Festa della Musica 2019 a Roma, diritto fondamentale alla cultura

Torna a Roma la Festa della Musica, giunta alla sua 34esima edizione europea. Oggi la presentazione dell'evento con una conferenza stampa a cui ha partecipato anche Green Planet News

0

Torna a Roma la Festa della Musica, giunta alla sua 34esima edizione europea. Green Planet News ha partecipato alla conferenza stampa di presentazione delle iniziative promosse da Roma Capitale per la Festa della Musica di Roma 2019 che si è tenuta questa mattina a Palazzo Braschi con la presenza della sindaca Virginia Raggi, del vicesindaco Luca Bergamo e della presidente della Commissione cultura, Eleonora Guadagno.

In occasione della Festa della Musica di Roma Capitale tutti potranno fare liberamente musica in città, in conformità con l’anima della prima Festa lanciata in Francia nel 1982, con i principi della Carta di Budapest, e con lo spirito con cui la Festa della Musica è vissuta in contemporanea in altre città italiane, in molte città in Europa (Francia, Spagna, Germania, Gran Bretagna, Grecia, solo per citare alcuni paesi) e nel resto del mondo, dall’Africa agli USA, dal centro e sud America alla Cina, fino ad arrivare in Australia.

Festa della Musica 2019 a Roma, diritto fondamentale alla cultura

Una festa caratterizzata dalla partecipazione spontanea dei cittadini e di tutti coloro che vivono la città. Chiunque vi può prendere parte attivamente: artisti, studenti, gruppi musicali, cori, solisti, professionisti e soprattutto amatori.

“Quest’anno abbiamo voluto estendere la festa a tutta la città dal centro alle periferie, in tutti i Municipi, con una serie di eventi fuori dal palco a livello di chi ascolta, perché la musica è un veicolo importantissimo che riesce a superare ogni tipo di barriera è un linguaggio universale – ha sottolineato la sindaca Virginia Raggi –  Abbiamo lanciato una call che si chiama “Facci sentire chi sei!” Un messaggio vincente che la città ha saputo raccogliere in questi anni”.

Finora superati 4300 musicisti iscritti per oltre 450 appuntamenti. Ma i numeri potrebbero ulteriormente aumentare poiché c’è tempo fino alle 23.59 di domani, mercoledì 19 giugno, per iscriversi gratuitamente online sul sito www.festadellamusicaroma.it.

Festa della Musica 2019 a Roma, diritto fondamentale alla cultura

Per otto ore consecutive la città sarà invasa da ogni genere musicale – dalla classica al reggae, dall’elettronica al pop, dal folk al jazz, dal blues al rock – e si festeggerà tutti insieme il solstizio d’estate. Diversi i luoghi coinvolti: strade e piazze, parchi, ville, chiese, ospedali, Asl, mercati rionali, centri commerciali, stazioni della metropolitana, università, biblioteche, musei, teatri. E quest’anno la Festa della Musica di Roma si appresta a diventare una delle più partecipate a livello internazionale.

Festa della Musica 2019 a Roma, diritto fondamentale alla cultura

“Un grande evento culturale che fonde tradizioni e culture diverse, otto ore dedicate alla musica internazionale. Anche quest’anno il 21 giugno tornerà protagonista come potere aggregante capace di veicolare le emozioni. Con la partecipazione dell’Ambasciata Turca e Indonesiana”, ha affermato Eleonora Guadagno, presidente della Commissione cultura.

Il vicesindaco Luca Bergamo ha poi aggiunto: “Credo che in questo momento storico di grandi paure e solitudine trascorrere un pomeriggio come una serata immersi nella musica e nella bellezza di Roma insieme ad altre persone sia un modo per abbattere muri e riappropriarsi degli spazi pubblici proprio come accade da anni in altre Capitali europee.” Ha ricordato che è previsto il primo musical interamente tradotto nella lingua dei segni, a cura della Federazione Italiana Associazione Sordi.

Sarà possibile seguire la Festa della Musica anche su Facebook, Twitter e Instagram sul profilo Cultura Roma. Per il programma aggiornato e completo www.festadellamusicaroma.it.

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta