SlothBot, il bradipo robot che aiuterà a tutelare l’ambiente e le specie a rischio

Il piccolo robot, ispirato al bradipo e al suo stile di vita, e realizzato da ingegneri di robotica del Georgia Institute of Technology (Georgia Tech), potrà indugiare sugli alberi per monitorare animali, piante e l'ambiente sottostante

0

Questo piccolo prodigio di tecnologia, dalle sembianze di un vero e proprio bradipo, si chiama SlothBot ed è alimentato da pannelli solari.

Utilizzando un innovativo sistema di gestione dell’alimentazione, il robot si muove lungo un cavo intrecciato tra due grandi alberi e monitora la temperatura, i livelli di anidride carbonica e altri parametri ambientali.

“SlothBot abbraccia la lentezza come principio di progettazione” ha spiegato Magnus Egerstedt, professore e presidente della scuola Steve W. Chaddick della Georgia Tech School of Electrical and Computer Engineering. “I robot, in genere, non sono progettati così, ma essere lento e iper-efficiente dal punto di vista energetico permetterà a SlothBot di indugiare nell’ambiente per osservare cose che possiamo vedere solo essendo presenti continuamente per mesi o addirittura anni”.

Lento come un bradipo, ma super tecnologico

Stampata in 3D, l’originale scocca di SlothBot è lunga circa un metro e mezzo e protegge dalle intemperie i motori, gli ingranaggi, le batterie e le apparecchiature di rilevamento. Il robot è programmato per spostarsi solo quando necessario e al momento di ricaricare le batterie è in grado di localizzare la luce solare e di muoversi sui cavi nella sua direzione.

I primi spettatori che lo potranno osservare dal vivo saranno i visitatori del Giardino Botanico di Atlanta, dove SlothBot sarà testato e funzionerà su un singolo cavo da 100 piedi (poco più di 30 metri). In applicazioni ambientali più estese, tuttavia, sarà in grado di passare da un cavo all’altro per coprire un territorio più ampio.

La robotica per salvare l’ambiente

SlothBot avrà un compito importante: aiutare gli scienziati a comprendere meglio i fattori abiotici che influenzano gli ecosistemi critici, fornendo un nuovo strumento per lo sviluppo delle informazioni necessarie per proteggere le specie rare e gli ecosistemi in pericolo.

Il robot, infatti, potrebbe svolgere alcune ricerche in remoto e aiutare gli studiosi a “capire cosa sta succedendo con gli impollinatori, le interazioni tra piante e animali e altri fenomeni che, altrimenti, sono difficili da osservare”— ha spiegato Emily Coffey, vicepresidente per la conservazione e la ricerca presso l’Atlanta Botanical Garden.  – “Con la rapida perdita di biodiversità e con più di un quarto delle piante del mondo che si stanno potenzialmente estinguendo, SlothBot ci offre un altro modo di lavorare per preservare quelle specie”.

Oltre alla conservazione, poi, il bradipo robot potrebbe essere applicato per l’agricoltura di precisione: la videocamera, insieme ad altri sensori che viaggiano su cavi aerei, potrebbero fornire una diagnosi precoce delle malattie delle colture, misurare l’umidità e controllare l’infestazione da insetti.

Dopo aver effettuato i test nel giardino botanico di Atlanta, i ricercatori sperano di spostare SlothBot in Sud America per osservare l’impollinazione delle orchidee o la vita delle rane in via di estinzione.

Sensibilizzare grandi e piccini

Al di là dei primari obiettivi conservazionistici, l’augurio è anche che SlothBot possa contribuire a stimolare l’interesse dei visitatori per la tutela ambientale. “Questo ci aiuterà a raccontare la storia della fusione tra tecnologia e conservazione” — ha affermato Emily Coffey.“È un modo unico per coinvolgere il pubblico e proporre un nuovo modo di raccontare la nostra storia”.

Il simpatico bradipo tecnologico, inoltre, potrebbe essere particolarmente interessante per i bambini in visita al giardino: un nuovo modo di pensare ai robot capace di accendere la curiosità tra i più piccoli che avranno occasione di vederlo da vicino.

 

(Video credits: Georgia Tech)

Fonte

Georgia Institute of Technology

Leggi anche 

Torbiere, dalla FAO un innovativo tool geospaziale per monitorarle e preservarle

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta