5 terme in italia per un weekend dedicato al benessere

Fuggire alle terme è il modo migliore per uscire dalla routine invernale, dedicando un po' di tempo al proprio benessere nel caldo abbraccio dei vapori e per avere tanto relax. In Italia c’è solo l’imbarazzo della scelta, noi ve ne proponiamo cinque dal Nord al Sud

0

Il nostro Paese è ricco di fonti termali e di strutture che hanno una storia e una tradizione alle spalle, ma esistono anche terme moderne che rispondono a diverse esigenze. Piscine con getti d’acqua benefici, acque dalle proprietà curative, vasche panoramiche all’aria aperta, per godere al massimo di alcune ore di totale relax lasciando il mondo, con tutti i suoi problemi, fuori. Alle fonti sono ancora legati i pellegrinaggi di cura, fenomeni di culto legati a figure sante o divine, al soggiorno termale si accompagna, oggi più che mai, la ricerca del benessere psichico e spirituale.

Le terme indicano delle sorgenti termali e dotati di impianti per la somministrazione di idroterapie, il rito delle terme nel Lazio ed in tutte le regioni dominate dall’Impero Romano, ha origini antichissime, furono infatti gli Etruschi per primi e poi i Romani a scoprire le straordinarie proprietà benefiche e curative delle acque termali ed a creare i primi bagni pubblici, luoghi di incontro e fulcro della vita sociale e politica.

5 Terme in Italia dal Nord a Sud:

Le terme di Pré-Saint-Didier (Aosta)

 In Valle d’Aosta, circondata da montagne e boschi e dominato dal Monte Bianco, si trova a pochi chilometri a sud di Courmayeur la località di Pré-Saint-Didier. Le terme di Pré-Saint-Didier risalgono al XV secolo e le loro sorgenti alimentano diverse piscine, di cui tre sono all’aperto. Le fonti della zona erano conosciute già in epoca romana, ma l’uso sistematico delle acque cominciò a metà del ’600, quando i primi forestieri venivano qui per “passare le acque”.

Sono diversi i tipi di trattamenti a cui ci si può sottoporre: all’interno, il percorso benessere comprende vasche idromassaggio, vasche relax con musica subacquea, cascate tonificanti e servizi termali innovativi, saune a tema in chalet di legno, bagni di vapore aromatizzati, area fanghi, sale di cromoterapia e di aromaterapia, sale relax panoramiche. Esperti terapisti praticano massaggi rilassanti e tonificanti. Consigliato dopo una giornata sugli sci e, soprattutto, per la bellezza del luogo.

https://www.qcterme.com/it/pre-saint-didier/qc-terme-pre-saint-didier

Le terme di Sirmione (Lombardia)

Altro luogo molto indicato per organizzare una vacanza alle terme sulla neve è Sirmione, nel cuore del lago di Garda. Le acque termali, note per le loro proprietà benefiche e curative, sgorgano dal bacino del Monte Baldo ad oltre 800 metri di quota, e scendono oltre 2.000 metri sotto il livello del mare, dove si arricchiscono di minerali e raggiungono temperature anche superiori ai 60 gradi.

Le acque sorgive, successivamente incanalate in due pozzi, risultano batteriologicamente pure e sono utilizzate per trattamenti benefici per il corpo, garantendo un’azione tonificante, lenitiva ed antiallergica.
È possibile un bagno nelle piscine termali all’aperto anche in inverno poichè la temperatura dell’acqua termale si aggira sui 35 gradi.

https://www.termedisirmione.com/it

Le terme di Saturnia (Toscana)

Immerse nell’entroterra della Maremma Grossetana si trovano le terme di Saturnia che sorgono su un cratere di origine vulcanica, le acque sulfuree hanno una temperatura di 37 gradi e mezzo, annovera tra le sue peculiarità la presenza di due gas disciolti quali l’idrogeno solforato e l’anidride carbonica. La composizione di questa acqua racchiude il segreto della sua proprietà salutare efficace per la pelle, l’apparato respiratorio e muscolo-scheletrico.

La leggenda racconta che le terme di Saturnia si sarebbero formate nel punto in cui cadde sulla terra un fulmine ha scagliato da Giove è diretto contro Saturno. Nella zona di Saturnia, esistono anche le terme libere, dove non è necessario entrare in alcuna struttura per poter godere dei benefici dell’acqua. Non solo quindi stabilimenti termali d’eccellenza.

https://www.termedisaturnia.it/it

Terme dei Papi (Lazio)

A Viterbo ci sono le note Terme dei Papi, tra le più antiche di tutta Italia e tra le più note del territorio laziale. È possibile sottoporsi a trattamenti specifici, quali cure inalatorie, antroterapia in grotta naturale, percorso vascolare, linfodrenaggio e tanti altri.

Le acque sono di origine vulcanica, e possono essere divise in due tipologie :

  • ipertermali ad una temperatura compresa tra 40°C e 65°C, sono acque sulfuree,solfato,bicarbonato, alcalino terrose.
  • Ipotermali ad una temperatura compresa tra 20°C e 30°C, sono acque bicarbonato, solfato, alcalino, terrose, carbonico, ferruginose. Sono incredibilmente ricche di proprietà benefiche e risultano efficaci nel trattamento di problemi dermatologici, otorinolaringoiatrici, reumatologi, ginecologici, gastroenterologici e circolatori.

Ad attendere chi cerca benessere e relax, c’è una grandissima piscina termale monumentale e una spa dove sottoporsi a trattamenti corpo, viso, di coppia, massaggi e tanto altro.

https://www.termedeipapi.it/

Le terme di Ischia (Campania)

L’isola di Ischia è la più grande dell’arcipelago delle isole flegree ed è situata nel golfo di Napoli, a poca distanza dall’isola di Procida. Fin dall’antichità i popoli che abitarono l’isola conobbero le preziose acque che provenivano dal sottosuolo.

Le Terme di Ischia sono un centro termale riconosciuto per le sue proprietà benefiche. In modo particolare molti medici consigliano un trattamento presso le terme di Ischia per chi soffre di malattie reumatiche, vascolari e dermatologiche. Per chi ama la filosofia orientale, qui puoi rilassarti e godere dei massaggi come lo shiatzu e il reiki.

Anche Garibaldi, Camillo Benso Conte di Cavour e Arturo Toscanini furono ospiti sull’isola per godere dei benefici delle acque termali.

https://www.terme-ischia.it/

Una alternativa low-cost, tra Lazio e Toscana ci sono diverse terme con accesso libero:

Bagno Vignoni (in Toscana)

È in provincia di Siena, all’interno del Parco Artistico Naturale della Val d’Orcia nel cuore della Toscana. Bagno Vignoni è piccolo villaggio caratteristico per la grande vasca rettangolare di acqua termale fumante, al centro del borgo.

La vasca non è balneabile trovandosi proprio al centro della cittadina, ma è stata aperta una piscina appositamente per coloro che vogliono immergersi in queste acque termali, si trova alla fine del Percorso dei Mulini che conduce a Bagno Vignoni. Le sorgenti di origine vulcanica arrivano a 50°C e inondano la piscina attraverso piccole cascate naturali molto suggestive, ideali per chi soffre di reumatismi o artrite.

Le terme della Ficoncella (nel Lazio)

A 4 km da Civitavecchia, ci sono le Terme della Ficoncella, nome che deriva dal grande albero di fico che sormonta il colle vicino. Qui è possibile ammirare i resti di un’antica cittadina etrusca, Aquae Tauri, proprio in prossimità della sorgente di queste acque.

Le terme sono gestite da una società che richiede un piccolo contributo per usufruire dei loro servizi come gli spogliatoi, il bar e una zona esterna adibita per il campeggio. L’alta temperatura delle acque, che raggiunge i 40°C, permette di giovare dei benefici termali anche in pieno inverno. Il complesso è costituito da cinque vasche di acqua sulfurea che aiuta a combattere problemi dermatologici o articolari.

Weekend lunghi all’insegna del benessere: farsi massaggiare o idromassaggiare, drenare, spalmare di fanghi o impacchi profumati, in un ambiente in cui relax è la parola d’ordine. Niente di meglio per dimenticare lo stress e staccare la spina da impegni e preoccupazioni.

Foto: Pixabay

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta