sabato, Maggio 18, 2024

Rome 24°C

Eventi climatici estremi, le nostre case sono al sicuro?

(Adnkronos) – Alluvioni, grandinate, frane, trombe d'aria, incendi dovuti alla siccità e alle temperature record, sono alcuni degli eventi climatici estremi sempre più ricorrenti e riconducibili al cambiamento climatico in atto. Infatti, nel 2023 sono stati registrati a livello nazionale ben 378 eventi climatici estremi, il 22% in più rispetto all'anno precedente secondo i dati resi noti da Legambiente. In particolare, alluvioni ed esondazioni sono aumentate del 170% negli ultimi 12 mesi, causando miliardi di danni all'agricoltura, alle aziende, alle infrastrutture e, non ultime, alle abitazioni. Proprio per questo, il livello di attenzione dei cittadini su tali tematiche si è decisamente alzato: oggi, 8 italiani su 10 sono più sensibili alle questioni legate al clima. Non solo, anche un senso di insicurezza aleggia tra la popolazione: solo il 16% considera la propria casa al sicuro dagli eventi climatici estremi e il 42% si dichiara fortemente preoccupato che con l'intensificarsi di tali fenomeni la propria abitazione possa subire dei danni anche piuttosto rilevanti nel prossimo futuro. Sono questi alcuni dei dati più significativi di una recente ricerca dell'Osservatorio Sara Assicurazioni. Una crescente preoccupazione che spinge quasi un italiano su tre (32%) a pensare di trasferirsi in una zona più sicura, anche se il 20% ritiene che i fenomeni meteo estremi ormai possano colpire ovunque e che, quindi, non vi sia un'area del Paese meno esposta di un'altra. A tale proposito, Ispra segnala che il 94% dei comuni italiani è a potenziale rischio di frane, alluvioni o erosione costiera.  Gli italiani interpellati dalla ricerca sopra citata hanno provato a dare una risposta su come affrontare e ridurre i rischi derivanti dagli eventi climatici estremi sempre più ricorrenti. In primo luogo, per il 40% degli interpellati, sono necessari interventi per la messa in sicurezza del territorio nazionale e per il contenimento del rischio idrogeologico. Il 33% indica come possibile rimedio il miglioramento della sicurezza degli edifici esistenti. Per il 23% è fondamentale investire in tecnologia, specie in termini di funzione preventiva, ad esempio attraverso l'utilizzo di sensori di allerta. Per cercare di contrastare i possibili effetti del cambiamento climatico, inoltre, il 60% degli italiani si dichiara disposto a valutare una polizza di assicurazione sulla propria casa, mentre il 40% non lo ritiene una soluzione. Tra le principali motivazioni di coloro che non stipulerebbero una polizza sulla casa, il 27% riguarda la scarsa conoscenza dei prodotti assicurativi, il 21% il fatto di dover sostenere spese ulteriori. Proprio la questione economica, ovvero la volontà di tutelarsi finanziariamente in caso di danni da eventi climatici, è la motivazione principale tra coloro che invece valuterebbero una polizza sulla casa. —sostenibilitawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

ALTRI ARTICOLI
nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

i più letti

Newsletter

Gli articoli della settimana direttamente sulla tua email

Newsletter