Una scarpa salva gli oceani

0

Il tema della sostenibilità e della salvaguardia dell’ambiente è certamente uno dei più sentiti ed è per questo che Adidas ha colto un’intelligente opportunità lanciando sul mercato una linea di scarpe prodotta interamente con plastica riciclata dispersa negli oceani. 

Il progetto dell’azienda tedesca d’abbigliamento sportivo è frutto di una collaborazione con l’associazione ambientalista Parley for the Oceans. Nasce così la scarpa da running UltraBOOST Uncaged Parley, lanciata sul mercato lo scorso mese di novembre. Questa ha una tomaia in Primeknit realizzata in Ocean Plastic prodotta con i rifiuti plastici recuperati attraverso le operazioni di pulizia delle aree costiere delle Maldive da parte di Parley (95%) e con poliestere riciclato (5%); ogni paio riutilizza undici bottiglie di plastica. Tutti gli elementi della scarpa, dai lacci ai dettagli sul tallone, sono prodotti con materiali riciclati mentre il design è ispirato dalle onde dell’oceano per rispecchiare l’unicità della scarpa e l’impegno di Adidas e Parley per porre fine all’inquinamento degli oceani.

La scarpa è stata creata usando nuove tecnologie, specificamente pensate per trasformare i rifiuti plastici marini in filati tecnici. La speciale tomaia in Primeknit è combinata con gli elementi distintivi di UltraBOOST per fornire una scarpa da running innovativa ma che non costringa a rinunciare alla performance. La suola Stretchweb in gomma naturale Continental, adatta a tutte le condizioni meteo, lavora con l’intersuola in BOOST per un ritorno di energia. Il Torsion system bar, anch’esso in materiali rinnovabili, supporta il movimento naturale del piede ad ogni passo.

Il target 2017 di adidas farà si che almeno undici milioni di bottiglie recuperate nelle aree costiere dal Parley Global Clean-up Network e dalla operazioni “Remote Island Interception” vengano riciclate e riutilizzate in prodotti sportivi d’alta qualità. Questo piano è parte di un impegno più ampio del brand per aumentare l’utilizzo di materiali più sostenibili nei propri prodotti e rendere l’eco-innovazione un nuovo standard del settore attraverso l’implementazione della strategia A.I.R. (avoid, intercept, redesign) di Parley, che vuole porre fine, nel lungo periodo, all’inquinamento marino dovuto alla plastica.

 

 

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta