mOOve la nuova via delle ciclabili: sostenibile e tecnologica

Tutta italiana, nata dalla startup REVO, mOOve rivoluziona il concetto di ciclabile proponendo una soluzione prefabbricata, che nasce dal riciclo di plastica e gomma, ed offre soluzioni tecnologiche all’avanguardia

0

mOOve la nuova via delle ciclabili: sostenibile e tecnologicaREVO è una giovane ed innovativa startup milanese fondata nel 2018 da 4 soci (Marco Lucci, Stefano Arvati, Elena Mancuso e Andrea Ariotti), con il principale scopo di dare un importante contributo ad economia circolare, sostenibilità ambientale e salute delle persone, con un’attenzione particolare allo sviluppo di infrastrutture e della mobilità leggera.

Se è vero che “chi ben comincia è a metà dell’opera” occorre dire che il primo progetto presentato è andato oltre ogni più rosea aspettativa. Si tratta di mOOve: un concetto completamente nuovo ed innovativo di pista ciclabile, trasformata in un sistema di nuova generazione, sostenibile, tecnologico e corredato di numerosi servizi per l’utente e la comunità.

mOOve la nuova via delle ciclabili: sostenibile e tecnologica (foto REVO)

Il progetto ha vinto la seconda edizione di IDEA (Innovation Dream Engineering Award), il concorso per startupper e innovatori promosso dall’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Milano in collaborazione con diversi partner regionali. La challenge, volta a presentare progetti imprenditoriali innovativi connessi alle tematiche di smart living (smart cities, domotica e biotecnologie), lanciata nel 2018, si è conclusa con l’evento finale di premiazione al Politecnico di Milano, patrocinato dal Comune di Milano.

“Il nostro progetto intende favorire l’uso della bicicletta per farla diventare il primo mezzo di mobilità urbana e tra le sue componenti vi è il riciclo della plastica, che sappiamo essere un autentico problema in termini di inquinamento”, ha spiegato Marco Lucci di REVO.

mOOve la nuova via delle ciclabili: sostenibile e tecnologica (foto REVO)
mOOve la nuova via delle ciclabili: sostenibile e tecnologica (foto REVO)

Andando a scoprire caratteristiche e potenzialità di mOOve ci si rende effettivamente conto che si tratta di un concetto completamente nuovo di pista ciclabile. Fino ad ora queste hanno sempre rappresentato per le amministrazioni cittadine un costo, la novità è che possono diventare una risorsa e di conseguenza un’opportunità di ricavo.

mOOve è un sistema di mobilità modulare, prefabbricato, in plastica e gomma riciclata, riposizionabile, che non necessita di scavi o lavori stradali e può essere posato su qualunque superficie esistente, preservandola. Le mOOve sono ecosostenibili, riducono sensibilmente i tempi di installazione ed i costi di produzione e manutenzione.

Personalizzabili e configurabili, dotate di sensori, illuminazione a LED integrata ed adattiva, elettronica, connettività e segnaletica orizzontale attiva, salvaguardano la sicurezza dei ciclisti ed introducono caratteristiche innovative come manutenzione predittiva, interfaccia con dispositivi mobili, e raccolta, analisi e distribuzione dati ed informazioni.

mOOve la nuova via delle ciclabili: sostenibile e tecnologica (foto REVO)

Lo stato dell’intera rete, il traffico su di essa e le svariate rilevazioni che mOOve è in grado di effettuare, sono aggiornate in tempo reale e rese disponibili per elaborazioni successive. Tra le configurazioni possibili: tappeti riscaldati antigelo per climi rigidi, pannelli solari carrabili, colonnine di ricarica e cavi guida per la pulizia e lo sgombero neve mediante l’utilizzo di mezzi autonomi, ne estendono i limiti e le possibilità di impiego.

Queste caratteristiche, unite alla raccolta dati e ad altri servizi legati alle superfici carrabili ed agli spazi interni, attivano nuovi ed inediti modelli di business ed autofinanziamento, interessanti per amministrazioni ed aziende che decideranno di adottarle, a vantaggio dei cittadini e dell’ambiente.

Caro lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Lascia una risposta