martedì, Maggio 28, 2024

Rome 20°C

Ucraina, Russia preme: i due scenari per la Nato

(Adnkronos) – Due scenari in Ucraina. La Nato al bivio nel momento cruciale della guerra che Kiev combatte da 2 anni contro la Russia. E' il segretario generale dell'Alleanza, Jens Stoltenberg, a delineare il quadro mentre l'Ucraina cerca di resistere nonostante la carenza di armi, provocata soprattutto dall'assenza di aiuti Usa con il pacchetto da 60 miliardi di dollari fermo al Congresso. Il piano della Russia di Vladimir Putin, intanto, prevede con ogni probabilità un nuovo attacco tra la fine della primavera e l'inizio dell'estate. Secondo analisti e esperti, Mosca avrebbe le risorse per tentare la 'spallata' nella regione di Kharkiv, dove Putin ipotizza una 'zona cuscinetto' che isoli ulteriormente i territori controllati dalla Russia, o nella regione di Zaporizhzhia, lungo il fronte meridionale. "Ci sono due possibili scenari", la sintesi di Stoltenberg. "Il primo prevede che gli alleati della Nato siano in grado di mobilitarsi per fornire ulteriore supporto e che l'Ucraina riesca a riconquistare territori. L'altro scenario, invece, prevede che non riusciremo a fornire supporto. C'è la reale minaccia di ulteriori progressi della Russia, con la conquista di altri territori: a quel punto ci troveremmo in una posizione ancora più pericolosa", dice ancora. Il fatto è che l'unica via per raggiungere una pace duratura e giusta in Ucraina è avere robuste forze ucraine, perché è il solo modo per convincere Vladimir Putin del fatto che non può vincere sul campo di battaglia, che si deve sedere al tavolo e negoziare un qualche tipo di soluzione accettabile", con l'Ucraina che rimane una "nazione indipendente", dice. Il rischio in prospettiva è che la Russia sfondi e, a quel punto, Putin avrà una base ancora più solida per dettare condizioni ad un eventuale tavolo.  La situazione sul campo di battaglia in Ucraina, dice Stoltenberg, "resta seria" e al Paese servono "più munizioni, più difesa aerea e più aiuti", evidenzia il segretario generale della Nato. "Mi compiaccio – aggiunge- del fatto che gli alleati continuano ad aumentare" il sostegno a Kiev, "con nuovi annunci negli ultimi giorni, inclusi 600 mln di euro dalla Germania per l'iniziativa a guida ceca" per comprare munizioni da artiglieria, "come pure 10mila droni dal Regno Unito, più missili e veicoli blindati dalla Francia e un nuovo pacchetto di aiuti dalla Finlandia che vale 188 milioni. Ma dobbiamo fare ancora di più", dice. I Paesi alleati Nato ora "guarderanno alle scorte" disponibili, per cercare di inviare in Ucraina più sistemi per la "difesa aerea, in particolare missili Patriot", dice. "La Russia – continua – spinge sulla linea del fronte ed è pronta a sacrificare uomini e materiali per ottenere guadagni marginali, ma naturalmente è una situazione seria". Tuttavia, "se consegniamo quello che dovremmo, sono assolutamente fiducioso che l'Ucraina sia in grado di compiere progressi. E' esattamente per questo- spiega – che c'è urgenza di mobilitare più aiuti per l'Ucraina". —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

ALTRI ARTICOLI
nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

i più letti

Newsletter

Gli articoli della settimana direttamente sulla tua email

Newsletter