Dal riso materiali per un’edilizia sostenibile

RiceHouse, dinamica startup di Biella, seguendo i principi dell’economia circolare sfrutta i residui agricoli della produzione del riso riconvertendoli in nuovi materiali edili innovativi e sostenibili, a zero impatto ambientale, sfruttando quello che la natura e i sottoprodotti delle lavorazioni primarie mettono a disposizione

0

Dal riso materiali per un’edilizia sostenibile. Il principio cardine sul quale si muove il concetto di economia circolare è di assoluta semplicità. Tutte le materie prime devono essere prelevate dall’ambiente, trasformate, utilizzate, smaltite e re-immesse nell’ambiente stesso da cui sono state prelevate. Anche l’agricoltura non deve sfuggire a questo principio. Ad ogni produzione è quindi importante che tutto ciò che viene normalmente definito “materia secondaria”, cioè gli scarti di produzione perlopiù inutilizzati, trovi un suo utilizzo, considerando che spesso il valore intrinseco di mercato può essere superiore ai costi di gestione e di trattamento del materiale una volta considerato rifiuto o scarto di produzione.

I sottoprodotti dell’agricoltura devono diventare una risorsa di energia pulita a favore della comunità per un reale sviluppo sostenibile. E’ importante che per primi gli agricoltori comprendano l’importanza di questi processi, garantendosi così un riuso sostenibile delle materie secondarie ed avendo nuove opportunità e vantaggi economici.

Dal riso materiali per un’edilizia sostenibile (Foto Pixabay)

RiceHouse: dalla natura all’architettura

Biella e la sua provincia sono territori da sempre conosciuti per la produzione di riso. Proprio qui Tiziana Monterisi, architetto, e Alessio Colombo, geologo, insieme ad un team composto da altri cinque architetti, hanno dato vita a RiceHouse, una società che vuole valorizzare i prodotti secondari della coltivazione del riso per un loro riuso in edilizia. Tutti gli scarti, la paglia, la lolla, cioè l’involucro esterno del riso, la pula, cioè il residuo farinoso, l’argilla e le ceneri possono trovare impiego nella produzione di materiale edile, offrendo eccellenti proprietà energetiche.

La paglia per case passive

Il primo materiale di scarto della produzione del riso ad essere stato reimpiegato è stata la paglia. Questa non può essere riutilizzata come alimento per gli animali contenendo un livello eccessivo di silice. Ma proprio il silice la rende ideale per un utilizzo in edilizia.

Dal riso materiali per un’edilizia sostenibile

È nato così, dalla collaborazione con Novellocaseinlegno, il marchio Riso-Rsa  che promuove lo sviluppo e la diffusione di case costruite con balle di paglia di riso, secondo un approccio alla bioarchitettura che valorizza gli scarti dell’agricoltura minimizzando la produzione di rifiuti e l’impatto ambientale. Un progetto, primo in Italia, che ha industrializzato il processo di fabbricazione di telai legno e paglia precompressa, al fine di realizzare case in paglia prefabbricate con elevatissime prestazioni energetiche che rispettano gli standard passivi.

La paglia di riso è un elemento costruttivo capace di garantire la perfetta traspirabilità delle pareti in cui viene utilizzata ed, evitare pertanto fenomeni di condensa superficiale. È biodegradabile, maneggiabile con facilità e presenta costi ridotti in termini di energia combustibile per la raccolta, l’imballaggio e il trasporto in cantiere (energia “grigia”). Infine, è un materiale capace di ridurre le emissioni di CO2 nell’atmosfera, quindi ideale per un‘architettura low-tech.

Calce e lolla di riso per biocomposti eco

Nascono invece dalla lolla di riso, cioè l’involucro che riveste il chicco e che viene eliminato con la sbramatura, le malte naturali RiceHouse. Grazie alla collaborazione con MGN Intonaci, azienda di Schio in provincia di Vicenza, vengono prodotti biocomposti che legano la calce aerea con la lolla di riso.

Il risultato è un materiale performante ad alto valore tecnologico che allo stesso modo soddisfa i principi cardine di sostenibilità economica ed ambientale e di responsabilità sociale. Materiali che garantiscono un elevato isolamento termico, eccellenti prestazioni acustiche della miscela, elevata traspirabilità del materiale unito e ad un’ottima capacità di regolamentazione dell’umidità interna.

Dal riso materiali per un’edilizia sostenibile

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta