“Made Green in Italy”, il marchio per valorizzare gli eco-prodotti italiani

Migliorare il profilo ambientale di alcuni prodotti italiani dei settori agroalimentare (caffè, formaggio, prodotti da forno, gelati e ortofrutta), cosmetici, serramenti e pellame. Ecco il senso del marchio "Made Green in Italy" (MGI)

0

È questo l’obiettivo del progetto LIFE MAGIS (Made Green in Italy Scheme), coordinato da ENEA  e co-finanziato dal Programma Ue LIFE, per diffondere la valutazione dell’impronta ambientale dei prodotti (PEF), in linea con le iniziative europee per la promozione della green economy.

L’Enea, nello specifico, si occuperà anche di elaborare una banca dati pubblica per favorire l’adesione delle aziende al marchio Made Green in Italy. Last but not least, c’è tutto l’aspetto riguardante la comunicazione e la valutazione della percezione del marchio da parte dei consumatori.

“Made Green in Italy”

Oggi il marchio Made in Italy è sinonimo di alta qualità nel mondo. “Made Green in Italy”(Mgi ) è un nuovo marchio per valorizzare i prodotti che offrono le migliori prestazioni dal punto di vista ambientale. Per farlo, già lo scorso ottobre il Ministero dell’Ambiente aveva pubblicato un bando di finanziamento da 400mila euro per l’elaborazione di “Regole di Categoria di Prodotto”, le cosiddette Pcr (Product Category Rules), che servono proprio a stabilire i criteri per la stesura delle dichiarazioni ambientali certificate di una specifica categoria di beni o servizi.

La prossima tappa per l’attuazione del progetto consiste nell’applicazione di queste regole in oltre 21 aziende dei settori coinvolti. Non è interessato solo il mondo dell’agroalimentare (in particolare caffè, formaggio, prodotti da forno, gelati e ortofrutta), che senz’altro è uno dei nostri fiori all’occhiello, ma partecipano all’iniziativa anche i settori legati ai cosmetici, ai serramenti e al pellame.

“Con l’impegno in questo progetto, ENEA prosegue un percorso già avviato nei progetti PEFMED LIFE EFFIGE sulla comunicazione dell’impronta ambientale di prodotto, la promozione di una crescita sostenibile e il sostegno alle aziende italiane nella valorizzazione delle produzioni nazionali”, sottolinea la ricercatrice ENEA Sara Cortesi, responsabile scientifico del progetto.

Oltre a ENEA sono partner di LIFE MAGIS Apo Conerpo, Cosmetica Italia, Consorzio per la Tutela del Formaggio Pecorino Romano, Legnolegno, Lineapelle e Unione Italiana Food, in rappresentanza dei settori coinvolti, e le istituzioni scientifiche Scuola Universitaria Superiore Sant’Anna di Pisa, Istituto per la Bioeconomia del CNR e Università Tecnica di Aquisgrana (RWTH), una delle università più grandi in Germania.

Mini guida

Il programma Ue LIFE

  • Il programma Ue LIFE è lo strumento finanziario per l’ambiente dell’Unione Europea. L’obiettivo generale del LIFE è di contribuire all’implementazione, all’aggiornamento e allo sviluppo della politica e della legislazione ambientale dell’UE cofinanziando progetti pilota o dimostrativi con valore aggiunto a livello europeo.
  • La Commissione Europea (DG Ambiente e DG Clima) gestiscono il programma LIFE ed ha approvato il nuovo programma di finanziamento per il periodo 2014-2020.

Product Environmental Footprint (PEF)

  • Il progetto relativo all’impronta ambientale dei prodotti e delle organizzazioni è stato avviato allo scopo di definire una metodologia armonizzata per gli studi sull’impronta ambientale che possa comprendere una serie più ampia di criteri di prestazione ambientale pertinenti basandosi sul concetto di ciclo di vita.

Siamo noi consumatori, con le nostre scelte a determinare le politiche delle aziende. È solo attraverso una spesa consapevole e sostenibile che possiamo spingere le aziende a trovare soluzioni maggiormente green.

Foto: Pixabay

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta