Fiori dalle sigarette: i mozziconi basi biodegradabili per le piante

Al via il progetto sperimentale “Focus” . Il sindaco di Capannori Luca Menesini: “Una risposta concreta e innovativa, sotto il segno dell’economia circolare a questi rifiuti che sono altamente inquinanti e rappresentano una parte consistente non riciclabile”

0

Mozziconi di sigarette, da rifiuto gettato in terra altamente inquinante, a risorsa da trasformare in substrato inerte, ovvero una base biodegradabile che permetterà ai vivaisti, la coltivazione di piante ornamentali e di arbusti. Attraverso l’uso di alghe, questa sostanza diventerà, inoltre, un biocarburante.

Si tratta del progetto sperimentale “Focus” (Filter of Cigarettes reUse Safely), in assoluto il primo in Italia nel suo genere, che nei giorni scorsi ha preso il via a Capannori e durerà per 3 anni.

Focus è promosso dal Centro Interdipartimentale “Enrico Avanzi” dell’Università di Pisa (capofila) in collaborazione con il Comune di Capannori, l’Istituto sugli ecosistemi terrestri del Cnr, il Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentarie Agro-ambientali (DiSAAAa) e Ascit.

Grazie alla caratteristica innovativa, il progetto ha ricevuto un cofinanziamento del 50% dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, che si aggiunge alle risorse del Centro Interdipartimentale “Enrico Avanzi” e del Comune di Capannori.

I mozziconi saranno raccolti in appositi contenitori, favorendo la raccolta differenziata di questi residui di sigaretta, riuscendo a dare una seconda vita a tale rifiuto. I mozziconi sono ritenuti uno dei rifiuti urbani non biodegradabili più diffusi.

La loro elevata produzione, circa 1 milione di tonnellate  l’anno, rappresenta un serio pericolo per l’ambiente, la salute e l’economia.

“Nel dettaglio – spiega Lorenzo Guglielminetti, coordinatore del progetto – si prevede di riutilizzare i residui delle sigarette come substrato inerte per la crescita di piante ornamentali attraverso tecniche di coltura idroponica.

Inizialmente dovranno essere individuate le migliori tecniche di preparazione del materiale inerte. I residui di sigaretta dovranno essere prima separati dalle componenti biodegradabili (carta e tabacco) e poi opportunamente trattati per risultare chimicamente e fisicamente adatti all’uso proposto”.

Sempre Guglielminetti aggiunge: “Ottenuto il substrato inerte adeguato, saranno condotte prove di germinazione di molte specie vegetali al fine di individuare quelle che meglio si adattano al sistema. Con queste ultime saranno poi condotte prove di crescita fino al completamento del ciclo vitale.

Diverse specie di micro-alghe saranno poi testate sui residui prodotti dal processo. Individuate le specie più adatte, sarà messo in opera un sistema in grado di abbattere tutti i residui con concomitante produzione di biomassa algale. Questa biomassa potrà poi essere utilizzata per la produzione di biocarburanti, chiudendo così un ciclo virtuoso”.

 

 

Foto: Fonte Pixaby

Foto: Fonte Comune di Capannori

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta