mercoledì, Luglio 17, 2024

Rome 34°C

Accuse Netanyahu su armi, Usa cancellano incontro con Israele

(Adnkronos) – La Casa Bianca ha annullato un incontro di alto livello tra Stati Uniti e Israele sull'Iran, previsto per domani giovedì 20 giugno, dopo la diffusione ieri di un video in cui il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, parlando in inglese, definiva "inconcepibile il fatto che negli ultimi mesi l'amministrazione abbia negato armi e munizioni a Israele". A riferirlo sono stati due funzionari statunitensi citati da Axios.  I consiglieri del presidente Biden, riferisce ancora Barak Ravid su Axios, hanno reagito al video con un messaggio che l'inviato americano Amos Hochstein ha consegnato personalmente a Netanyahu in una riunione celebrata poche ore dopo la divulgazione del video, secondo fonti statunitensi e israeliane. La Casa Bianca ha poi deciso di compiere un ulteriore passo, cancellando l'incontro di giovedì. "Questa decisione lascia intendere chiaramente che ci sono conseguenze per chi compie simili bravate", ha dichiarato un funzionario statunitense. "Gli americani sono furiosi. Il video di Bibi ha fatto molti danni", ha affermato un alto funzionario israeliano. Alcuni funzionari israeliani erano già in viaggio verso Washington quando l'incontro è stato cancellato. Due funzionari statunitensi hanno dichiarato ad Axios che l'incontro è stato annullato per inviare un messaggio sul video. Un terzo ha affermato che l'incontro è stato posticipato piuttosto che cancellato, a causa di un problema di agenda. In pubblico, la Casa Bianca ha espresso sconcerto. La portavoce Karine Jean-Pierre ha fatto notare che dall'inizio della guerra è stata sospesa una sola spedizione di armi, mentre miliardi di dollari di armi sono arrivati senza ostacoli. "Non sappiamo davvero di cosa stia parlando", ha affermato. In privato, il team di Biden ha reagito con rabbia e shock per l'ingratitudine di Netanyahu, secondo quanto dichiarato da un funzionario statunitense. Hochstein aveva già programmato un incontro con Netanyahu martedì, durante una sosta in Israele di ritorno da Beirut, dove stava cercando di smorzare le tensioni al confine tra Israele e Libano. Una volta che si è riunito con lui, ha detto a Netanyahu che le accuse contenute nel video erano imprecise e fuori luogo, secondo quanto riferito ad Axios da due funzionari israeliani informati sull'incontro. "E' inconcepibile che negli ultimi mesi l'amministrazione" Usa "abbia bloccato armi e munizioni per Israele", ha detto Netanyahu in un video in lingua inglese diffuso su X. Quando il segretario di Stato Usa Antony "Blinken è stato di recente qui in Israele – ha esordito – abbiamo avuto un colloquio schietto" e "ho detto di aver apprezzato molto il sostegno degli Stati Uniti a Israele sin dall'inizio della guerra". "Israele, il più stretto alleato dell'America, sta combattendo per la sua esistenza, contro l'Iran e gli altri nostri nemici comuni", afferma Netanyahu, che evoca la Seconda Guerra Mondiale e Churchill: "Dateci gli strumenti e finiremo il lavoro molto più rapidamente", conclude il premier israeliano. —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

ALTRI ARTICOLI
nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

i più letti

Newsletter

Gli articoli della settimana direttamente sulla tua email

Newsletter