Il “giardiniere virtuale” di Enea: conoscenza a servizio del verde urbano

Anthosart Green Tool è un’applicazione, per computer e terminali mobili, che vuole offrire consigli competenti e scientifici a chi vuole, in ambito pubblico o privato, progettare nuove aree verdi in città scegliendo le specie più adatte, nel pieno rispetto delle esigenze di tutela della natura

0

Il “giardiniere virtuale” di Enea: conoscenza a servizio del verde urbano. Nel verde urbano l’uomo può restituire alla natura parte di ciò che le ha sottratto costruendo le città. Tingere dunque la città di verde diventa un imperativo che fa bene alla nostra coscienza, ma soprattutto fa bene all’aria che respiriamo. Giardini, parchi, viali ma anche semplicemente tetti, pareti e balconi diventano i luoghi ideali dove piantare e coltivare. Tanti polmoni metropolitani per ridurre l’accumulo di calore, contrastare l’inquinamento acustico, da CO2 e polveri sottili e contribuire al deflusso delle acque piovane.

Proprio al fine di dare un’anima sempre più verde alle nostre città, nasce uno strumento innovativo e di facile utilizzo per progettare aree verdi con le specie della flora d’Italia e individuare quelle più idonee sulla base dell’area geografica e delle caratteristiche ambientali.

Si chiama Anthosart Green Tool ed è il risultato di un progetto omonimo finanziato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR – legge 6/2000 per la diffusione della cultura scientifica), coordinato da ENEA e svolto in collaborazione con Forum Plinianum e la Società Botanica Italiana. Questo punta a ridurre i costi di gestione delle aree verdi e il consumo di acqua, ma anche a scoprire eventuali utilizzi alternativi delle piante nell’alimentazione e nell’artigianato e i loro legami con l’arte, la letteratura, la musica e il territorio.

Il “giardiniere virtuale” di Enea: conoscenza a servizio del verde urbano

Conoscenze a servizio della gestione e fruizione del verde urbano

L’obiettivo principale del progetto è quello di collegare l’esperienza presente negli orti botanici, negli erbari, nelle banche del germoplasma e nei centri di ricerca, alle realtà produttive e culturali che operano, con diverse competenze, nella progettazione, gestione e fruizione del verde costruito: una sfida soprattutto culturale, necessaria per sostenere e promuovere l’utilizzo di specie spontanee della flora italiana nella realizzazione di infrastrutture verdi sostenibili.

Il “giardiniere virtuale” di Enea: conoscenza a servizio del verde urbano
Il “giardiniere virtuale” di Enea: conoscenza a servizio del verde urbano

L’applicazione: contenuti e registrazione

Anthosart Green Tool è un’applicazione disponibile gratuitamente per pc, smartphone e tablet, un “giardiniere virtuale” pensato per vivaisti, progettisti, amministratori e privati cittadini che permette di selezionare un set di specie presenti nel nostro Paese tra le oltre 1.400 disponibili nel database per allestire spazi verdi ed accedere a un corredo di informazioni con l’obiettivo di promuoverne il valore ambientale e culturale, nel pieno rispetto delle esigenze di tutela della natura.

In pratica, dopo aver inserito i dati relativi all’area geografica, altitudine d’interesse, tipo di infrastruttura da realizzare (aiuola, giardino roccioso, viale, ecc.), tipologia e colori preferiti, livello di luminosità, umidità e salinità del terreno, potremo accedere facilmente a tutte le informazioni sulle specie più idonee, ma anche fotografie, schede botaniche, approfondimenti culturali, consigli pratici e link utili.

Il “giardiniere virtuale” di Enea: conoscenza a servizio del verde urbano

Oltre a una migliore performance delle infrastrutture verdi e a una conseguente riduzione dei costi di gestione, l’innovazione targata ENEA mira a contribuire alla salvaguardia e alla valorizzazione della biodiversità nazionale e dei paesaggi urbani, e alla riduzione dei danni indotti dall’introduzione di specie aliene. Inoltre l’utilizzo del tool e il conseguente inserimento nelle aree verdi di specie spontanee, può favorire l’ampliamento dell’offerta del florovivaismo di “qualità” con la produzione di specie della flora d’Italia non ancora presenti sul mercato.

Caro lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Lascia una risposta