Honeyland: il film dedicato alle api e al delicato equilibrio tra uomo e natura

Già partita in Italia, in diverse sale cinematografiche, la programmazione di “Honeyland. Il regno delle api”, candidato come Miglior Documentario e Miglior Film Internazionale per la Macedonia del Nord ai Premi Oscar 2020 e presente nella cinquina dei finalisti per le due categorie. Un film sorprendente, ritratto affascinante di solitudine, sopravvivenza, dedizione, povertà, che denuncia il rischio di ignorare il rispetto della biodiversità ed il delicato equilibrio tra uomo e natura

0

Le api sono sentinelle ecologiche, bioindicatori della qualità dell’aria e “tutor” ambientali in relazione ai comportamenti umani. Vere regine dell’ambiente, come le ha giustamente chiamate Legambiente in occasione della Giornata mondiale delle api lo scorso maggio. È fondamentale informare e sensibilizzare i cittadini, fare proposte green a istituzioni, mondo imprenditoriale e consumatori e mettere insieme, contemporaneamente, una fitta rete di alleanze con gli apicoltori che svolgono un ruolo fondamentale per la custodia della natura.

Honeyland: il film dedicato alle api e al delicato equilibrio tra uomo e natura

Anche il mondo del cinema si è mostrato sensibile al tema presentando “Honeyland. Il regno delle api”, un docufilm candidato all’Oscar nelle categorie Miglior Documentario e Miglior Film Internazionale.

Girato nel nord della Macedonia, Honeyland ci fa conoscere la straordinaria storia di Hatidze una delle ultime donne cacciatrici di api in Europa che riesce a mantenere il delicato equilibrio con la natura seguendo una semplice regola d’oro: prendi pure metà del miele ma lasciane sempre metà per loro. Un film sorprendente che lascia a bocca aperta per la meravigliosa narrazione e per la cinematografia. Girato solo in condizioni di luce naturale e a lume di candela e lampade a petrolio è un ritratto affascinante di solitudine, sopravvivenza, dedizione, povertà.

La storia di Hatidze nel “villaggio del miele”

Hatidze vive con l’anziana madre in un villaggio remoto e abbandonato, privo di strade, elettricità e acqua corrente. Lei è l’ultima donna di una generazione di apicoltori. Sembra uscita da una fiaba. Si arrampica per le montagne su sentieri a picco su alti strapiombi per estrarre il miele dai favi selvatici. Poi canta alle api e il suo modo di fare è così naturale che i suoi movimenti sembrano quasi una danza. Il poco miele che ricava lo rivenderà al mercato di Skopje, dopo quattro ore di cammino. Un giorno la pacifica esistenza di Hatidze viene sconvolta dall’arrivo di una chiassosa famiglia nomade con cento mucche e sette bambini scatenati.

Honeyland: il film dedicato alle api e al delicato equilibrio tra uomo e natura

Hatidze accetta ottimisticamente l’idea di avere dei vicini di casa offrendo il suo affetto e i suoi consigli sull’apicoltura. Ma non ci vorrà molto prima che Hussein, il patriarca della famiglia nomade, fiuti l’opportunità e sviluppi interesse per la vendita del proprio miele. Hussein ha sette giovani bocche da sfamare e nessun pascolo per il suo bestiame e presto mette da parte i consigli di Hatidze per una sfrenata caccia al profitto. Questo causa una rottura nell’ordine naturale e provoca un conflitto insanabile con Hatidze. L’arrivo di questa famiglia fornisce ad Hatidze una tregua dall’isolamento e dalla solitudine ma, mette in grave pericolo la vita delle api e con essa l’unica forma di sostentamento di Hatidze.

Honeyland, la biodiversità ed il delicato equilibrio tra uomo e natura

Lungometraggio di debutto dei documentaristi Tamara Kotevska e Ljubomir Stefanov, Honeyland è stato girato in tre anni da una ridotta troupe impegnata in un’intima collaborazione tra i registi e la protagonista. Honeyland è fatto per il grande schermo, è visivamente ambizioso e guidato da una narrazione inaspettatamente drammatica e da un sorprendente senso dell’umorismo. È un ritratto duro e tenero sul delicato equilibrio tra uomo e natura, uno sguardo su un modo di vivere che sta rapidamente scomparendo, e un indimenticabile testamento sulla straordinaria resilienza di una donna.

Honeyland: il film dedicato alle api e al delicato equilibrio tra uomo e natura

Il protocollo di Nagoya – una convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica – entrato in vigore alla fine del 1993, ha stabilito le linee guida globali sull’accesso alle risorse naturali. Il suo obiettivo era la promozione di una condivisione giusta ed equa dei benefici per entrambi i fornitori – vale a dire terra, piante, animali e utenti (ovvero uomini) delle risorse. La diversità genetica, o biodiversità, consente alle popolazioni di adattarsi ai mutevoli ambienti e al cambiamento climatico, contribuendo alla conservazione e alla sostenibilità delle risorse. La “crisi del miele” in questo film illustra il rischio che comporta ignorare questi protocolli e sconvolgere il rispetto della biodiversità. La storia di Hatidze è un microcosmo per un’idea più ampia su quanto la natura e l’umanità siano strettamente intrecciate e quanto perderemo se ignoriamo questa connessione fondamentale.

Dove vedere Honeyland

Distribuito da Stefilm, la programmazione in sala è partita lo scorso 8 ottobre da Milano (Cinema Beltrade e Anteo), Firenze (Spazio 1), Roma (Farnese) e Treviso (Edera). Dal 15 ottobre inizieranno le proiezioni a Torino (Cinema Ambrosio).

Vedi il Trailer

 

Leggi anche:

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta