venerdì, Settembre 24, 2021
innovazione-ambiente-sostenibileinnovazione-ambiente-sostenibileinnovazione-ambiente-sostenibile
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
HomeAltroTurismo SostenibileAutunno: che bello andar per borghi

Autunno: che bello andar per borghi

Autunno dolce autunno. Ecco ci siamo. L’estate ci sta lasciando e nuovi colori accarezzano le nostre giornate, un mix di pastelli con le  nuance intense delle foglie che si esibiscono prima di andarsene via, le luci più soffuse, la voglia di indossare una maglietta leggera e, soprattutto, i tanti appuntamenti in giro per l’Italia a scoprire le eccellenze dei borghi che la costellano, in particolare quelli delle Bandiere Arancioni, luoghi unici scelti dal Touring Club perché lì si vive bene, all’insegna della sostenibilità e del buon mangiare-bere

Autunno: aggiungi un borgo a tavola

“Autunno Bandiere arancioni: aggiungi un borgo a tavola”, quattro weekend, in programma dal 22 settembre al 14 ottobre, in cui i borghi invitano a conoscere le loro tante piccole-grandi virtù. Una bella e buona idea per concludere l’anno dedicato al cibo italiano, visto che il tema principale dell’evento sarà l’enogastronomia.

Infatti l’occasione è ghiotta  per assaggiare sapori e piatti genuini, realizzati seguendo antiche tradizioni e ricette e per sorseggiare un buon vino in location che altri se le sognano, all’interno di una corte, in una piazza o passeggiando tra vicoli suggestivi. Per poi gironzolare visitando monumenti ricchi di storia, magari aperti proprio per l’occasione. Un motivo pure per curiosare tra i prodotti tipici enogastronomici e di artigianato e per immergersi in paesaggi che si svelano nella loro variopinta e un po’ nostalgica livrea autunnale.

Autunno complice della bellezza e del buon cibo

Ma dove andare per festeggiare l’autunno? Eh, bella domanda, dalle Alpi, agli Appennini alle isole non bisognerebbe perdersene uno, di questi incontri in cui sono schierati i Borghi arancioni. Solo qualche esempio.

Il 22-23 settembre, a Soave, Verona, si passeggia tra i vigneti visto che è in corso la vendemmia per creare (sì, è un’opera d’arte) l’omonimo vino e si va in giro per cantine a degustare (la foto di apertura mostra il magico castello).

A Nemi, due passi da Roma, sempre in questi due giorni, visita al museo delle navi romane, assaggi di ricette tipiche, balli in piazza. E, in provincia di Avellino, Zungoli accoglie con il suo centro storico arroccato e le viuzze acciottolate al di sotto delle quali grotte di tufo sviluppate su più livelli e tra loro comunicanti, da visitate come il Castello Normanno e il Santuario della SS. Madonna Incoronata.

A Bovino, Foggia, si comincia con il 22-23 settembre e si replica nei week end successivi, fino al 14 ottobre: piatti da sballo, pasta fatta in casa, salumi che ti viene l’acquolina solo a pensarci, bruschette, dolci, in piena tradizione e in giro per le strade.

Sulle tracce del tartufo con direzione specifica, ovvero le nostre papille gustative, a Tignale, Brescia, mentre ci si dedica anche ad ammirare il panorama sul lago di Garda, dal 29 settembre al 1 ottobre. Se vi trovate a Montecassiano, Macerata, negli stessi giorni, imperdibile la Sagra dei sughitti, protagonista il dolce maceratese a base di mosto e farina per polenta, assieme a musica, carri, mostre e cucina tipica. Per tutti gli appassionati del nocino, il 29-30 settembre, sul calendario segnare in rosso Castelvetro di Modena dove va in scena l’appuntamento con questo liquore di antica tradizione.

Sempre in provincia, a Camerino, l’8 ottobre, tutti i segreti di un prodotto fantastico con “Miele: Naturalmente Dolce”, con degustazioni delle tante qualità che si producono sui monti Sibillini.

Questa domenica, a Castelnuovo Magra, La Spezia, c’è “Camminando tra gli ulivi”, una passeggiata sulla collina che racconta storie idee tradizioni dell’oro verde che, su bruschette croccanti, sarà un vero elisir per tutti.

Dal 6 all’8 ottobre, nel cuore della Barbagia, Gavoi, Nuoro, si accende di tanti elementi per rifocillare spirito e corpo, tra visite guidate, gli assaggini, le dimostrazioni artigianali.

Musica a gogo dove passò Mozart, tanto che qui c’è da curiosare nel museo del pianoforte: Ala, in Trentino Alto Adige, tra corti barocche, giardini e meravigliosi palazzi, il 6-7 ottobre, per poi scoprire il centro storico in compagnia di figuranti in costume

Per seguire tutte le declinazioni di questo autunno tinto dell’arancione delle bandiere dei borghi, cliccare qui e seguire questi hastag

#aggiungiunborgoatavola, #touringclubitaliano e #bandierearancioni.

spot_img

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Rimani in contatto

4,073FansLike
1,633FollowersFollow
6FollowersFollow
505FollowersFollow
spot_img
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

I PIù LETTI