venerdì, Febbraio 3, 2023
4.9 C
Roma
spot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
HomeAmbienteSostenibilitàPianeta=Casa, la guida per imparare a essere sostenibili

Pianeta=Casa, la guida per imparare a essere sostenibili

Ideata e realizzata da Procter & Gamble Italia, Corepla, Wwf Italia, Aideco e Altroconsumo, per conoscere la sostenibilità ambientale e imparare a metterla in pratica nei comportamenti quotidiani

La guida green per diffondere una maggiore consapevolezza dei comportamenti virtuosi

Si chiama Pianeta=Casa ed è stata presentata oggi dai partner che l’hanno ideata e realizzata: Procter & Gamble Italia, Corepla, WWF Italia, AIDECO e ALTROCONSUMO.

La guida rientra nella piattaforma P&G per l’Italia, dove l’azienda ha raccolto vari progetti in ambito sostenibilità convinti che creare un futuro sostenibile per tutti sia possibile, sia a livello ambientale che sociale e per dare un contributo affinché nessuno resti indietro.

Un viaggio sostenibile suddiviso in due grandi tappe.

  • La prima parte ripercorre gli habitat del Pianeta, spiegandone le peculiarità e l’importanza. Ribadendo quanto l’importanza della sostenibilità sia innegabile per uno stile di vita che rispetti le capacità rigenerative e ricettive dei sistemi naturali.

Per parlarne occorre avere ben chiaro la complessa relazione uomo-ambiente. È infatti ormai noto a tutti quanto il comportamento collettivo possa incidere sul futuro: il nostro, quelle delle prossime generazioni e quello del Pianeta, così strettamente connessi. Il mondo sta cambiando, lo possiamo vedere dagli evidenti effetti del cambiamento climatico che già si osservano in ogni latitudine del mondo.

Ma quali sono state le cause? Quali saranno le conseguenze se non agiamo in fretta? Che cosa possiamo fare per cambiare le cose?

  • La seconda parte della guida invece entra nelle abitazioni, stanza per stanza, dove vivere la quotidianità in maniera sostenibile può fare la differenza. E visto che sono le nuove generazioni il futuro del Pianeta, tra le pagine non mancano contenuti dedicati a loro, per aiutarli a comprendere il valore della sostenibilità: curiosità, semplici laboratori o brevi quiz.

Pianeta=Casa, la guida e i dati dell’indagine sui consumi

Nel corso dell’evento il vicepresidente dell’Istituto Piepoli Livio Gigliuto ha illustrato i risultati un’indagine sui consumi dalla quale sono emersi alcuni aspetti interessanti:

Nell’ultimo anno due terzi degli italiani hanno modificato le loro abitudini, soprattutto donne e giovani, e lo hanno fatto più per ragioni etiche (rispettare il pianeta, ad esempio) che per ragioni utilitaristiche (risparmio e convenienza).

Ad influenzare le scelte è soprattutto la comunità scientifica, ma anche i figli, principali “ambasciatori della sostenibilità” presso gli over 54.

Si sente il peso del caro energia: due italiani su tre in futuro vorrebbero risparmiare più energia, mentre tra le donne forte è la sensibilità al tema dei rifiuti.

Ma perché a volte non si fanno scelte ecologiche? Soprattutto per praticità, tempo e impegno necessario.

“Nonostante la crisi – spiega Gigliutoè l’etica e non la convenienza il principale motore della sostenibilità per gli italiani, che in larga maggioranza hanno modificato le loro abitudini e lo hanno fatto più per rispettare il pianeta che per risparmiare. I nostri concittadini confermano la loro fiducia verso la comunità scientifica, principale “influencer” delle scelte quotidiane. Un po’ a sorpresa, invece, presso gli over 54 sono i figli i principali “ambasciatori della sostenibilità”, con un notevole impatto sulle scelte dei genitori. Orientando lo sguardo al futuro, gli italiani affidano ila salute del Pianeta a piccoli gesti quotidiani: evitare sprechi, spegnere le luci, andare a piedi, evitare prodotti con troppi imballaggi, riparare e riciclare”.

“Con la guida Pianeta= Casa impariamo ad essere sostenibili, rinnoviamo il nostro impegno nella promozione di iniziative di educazione ambientale all’interno del programma di cittadinanza d’impresa “P&G per l’Italia”. La guida rappresenta un progetto unico, che unisce le competenze di preziosi partner con l’obiettivo di aiutare a comprendere l’importanza di salvaguardare l’ambiente e la promozione di un consumo responsabile. P&G è da sempre impegnata nello sviluppo di innovazioni di prodotto che permettono ai nostri consumatori di avere comportamenti più sostenibili. Spesso le piccole azioni che possono sembrare insignificanti, come chiudere il rubinetto dell’acqua quando ci laviamo i denti o la doccia mentre ci insaponiamo o ancora abbassare la temperatura di lavaggio in lavatrice, hanno un impatto molto grande sul pianeta. Sappiamo infatti che l’85% delle emissioni di CO2 di scopo 3 è generato proprio a casa, durante l’utilizzo dei prodotti. “ – dice Paolo Grue, presidente e ad di Procter & Gamble Italia.

Per Giorgio Quagliuolo, presidente di Corepla, “Esiste un mandato di missione, progettuale e concettuale, che lega strettamente la nostra attività consortile a quella di tante aziende responsabili con cui da sempre operiamo per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di un corretto approccio alla raccolta degli imballaggi in plastica. Per questo siamo orgogliosi di essere parte attiva di questa iniziativa che intende dialogare con la più ampia audience possibile. Da tempo, infatti, abbiamo compreso quanto sia importante che il cambiamento parta dal basso, dalla partecipazione di ognuno di noi”.

“Molte delle nostre scelte quotidiane, come quelle alimentari ed energetiche, hanno un impatto diretto sul nostro Pianeta e sul cambiamento climatico – afferma Alessandra Prampolini, dg di Wwf Italia -. A livello medio mondiale usiamo l’equivalente di quasi due Pianeti e senza un rapido cambio di rotta la nostra sopravvivenza e quella delle generazioni future sono rischio. Educare, sensibilizzare e guidare i cittadini verso uno stile di vita sostenibile in linea con le risorse a disposizione del Pianeta è uno dei principali obiettivi che Wwf vuole raggiungere anche grazie al supporto dei propri partner”.

“Siamo da sempre convinti che la collaborazione tra consumatori, Ong e player del mercato sia cruciale per affrontare sfide epocali come la conversione in chiave sostenibile di economia e società. Se vogliamo che le persone siano protagoniste del cambiamento, è dunque importante offrire loro innanzitutto informazioni e strumenti utili per cambiare in positivo i propri comportamenti quotidiani”, dichiara Martha Fabbri, responsabile del Centro studi di Altroconsumo.

“È nei gesti quotidiani che si può fare la differenza e anche un corretto utilizzo di prodotti di largo consumo, come i cosmetici, dalla loro formulazione all’uso finale e post-utilizzo può ricoprire un ruolo primario per i nobili scopi della sostenibilità”, conclude Claudia Riccardi, Consiglio direttivo di Aideco-Associazione Italiana Dermatologia e Cosmetologia.

La guida al consumo responsabile di p&g è scaricabile QUI

PDF Embedder requires a url attribute

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -spot_img
spot_img

I PIù LETTI