Uground, la Digital Transformation per le imprese

Uground, fondata da Alfonso Diez, è stata introdotta da qualche settimana nel mercato italiano grazie alla partnership con The Go To Market Company, società con base al Tag Calabiana di Milano e specializzata nel sostenere l’espansione di startup e PMI italiane sui mercati internazionali. Alla base Rose, piattaforma senza bisogno di programmatori

0

Uground, start up per facilitare la cosiddetta Digital Transformation. Secondo la survey on line lanciata su 500 aziende italiane nell’ambito del Master dedicato presso la Talent Garden Innovation School, il 62% degli intervistati è consapevole che la Digital Transformation rappresenti un vantaggio competitivo, ma solo il 54% delle PMI porta avanti con costanza percorsi di formazione.

L’economia digitale del 21esimo secolo è caratterizzata da incertezza e velocità nel cambiamento. Come possono fare le aziende, anche le più piccole, ad adattare tradizioni e sistemi complessi alla realtà? La sfida è ora riuscire a sviluppare delle copie virtuali – dei gemelli – che permettano alle organizzazioni di evolvere da un modello statico, rigido e limitato da strutture preziose ma obsolete a un modello dinamico digitale e rapido che renda l’impresa scalabile.

In questo contesto si inserisce Uground, società spagnola particolarmente apprezzata dagli utenti della Gartner Peer Insights Customers’ Choice Agosto 2018. Di che si tratta? Di una piattaforma per la produzione e distribuzione di soluzioni per la Digital Transformation, in competizione con compagnie del calibro di Microsoft, Appian e Salesforce.

Uground, fondata da Alfonso Diez, è stata introdotta da qualche settimana nel mercato italiano grazie alla partnership con The Go To Market Company, società con base al Tag Calabiana di Milano e specializzata nel sostenere l’espansione di startup e PMI italiane sui mercati internazionali.

“Oggi è complesso rispondere ai requisiti e alle opportunità di un ambiente digitale in costante mutamento – ha spiegato Alfonso Diez, CEO di Uground – per questo la nostra piattaforma applicativa utilizza una serie di tecnologie rivoluzionarie basate su no-code, ingegneria semantica e il digital twin – un mix tra industria 4.0 e intelligenza artificiale, tra dati acquisiti e analisi di calcolo. Insieme rappresentano una svolta nella capacità delle imprese di raggiungere i propri obiettivi in tempi rapidi per scalare i mercati”.

Come funziona Uground?

Uground fa parte del progetto Lowcomote: Training the Next Generation of Experts in Scalable Low-Code Engineering Platforms, finanziato dal programma di ricerca e innovazione dell’Unione Europea Horizon 2020. Si tratta di un progetto internazionale, trasversale e interdisciplinare che si propone di formare 15 giovani ricercatori (Early Stage Researchers, ESRs) che abbiano il talento per diventare futuri leader nello sviluppo di piattaforme low-code.

Uground, la Digital Transformation per le imprese

Il progetto punta su avanzate tecnologie per lo sviluppo dell’impresa virtuale digitale, proponendo in tempi rapidi soluzioni di business e sistemi informatici per qualunque tipologia di azienda, senza bisogno di programmatori. Alla base c’è una piattaforma ad elevata produttività – hpaPaaS – chiamata ROSE, che permette di velocizzare, semplificare e integrare tutti i processi aziendali senza programmazione (no-code).

Il sistema di ingegneria sematica Rose utilizza la conoscenza umana al posto di algoritmi programmati per dare vita a sistemi informatici. L’ingegneria semantica lavora su modelli cognitivi. Cattura la semantica delle organizzazioni, la logica con cui sono concepite in termini di conoscenza, processi, procedure, tecnologie, e crea un Database del “DNA” aziendale che viene interpretato dalla piattaforma Uground per elaborare la soluzione migliore.

L’Ingegneria Semantica si basa su un “deposito” di conoscenze da interpretare e processare, ma senza l’uso di algoritmi. Con ROSE  i processi aziendali vengono recuperati e integrati ad altri sistemi o piattaforme. Per questo è l’alternativa allo sviluppo di software che costringono a legarsi a una determinata tecnologia, imponendo continui e necessari aggiornamenti per rimanere al passo con la mutevolezza del mercato.

Chi ha scelto Uground?

Hanno già adottato questa piattaforma innovativa 40 imprese in tutto il mondo, tra cui Adecco, Open Bank – Banca Online del Gruppo Santander, Michael Page International, BBVA e Correos (Poste Spagnole), con progetti specifici di diversa durata e finalizzati al raggiungimento di diversi obiettivi.

“Abbiamo ingaggiato questa startup innovativa per portarla sul mercato italiano – confermano da The Go To Market Company – per facilitare la Digital Transformation e accompagnare le aziende italiane più competitive all’estero e viceversa. Per mission aiutiamo le start-up a colmare il divario generazionale e di esperienza necessario per trovare la loro strada in territori nuovi e inesplorati.”

Uground, con l’intento di garantire alle piccole e medie imprese, agilità e velocità senza ulteriori  “infrastrutture”, è tra le 100 startup finaliste del South Summit Madrid 2018 e aderisce al programma Europeo Horizon 2020 per la ricerca e l’innovazione.

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta