#Fridayforfuture, anche l’agricoltura biologica si mobilita per il clima

La sfida ai cambiamenti climatici passa per l’agricoltura: con il bio 23% di emissioni in meno in Europa e 36% in USA

0

#Fridayforfuture e clima: azione immediata per la salute dei tutti. Se ne parlerà domani e dopodomani al Congresso federale di AIAB in programma presso la Città dell’Altra Economia di Testaccio. Il congresso si propone con un titolo particolarmente significativo: “Come orientare il buon biologico italiano affinché mantenga i suoi valori fondanti senza svenderli al mercato”.

#Fridayforfuture, i temi ambientali e dello sviluppo sostenibile sono strettamente connessi alla scelta del metodo produttivo, con profonde implicazioni reciproche. L’ultimo studio scientifico dice che se tutte le superfici agricole fossero coltivate con metodi biologici, le emissioni di CO2 causate dall’agricoltura potrebbero ridursi del 23% in Europa e del 36% negli Usa.

Lo studio sulle emissioni in agricoltura

In primo piano al congresso, il clima, nel giorno della mobilitazione generale abbinata al #Fridayforfuture. Lo studio sulle emissioni in agricoltura, diretto da Andreas Gattinger (FiBL – Istituto di ricerca per l’agricoltura biologica) e portato avanti da un gruppo di ricercatori internazionali,  ha esaminato i risultati di 74 studi internazionali che hanno paragonato gli effetti sul terreno delle coltivazioni biologiche e di quelle convenzionali.

Il risultato ha dimostrato che l’agricoltura biologica permette di fissare nel terreno quantità di carbonio significativamente superiori, con ciò offrendo un importante contributo per frenare il riscaldamento globale. Le riduzioni di CO2 determinate dall’Uso del bio corrisponderebbero a circa il 13% della riduzione complessiva necessaria per raggiungere gli obiettivi climatici fissati per il 2030.

“Da anni diciamo che l’agricoltura convenzionale contribuisce pesantemente alle emissioni di gas serra e che è necessario cambiare modello di sviluppo” – dice Vincenzo Vizioli, presidente di AIAB – “Ci siamo sempre augurati di non dover arrivare così presto ai livelli di emergenza sotto gli occhi di tutti ma nell’emergenza ora ci stiamo andando a sbattere”.

Quale biologico per il futuro?

Oltre al tema dei cambiamenti climatici si parlerà, ovviamente, del futuro del biologico. “A fronte della crescita del settore – dice Vizioli – è urgente una discussione su come orientare il buon biologico italiano affinché resti un metodo capace di coniugare salute e contrasto ai cambiamenti climatici mantenendo i valori fondanti e non svendendoli in nome del mercato”.

“D’altro canto – continua Vizioli – visto che la legge sul bio deve essere discussa al Senato, i giornali straripano di attacchi al biologico, firmati da chi è ancora disperatamente aggrappato a un modello di business e di sfruttamento che ci sta portando alla rovina. Ma tant’è”.

Di tutto questo e di dove andrà a finire il biologico del futuro, con le sue immense potenzialità ma anche con le sue numerose contraddizioni, si parlerà al Congresso. Si ragionerà sui temi più importanti che stanno caratterizzando lo sviluppo del settore, iniziando dal mercato e dalla ricchezza e circolazione dei saperi, per proseguire su tutte le altre questioni in modo tematico e diffuso sul territorio, grazie anche all’organizzazione di iniziative analoghe promosse dalle associazioni regionali. Insomma una discussione, aperta a tutti, sul biologico del futuro. Quale realtà e cosa auspicare?

 

Caro lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Lascia una risposta