La Mia Terra, musica a sostegno della montagna bellunese

Nel "Bosco degli Artisti" di Falcade (BL), musica tra le vette a 2.000 metri di quota per raccogliere fondi a favore dei boschi e delle popolazioni colpite lo scorso autunno

0

Tutti a sostenere la nostra terra, anzi La Mia Terra. Un concerto a quasi 2.000 metri di quota per sostenere la montagna veneta e le popolazioni del Bellunese colpite dal tremendo nubifragio dello scorso ottobre che ha spazzato via boschi e strade e messo in ginocchio famiglie ed imprese.

Segnaliamo volentieri anche questo evento se ciò significa dare sostegno alle popolazioni colpite da eventi climatici imprevisti e di proporzioni inaspettate, che, in molti casi purtroppo, stanno diventando una consuetudine. Il prossimo 10 agosto, alle 11.30, nel “Bosco degli Artisti” di Falcade (BL) va in scena “La mia Terra”, il progetto musicale ideato da Diego Basso, il direttore d’orchestra trevigiano che ha cavalcato i maggiori palcoscenici internazionali.

La Mia Terra, musica a sostegno della montagna bellunese
Il maestro Diego Basso

Nella suggestiva cornice che valorizza le opere degli scultori e dei pittori della Val Biois, si esibiranno 54 elementi dell’Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana, diretti da Diego Basso, e 50 giovani coristi del Children and Young Choirs dell’Art Voice Academy di Castelfranco Veneto (TV).

Il progetto musicale ideato e diretto dal Maestro Diego Basso è realizzato con la collaborazione artistica di Art Voice Academy, Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana e Teatro Stabile del Veneto. Le note musicali riecheggeranno tra le vette e i maestosi boschi del Bellunese che, seppur feriti, hanno conservato intatta la loro amena bellezza. Un palcoscenico di straordinaria intensità nella notte delle stelle cadenti.

La Mia Terra, musica a sostegno della montagna bellunese

La Mia Terra, musica a sostegno della montagna bellunese

La Mia Terra, musica e lettura nel Bosco degli Artisti

“Ho ideato questo progetto musicale per ridare alla montagna una piccola parte di quello che essa dona agli artisti di tutto il mondo – afferma Diego Basso – Con i loro alberi i boschi hanno dato moltissimo alla musica e agli orchestrali che tengono tra le mani e suonano strumenti creati con il legno. Questo viaggio musicale è partito con il concerto del 23 marzo scorso al Teatro Mario Del Monaco di Treviso e non poteva che concludersi a Falcade, tra le montagne che hanno la musica dentro”.

La Mia Terra, musica a sostegno della montagna bellunese

Il 10 agosto saranno proprio suoni e voci ad esaltare la meraviglia che circonda il palcoscenico naturale del “Bosco degli Artisti”: ouverture e brani pop come Imagine di John Lennon, Earth Song di Michael Jackson eseguiti in versione sinfonica. S sempre in versione sinfonica con coro, si potrà ascoltare il brano “Il canto della terra”, scritto dal compositore Francesco Sartori e reso famoso nel mondo dalla voce di Andrea Bocelli. Il pezzo – che ha ispirato il titolo di questo progetto musicale – aprirà il concerto di Falcade e ha chiuso quello del 23 marzo scorso al Teatro Mario Del Monaco di Treviso.

La Mia Terra, musica a sostegno della montagna bellunese

Protagoniste dell’evento del 10 agosto saranno anche le letture di Andrea Pennacchi, a cura del Teatro Stabile del Veneto, tratte dal testo “Da qui alla luna” dello scrittore Matteo Righetto. Il concerto, che rientra tra le iniziative dedicate ai 10 anni Dolomiti Unesco (2009 – 2019), è tra gli eventi di solidarietà promossi dalla Regione del Veneto Assessorato Cultura e Agis Triveneto per la montagna veneta. Il ricavato sarà versato nel conto corrente denominato “Regione Veneto – Veneto in ginocchio per maltempo ott. – nov. 2018”.

Informazioni per il pubblico

Il Bosco degli Artisti è situato a quasi 2.000 metri di quota ed è facilmente raggiungibile con la cabinovia “Falcade – Le Buse” partendo da piazzale Molino a Falcade. Il costo del biglietto a/r è di euro 11. L’accesso all’area del concerto è raggiungibile anche a piedi ed è ad offerta libera.

La Mia Terra, musica a sostegno della montagna bellunese

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta