. La mostra “Sulle tracce dei ghiacciai”, che ha ricevuto il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO e della Fondazione Cariplo e che rimarrà esposta dal 25 ottobre al 4 novembre, prende il nome dal progetto decennale ideato e diretto dallo stesso Ventura che, oltre a produrre il più grande archivio fotografico di immagini di confronto sui ghiacciai della Terra, mira a sensibilizzare il grande pubblico sulle tematiche ambientali, attraverso mostre, conferenze, programmi didattici, installazioni, documentari.

“Considerato che il tema di quest’anno del Festival della Scienza di Genova è proprio il “cambiamento” – dice Ventura – sono convinto che una tematica come quella dei cambiamenti climatici non poteva mancare. Anche perché il Festival è molto visitato da giovani e studenti, principali destinatari del nostro messaggio”.

La mostra sarà supportata da una conferenza intitolata “Montagne senza ghiacciai. Un futuro possibile?” organizzata dal Comitato Scientifico del Cai ed è prevista per il 4 novembre, alle 15,00, coordinata dal giornalista Luca Calzolari,  In un confronto  Fabiano Ventura e il professor Claudio Smiraglia, glaciologo di fama internazionale, approfondiranno la tematica dei cambiamenti climatici per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di un impegno concreto per limitare l’aumento della temperatura globale.

All’incontro, aperto al pubblico, interverranno anche i principali sponsor della mostra: Epson Italia (Luca Cassani, CSR manager) e Club Alpino Italiano (Gianni Carravieri, presidente Cai Liguria).

Alla fine della conferenza Fabiano Ventura e Claudio Smiraglia accompagneranno il pubblico in una visita guidata della mostra.

Per informazioni:

mostraconferenza

Sito web
http://www.sulletraccedeighiacciai.com

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta