La biotecnologia al servizio di ambiente e salute

I residui di oli di frittura diventano bioplastica ed un virus sconfigge il colesterolo. Sono le idee vincenti di due giovani startup italiane

0

La biotecnologia al servizio di ambiente e salute. Residui di oli di frittura che diventano bioplastica e un virus che sconfigge definitivamente il colesterolo: BioFP e VirOCol vincono le selezioni del BioInItaly National  Roadshow 2018 e passano così direttamente al all’edizione 2018 della StartUp Initiative / BioInItaly Investment Forum, organizzata da Assobiotec e Intesa Sanpaolo, che si terrà i prossimi 4 e 5 aprile presso la Sala Convegni di Intesa Sanpaolo a Milano. Nel corso delle due giornate, startup selezionate da un panel di coach ed esperti presenteranno i loro progetti a investitori, aziende e operatori dell’ecosistema dell’innovazione.

I vincitori

Su 14 che hanno presentato il proprio progetto imprenditoriale innovativo, BioFP e VirOCol sono state scelte, rispettivamente per l’Healthcare biomedicale e per il Biotech, dalla commissione che si è riunita a Napoli (al Ceinge-Biotecnologie avanzate) per l’unica tappa al Sud Italia della kermesse dedicata a ricercatori, imprese ed aspiranti imprenditori biotech.

BioFP

La BioFP, presentata da Marco Vastano, dottore di ricerca e co-fondatore della company, è stata creata da un gruppo di ricercatori afferente ai laboratori di Biotecnologia dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”. Ha sviluppato un bioprocesso sostenibile basato sulla valorizzazione dei resti di oli per frittura con alto contenuto di acidi grassi liberi (FFA). Con l’accattivante slogan di “il fritto che frutta”, i ricercatori convertono gli FFA in bioplastica con un duplice vantaggio: produzione di biomateriali ad alto valore aggiunto e generazione di “oli esausti” sfruttabili per la conversione in biodiesel.

La biotecnologia al servizio di ambiente e salute

VirOCol

La VirOCol, presentata da Eleonora Leggiero, dottore di ricerca in Medicina molecolare, ha l’obiettivo di sviluppare un farmaco innovativo per ridurre i livelli di colesterolo in tutti i pazienti con una storia familiare di livelli elevati di colesterolo, mediante una singola somministrazione. Si tratta di un virus che può sconfiggere in una volta sola il colesterolo “cattivo”. Il virus, che contiene il gene, indurrà nel muscolo la produzione di una proteina che, a sua volta, è in grado, stando alle verifiche sperimentali, di abbassare il livello del colesterolo.

La biotecnologia al servizio di ambiente e salute

L’idea di VirOcol è nata grazie al lavoro di tre ricercatrici (Eleonora Leggiero, Martina Esposito e Lorella Tripodi) che operano nel Ceinge-Biotecnologie avanzate, con il supporto del project manager Daniele Siniscalco. “Nonostante i progressi nello sviluppo di farmaci – spiega la Leggiero – , le malattie cardiache e l’ictus rimangono una delle principali cause di morte. Nei paesi in via di sviluppo, si prevede che oltre 20-25 milioni di persone moriranno a causa di malattie cardiovascolari entro il 2020”.

 

 

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta