AgruMI: un viaggio tra storia e sapori

Appuntamento a Milano, a Villa Necchi Campiglio, per due giornate di colori e profumi avvolgenti dove scoprire il ricco universo degli agrumi, conoscerne i segreti e assaporarne gli aromi, sotto ogni forma

0

AgruMI: un viaggio tra storia e sapori. Torna l’annuale appuntamento con la grande fiera dedicata ai frutti simbolo del Mediterraneo: gli agrumi. Chiamare Fiera la due giorni milanese è certamente riduttivo, si tratta infatti di un vero e proprio viaggio alla scoperta dei segreti e delle curiosità intorno al mondo degli agrumi. Un “albero genealogico” lungo 8 milioni di anni, che affonda le sue radici ai piedi dell’Himalaya, in Cina, India e Myanmar e che racconta l’origine dei frutti, dai “primitivi” a oggi. Si scopre così che il cedro, come noi lo conosciamo, è un “fossile vivente”, il padre preistorico dei limoni, sopravvissuto al trascorrere dei secoli, e che il pummelo è un frutto ancestrale, antichissimo antenato delle arance e dei mandarini.

Con il patrocinio del comune di Milano e nell’ambito degli  “Eventi nei Beni del FAI 2020” , l’appuntamento con AgruMI è per sabato 15 dalle ore 12 alle 19 e domenica 16 febbraio dalle 10 alle 18 a Villa Necchi Campiglio a Milano, Bene del FAI – Fondo Ambiente Italiano. La vera storia del Genus Citrus sarà il tema della tavola rotonda aperta a tutti e fulcro della manifestazione, in programma domenica 16 alle ore 12 e curata da Giuseppe Barbera, Professore di Colture Arboree dell’Università di Palermo, e da Vicente Todolì, direttore artistico di Pirelli Hangar Bicocca, grande collezionista ed esperto coltivatore.

AgruMI, Foto Luciano Monti 2019 © FAI – Fondo Ambiente Italiano

Durante l’incontro Manuel Talon, capo del Centro de Genomica presso l’Instituto Valenciano de Investigaciones Agrarias (Valencia, Spagna), e Marco Caruso, ricercatore presso il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA, Italy) di Acireale (CT), illustreranno le scoperte cui hanno contribuito, nell’ambito dell’International Citrus Genome Consortium: dalla prima sequenza completa del genoma di una clementina, al sequenziamento e confronto di diversi DNA, fino alla ricostruzione del “viaggio nel tempo” degli agrumi, dalla loro nascita in Estremo Oriente alle nostre tavole.

Gli agrumi, la cucina e non solo

AgruMI non sarà, però, solo un’occasione di conoscenza. Molti dei frutti protagonisti della tavola rotonda si potranno incontrare in prima persona passeggiando tra gli stand della mostra mercato con oltre 30 espositori selezionati provenienti da tutta Italia. Si potranno ammirare e acquistare piante ed esemplari insoliti, ma anche prodotti e manufatti d’eccellenza, tra cui mieli, mostarde, profumi e raffinati decori. Ancora, prelibatezze a base di bergamotto e chinotto di Savona, presidio Slow Food dal 2004; foglie di agrumi per la preparazione di dolcetti tipici siciliani, ripieni di mandorle, noci, uva sultanina e miele; e poi, cosmetici a base di olio essenziale di pompìa, varietà tra le più rare al mondo, caratteristica della Sardegna, con proprietà antinfiammatorie, antibiotiche e antimicotiche.

AgruMI, Foto Gabriele Basilico 2019 © FAI – Fondo Ambiente Italiano

Agrumi a bordo piscina

Nel giardino di Villa Necchi, accanto alla piscina, sarà allestita la straordinaria collezione di piante di agrumi raccolte dal vivaista Davide Chiaravalli in quasi vent’anni di attività. Dalla Valle dei Templi, in particolare dagli agrumeti del Giardino della Kolymbetra, Bene del FAI, proverranno frutti rarissimi, che gli appassionati avranno l’opportunità eccezionale di vedere: tra gli esemplari particolari, l’arancia Ingannaladri, così chiamata perché il suo aspetto simile all’arancia amara cela un gusto straordinario; l’arancia vaniglia, in una rara varietà sanguinea; l’arancia sanguinella, capostipite delle arance rosse; l’arancia brasiliana e il limone dolce, dall’inatteso sapore non aspro; il limone Cedrato denominato nsalatuaru, cioè da insalata. Sono solo alcuni esempi di un patrimonio genetico molto prezioso, risalente al Settecento, tanto importante e unico che a ottobre 2019 è entrato a far parte dell’Orto Botanico di Palermo.

AgruMI, Foto Gabriele Basilico 2019 © FAI – Fondo Ambiente Italiano

Gli agrumi tra musica e percorsi sensoriali

Arricchiranno la manifestazione numerose iniziative. Tra queste, interessanti incontri come quello su “L’arrivo degli agrumi in Italia e i cambiamenti del paesaggio” a cura di Giuseppe Barbera, in programma sabato alle ore 16.30, o ancora la performance “Musica da cucina” progetto di Fabio Bonelli a cura di Buji previsto per sabato alle ore 18, durante la quale l’ambiente della cucina si trasformerà in magia e suono accompagnato da spremiagrumi, chitarra, clarinetto e voce, e gli approfondimenti sulla corretta coltivazione degli agrumi in vaso e in piena terra, previsti domenica dalle 15. Nel corso delle due giornate si susseguiranno percorsi didattici e olfattivo sensoriali e laboratori creativi per bambini, che potranno realizzare mascherine di Carnevale ispirate a mandarini, arance, pompelmi…, assaggi di caffè aromatizzato al limone e degustazioni guidate di spremute.

In concomitanza con AgruMI, infine,Lilla Tabasso, biologa e designer milanese, presenta alcune sorprendenti composizioni in vetro di ispirazione floreale. Questi lavori, straordinariamente veristi, presentano le fioriture in divenire come massima espressione della bellezza del mondo naturale e come metafora di caducità e fragilità esistenziale. Si ringrazia per l’iniziativa la Galleria di vetro contemporaneo di Caterina Tognon.

Per il programma completo visitare www.fondoambiente.it/agrumi

Info e prezziVilla Necchi Campiglio; Via Mozart, 14 Milano; Tel. 02 76340121; fainecchi@fondoambiente.itBiglietti manifestazione: intero 7 Euro; per iscritti FAI, ridotto tra 6 e 18 anni e studenti fino a 25 anni 4 Euro. Villa e manifestazione: intero 18 Euro; iscritti FAI 4 Euro; ridotto e studenti 8 Euro.

 

 

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta