Effetto Farfalla, educatori ambientali nelle spiagge sarde

Effetto Farfalla è il progetto dei CEAS della Sardegna-Centri di Educazione all’Ambiente e alla Sostenibilità-che vedrà impegnati oltre 100 educatori ambientali nelle spiagge sarde: si tratta di un’azione di sensibilizzazione contro l’inquinamento della plastica, l’abbandono di rifiuti e i furti di sabbia che vanno a interessare direttamente le nostre spiagge

0

Saranno oltre 100 gli educatori ambientali che durante la stagione estiva si troveranno nelle spiagge delle coste sarde allo scopo di coinvolgere i loro frequentatori nel rispetto di quello stesso ambiente naturale e non solo. Da dove partire, infatti, se non dai nostri mari che sempre di più sembrano contaminati dall’inquinamento e soprattutto quello da plastica?

Un’azione di sensibilizzazione quello dei CEAS della Sardegna -Centri di Educazione all’Ambiente e alla Sostenibilità- che vedrà i suoi professionisti ambientali impegnati nell’informazione, divulgazione, sensibilizzazione sulla fragilità dell’ecosistema marino e su ciò che ciascuno di noi può fare per la salute del nostro pianeta.

Il progetto Effetto Farfalla e la campagna di comunicazione sono stati presentati proprio ieri, venerdì 2 agosto, nella sala Saint-Exupéry all’aeroporto di Alghero, una delle sedi di contatto con i turisti, dal Direttore del Parco Mariano Mariani e dai rappresentanti della Regione Autonoma della Sardegna, Servizio SASI dell’Assessorato della Difesa dell’Ambiente alla presenza delle associazioni ambientaliste.

Effetto Farfalla, educatori ambientali nelle spiagge sarde

L’evento, con i suoi educatori, andrà a coinvolgere bambini, bambine, ragazzi e ragazze, genitori, cittadini, turisti che si troveranno a godere della bellezza delle spiagge dell’Isola. Il nome del progetto si ispira invece, alla teoria di Edward Lorenz, basata sul concetto che piccole variazioni nelle condizioni iniziali, sono in grado di produrre grandi variazioni nei comportamenti a lungo termine.

Ed è esattamente questo il fine dell’intera iniziativa, il cui slogan è appunto: “Piccoli gesti per grandi cambiamenti”. Uno slogan che va ad unire tutti i CEAS della Sardegna – coordinati dal CEAS Porto Conte di Alghero, capofila del progetto promosso e finanziato dalla Regione Autonoma della Sardegna, Servizio SASI dell’Assessorato della Difesa dell’Ambiente.

Tante piccole azioni che ciascuno di noi può effettivamente compiere e che andandosi a sommare, potranno davvero creare il grande cambiamento sperato. Ma tante sono le iniziative che anche i CEAS andranno a realizzare nei propri territori di appartenenza: giornate di sensibilizzazione in spiaggia ed incontri tematici dove si affronteranno le questioni centrali per la salute del nostro pianeta.

Effetto Farfalla, educatori ambientali nelle spiagge sarde

Sono previste anche attività di educazione ambientale nelle scuole con particolare attenzione ai problemi dei litorali sardi: abbandono della plastica e dei rifiuti, furto di sabbia, danni ai monumenti naturali, scarso rispetto verso la flora e la fauna.

Il progetto prevede la produzione di materiale informativo tematico che sarà distribuito in migliaia di copie nelle località interessate. Particolarmente significativa è poi l’immagine principale della campagna di comunicazione, rappresentata da un pesce ottenuto con rifiuti di plastica per evidenziare gli effetti dannosi e mortali della plastica e delle micro-plastiche sulla fauna marina e indirettamente sull’uomo.

Ma non è finita qui, perché durante la conferenza, il direttore Mariano Mariani ha annunciato anche un Parco Plastic Free per cui è stato adottato un provvedimento, in questo senso: “Per ridurre, fino alla completa eliminazione nell’arco di 12 mesi, l’uso della plastica, sostituendola con vetro, alluminio o prodotti biodegradabili in tutti gli uffici dell’Ente Parco e nelle diverse pertinenze”. Infine, il direttore ha invitato al primo piccolo gesto del progetto Effetto Farfalla: “Firmare la petizione #stopplasticpollution del WWF”.

 

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta