domenica, Giugno 20, 2021
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
HomeAmbienteInquinamentoVEG-GAP, il verde urbano migliora le condizioni ambientali delle città?

VEG-GAP, il verde urbano migliora le condizioni ambientali delle città?

Il progetto europeo VEG-GAP, del quale ENEA è coordinatore, vuole fornire dati certi sull’efficienza della vegetazione in città per mitigare l’inquinamento atmosferico e la temperatura. Bologna e Milano le due città italiane che hanno aderito

Fornire dati e informazioni affidabili sugli effetti della vegetazione riguardo a qualità dell’aria e temperature in città. Questo è l’obiettivo del progetto europeo VEG-GAP (Vegetation for Urban Green Air Quality Plans), coordinato da ENEA e finanziato con 1 milione di euro dal Programma LIFE.

Dato che nelle aree urbane si concentra la maggioranza della popolazione mondiale, e che esse producono il 75% delle emissioni nocive in atmosfera, il presupposto è che il verde urbano rappresenti un’opportunità per migliorare le condizioni ambientali delle nostre città, riducendo l’inquinamento atmosferico e i fenomeni acuti innescati dai cambiamenti climatici, e, quindi, migliorando la salute dei cittadini e la loro qualità di vita economica, sociale e culturale.

Foto di djedj da Pixabay

Il progetto metterà per la prima volta a disposizione delle pubbliche amministrazioni linee guida e piattaforme informative, in grado di fornire dati sull’efficienza della vegetazione nel mitigare l’inquinamento atmosferico insieme alla temperatura.

Milano e Bologna le due città italiane ad aderire

In Italia partecipano al progetto VEG-GAP l’amministrazione comunale di Milano e la Città Metropolitana di Bologna, mentre in Spagna l’amministrazione comunale di Madrid. Le prime azioni messe in campo partiranno da una conoscenza approfondita dello stato attuale del verde e della qualità dell’aria nelle tre realtà urbane, con un approccio integrato che prenderà in considerazione il trasporto, la formazione degli inquinanti in atmosfera e la presenza degli edifici. “Oggi le amministrazioni pubbliche in Europa non dispongono di informazioni o strumenti di decisione sulla quantità di vegetazione, le specie da utilizzare e la loro distribuzione nelle aree urbane per migliorare la qualità dell’aria e mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici”, spiega la ricercatrice ENEA Mihaela Mircea, responsabile del progetto.

Foto di Jan Blanicky da Pixabay

Il progetto VEG-GAP mira anche ad approfondire se il verde urbano, in alcune condizioni meteorologiche, può comportare rischi per la salute, in quanto la vegetazione ha sì la capacità di raffreddare e filtrare l’aria, ma anche di emettere composti organici volatili (BCOV) che contribuiscono alla formazione di alcuni inquinanti, come l’ozono (O3), e del particolato atmosferico (PM10).

I risultati del progetto forniranno le basi per anticipare gli effetti di diverse soluzioni ambientali come infrastrutture verdi, agricoltura urbana e cinture verdi e altre nature based solutions, promuovendo una visione integrata nello spazio e nel tempo dei cambiamenti della vegetazione urbana e, conseguentemente, dell’aria nella città”, conclude Mircea.

Leggi anche

Forestami, il progetto per le foreste in città al servizio della salute

Temperature sempre più “hot” e clima, un progetto pilota per le città italiane

spot_img

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Rimani in contatto

4,061FansLike
1,601FollowersFollow
6FollowersFollow
483FollowersFollow
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

Iscriviti alla nostra newsletter

Lascia la tua email e rimani sempre aggiornato con le nostre news.
Qui la tua privacy è al sicuro, nessuna traccia di spam.

I PIù LETTI