Desertificazione e siccità, oggi una giornata per riflettere

Oggi si celebra la Giornata mondiale contro la desertificazione e la siccità. Il tema di quest’anno è Food. Feed. Fibre (Cibo, Mangimi e Fibre), con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica nell’utilizzo sostenibile dell’acqua, così da contrastare e prevenire la desertificazione e gli effetti nocivi della siccità.

0

Oggi 17 giugno si celebra la Giornata Mondiale per la lotta contro la desertificazione e la siccità. Il tema scelto per quest’anno è Cibo, Mangimi e Fibre (Food-Feed-Fibre). Istituita nel 1995 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, è una ricorrenza nata per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla responsabilità collettiva nell’utilizzo sostenibile dell’acqua.

La Convenzione delle Nazioni Unite per la lotta alla desertificazione (UNCCD) rappresenta l’unico strumento internazionale giuridicamente vincolante, che regola e guida le azioni necessarie per contrastare il fenomeno di degrado del territorio e della desertificazione mettendo in relazione la protezione ambientale e lo sviluppo socio-economico .

Assieme alla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) ed alla Convenzione sulla diversità biologica (CBD) fa parte delle tre convenzioni dell’ONU sull’ambiente definite anche le “Convenzioni di Rio”.

Giornata mondiale contro la desertificazione e la siccità, un fenomeno serio

Il fenomeno della desertificazione è dovuto soprattutto alla pressione umana sulla ricchezza dei suoli del Pianeta ed è quindi fortemente connesso alla distruzione delle foreste e degli altri habitat naturali che proteggono i nostri suoli. La cattiva gestione dei suoli, la modificazione dei cicli idrici, i cambiamenti climatici, sono tutti ambiti in cui intervenire.

Purtroppo la desertificazione è una minaccia seria per le terre aride e semi-aride delle aree più povere del pianeta, che sono anche le più vulnerabili ai cambiamenti climatici, ma sono più di 110 i paesi potenzialmente a rischio di desertificazione. 

Anche l’Italia è stata inclusa nei paesi potenzialmente soggetti a fenomeni di desertificazione, tanto che il tema è pienamente trattato nella Strategia nazionale di adattamento al cambiamento climatico in via di completamento.

In Italia, secondo le stime CnrAnbi, ci sono aree in cui, a causa dei cambiamenti climatici e di pratiche agronomiche forzate, la percentuale di sostanza organica, contenuta nel terreno, è scesa al 2%, soglia per la quale si può iniziare a parlare di deserto.

Le aree a rischio sono il 70% in Sicilia, il 58% in Molise, il 57% in Puglia, il 55% in Basilicata, mentre in Sardegna, Marche, Emilia romagna, Umbria, Abruzzo e Campania sono comprese tra il 30 e il 50%. Nel complesso il 20% del territorio italiano rischia di diventare incoltivabile.

Giornata mondiale contro la desertificazione e la siccità, la situazione ad oggi

  • oltre due miliardi di ettari di terreni precedentemente produttivi sono degradati;
  • oltre il 70% degli ecosistemi naturali è stato trasformato e entro il 2050 potrebbe raggiungere il 90%;
  • entro il 2030, la produzione alimentare richiederà ulteriori 300 milioni di ettari di terreno;
  • entro il 2030, l’industria della moda prevede di utilizzare il 35% in più di terreno – oltre 115 milioni di ettari, equivalenti alle dimensioni della Colombia.

Ora più che mai è necessario:

  • ridurre la domanda eccessiva dei terreni naturali
  • evitare gli sprechi alimentari
  • ridurre la richiesta di acqua per le produzioni alimentari ed industriali
  • ridurre l’impronta idrica negli allevamenti
  • equilibrare la domanda di prodotti di origine animale
  • evitare che aree forestali, che proteggono la biodiversità e combattono il degrado del suolo e la desertificazione, vengano perse a causa della conversione dei terreni per gli usi agricoli, per il pascolo e la produzione di mangimi.
  • rafforzare i sistemi alimentari e idrici più deboli, così da contribuire a ridurre gli effetti della pandemia sulla povertà globale.

L’evento dedicato alla giornata è online

L’evento globale della giornata Desertification and Drought Day 2020 è ospitato dal Korea Service Forest della Repubblica della Corea. (KFS) e, come tanti altri eventi programmati a seguito della pandemia di covid-19 si svolge online in video Conferenza (Facebook, Youtube, Twitter)

  • La Campagna può essere seguita su social con hashtag: #DesertificationAndDroughtDay e #FoodFeedFibre.

La Terra e l’Ambiente vivono nell’attuale fase storica un momento di profonda crisi e difficoltà, dovuta principalmente ai comportamenti non corretti che l’uomo ha introdotto nei decenni passati.

Per far sì che la terra possa soddisfare le esigenze dell’intera popolazione mondiale, infatti, è necessario modificare stili di vita errati, educando al tempo stesso le persone a ridurre il proprio impatto ambientale e ad adottare una pianificazione più efficiente delle pratiche sostenibili.

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta