Farfalla cavolaia, 5 rimedi per difendere l’orto

Il pericolo della Farfalla Cavolaia per gli orti si ripresenta ogni anno in autunno. Esistono alcuni rimedi in grado di risolvere il problema con pazienza e dedizione, e gli ortaggi saranno sani e salvi da questi insetti

0

La farfalla cavolaia, eccola di nuovo all’inizio dell’autunno a minacciare le culture degli orti. In particolar modo questo insetto della famiglia dei lepidotteri (Pieris brassicae) è un vero e proprio pericolo per le piante con foglie larghe coltivate negli orti come i Cavoli, Bietole, Verze e anche Spinaci.

Ma la minaccia reale non è la bella ed elegante farfalla, lo sono i bruchi che, dopo la deposizione delle uova nascono e divorano le foglie.

Gli agricoltori o gli appassionati dell’orto che amano avere a disposizione ortaggi freschi e genuini, non gradisco questo insetto che depone le uova sulle foglie da cui poi fuoriescono le larve voraci che distruggono i raccolti.

Cosa fondamentale è riconoscere i bruchi e le uova per poterli eliminare delle foglie; le uova hanno un colore giallo ma non sono facili da trovare perché vengono deposte sotto le foglie o all’interno dei cavoli, I bruchi sono verdi/gialli con puntini neri.

La Farfalla Cavolaia

vediamo quali sono i 5 rimedi da seguire per difendere l’orto:

  1. Combinazione di coltivazione con pomodori

  2. Rotazione delle colture

  3. Macerato di pomodoro

  4. Bacillus thuringiensis

  5. Decotto di Assenzio

Combinazione di coltivazione con pomodori: piantare gli ortaggi esposti al pericolo della farfalla cavolaia in prossimità dei pomodori. I pomodori infatti sono un repellente per i bruchi che appena sentono l’odore cadono a terra.

Rotazione delle colture : è importante non coltivare gli ortaggi sempre nello stesso posto perché questo rende le piante maggiormente esposte all’attacco dei parassiti

Bacillus thuringiensis : si tratta di insetticida biologico con elevata efficacia e cosa importante non pericoloso per l’uomo

Macerato di pomodoro : si produce semplicemente e ha un alto potere antirepellente

Decotto di Assenzio : basta fare un decotto e spruzzarlo sulle piante nell’orto

 

Esistono inoltre rimedi meccanici per ostacolare la cavolaia, alcuni utilizzati in particolar modo per le grandi culture:

  1. Reti anti insetto

  2. Polvere di roccia

  3. Rimozione manuale

Le reti anti insetto : basta coprire i cavoli con le reti anti insetto e le uova non potranno essere deposte Questo metodo si usa nelle grandi culture poiché necessita di manodopera e anche di un costo elevato.

La Polvere di roccia : si usa caolino o zeolite distribuite sulle foglie così da evitare l’attacco dei bruchi.

La Rimozione manuale : nei piccoli orti giornalmente si può intervenire sulle piante e rimuovere le uova o i bruchi che generalmente sono nascosti sotto le foglie o all’interno delle piante

Insomma, per continuare a veder svolazzare le volteggianti farfalle cavolaie e poter gustare ortaggi sani e genuini, basta applicare questi accorgimenti.

 

Fonte : https://www.ortodacoltivare.it/

Foto : pixabay

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta