martedì, Maggio 28, 2024

Rome 20°C

Sclerosi multipla, neurologo Gasperini: “Cladribina riduce attività infiammatoria”

(Adnkronos) – Recenti dati "riguardanti il trattamento con cladribina dimostrano tre aspetti importanti. Il primo è relativo all'efficacia. Abbiamo visto, infatti, che la terapia ha un'efficacia sulla riduzione dell'attività infiammatoria, ma anche sulla progressione della disabilità a lungo termine. Il secondo aspetto, altrettanto importante, è legato alla safety. Quella con cladribina è una terapia che sostanzialmente non presenta sorprese dal punto di vista della sicurezza. Il terzo aspetto riguarda la qualità della vita: il paziente, se in trattamento orale, con poche compresse, come in questo caso, per un periodo di tempo limitato, quasi può dimenticarsi di essere trattato". Così Claudio Gasperini, dirigente medico del Dipartimento di Neuroscienze dell'Azienda ospedaliera San Camillo-Forlanini di Roma, a margine della prima delle due giornate 'Space of care: as one for patients', evento organizzato a Milano dall'azienda farmaceutica globale Merck e dedicato alle nuove frontiere terapeutiche per il trattamento della sclerosi multipla recidivante altamente attiva, tra le quali spicca cladribina in compresse.  "Il tema che ci si deve porre – sottolinea l'esperto – è per quanto tempo si può utilizzare questa terapia, perché noi sappiamo che le linee guida ci permettono di trattare il paziente per 2 anni. La Società italiana di neurologia, ad esempio, si sta esprimendo su questo aspetto in quanto si sta andando sempre più verso un trattamento personalizzato – precisa Gasperini – Dagli studi real world, condotti anche in altri Paesi, stanno emergendo dati che ci dimostrano come cladribina, utilizzata anche con un terzo ciclo, possa portare giovamenti da un punto di vista di efficacia, senza aumentare il problema della safety, per un lungo periodo di tempo".  "Auspichiamo che, nell'ambito della terapia personalizzata – conclude il neurologo – ci sarà la possibilità, per noi neurologi, di potere utilizzare il farmaco anche oltre i 2 anni, che è il periodo di tempo per cui oggi viene somministrata nella pratica clinica". —salutewebinfo@adnkronos.com (Web Info)

ALTRI ARTICOLI
nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

i più letti

Newsletter

Gli articoli della settimana direttamente sulla tua email

Newsletter