Il Garden Sharing e la condivisione del turismo all’aria aperta

Gardensharing.it è una piattaforma online che permette di affittare e campeggiare in spazi privati all’aria aperta a prezzi contenuti. Un progetto che nasce dall’idea di offrire la prima vera alternativa al campeggio tradizionale, offrendo una soluzione di guadagno a chi vuole mettere a disposizione la propria area verde

0

Il Garden Sharing è una originale forma di turismo green, una soluzione innovativa che stravolge la vecchia concezione del turismo in campeggio e all’aria aperta. In buona sostanza è un punto di incontro tra chi ha un proprio spazio verde (il Gardensharer) e chi cerca luoghi dove trascorrere le proprie vacanze. Il vantaggio è di poter scegliere sistemazioni differenti dai classici ed affollati campeggi, poter stabilire un contatto diretto con persone e tradizioni del posto, avere l’opportunità di trovare una comoda sistemazione anche in località fuori dai consueti e inflazionati itinerari turistici ed infine offrire un’opportunità di guadagno per chi può disporre di spazi verdi inutilizzati.

A questo scopo nasce il portale gardensharing.it, una piattaforma che mette in contatto turisti e Gardensharer. Per prenotare la piazzola il contatto con il proprietario avviene direttamente sul sito, così il potenziale acquirente, prima di prenotare, è libero di scambiarsi qualche messaggio di approfondimento con il Gardensharer e quindi capire se l’annuncio risponde a tutte le proprie esigenze.

Il Garden Sharing e la condivisione del turismo all’aria aperta

Le tante soluzioni del Garden Sharing

Le schede degli spazi sono dettagliate e precise, con tanto di fotografie e descrizione del luogo, attività da poter svolgere, attrattive culturali e proposte enogastronomiche. Sta al Gardensharer e alla sua ospitalità decidere il prezzo e quali servizi mettere a disposizione. Egli potrà semplicemente predisporre uno spazio dove il turista soggiornerà con il proprio camper o la propria tenda, ma anche poter offrire soluzioni già predisposte come yurte, cioè particolari case ecosostenibili, case in legno, bungalows, case sull’albero e tutto ciò che con la propria creatività è in grado di garantire. Si consideri che, ad esempio, con poco più di 28 euro si può soggiornare con il proprio camper in un cortile a Roma.

E’ proprio sulla molteplicità dei servizi che il team di Garden Sharing ha focalizzato la sua attenzione. Il sito infatti è predisposto come un vero e proprio AirBnB degli spazi all’aperto, dove i Gardensharer possono offrire un angolo barbecue, dell’acqua corrente, una presa elettrica, un bagno e tanti altri servizi.

La piattaforma si rivolge anche ad agriturismi, agricamping e fattorie, dove possono (oltre a ricevere prenotazioni da parte di camperisti e campeggiatori), promuovere i propri prodotti biologici e tutte le varie attività (fattorie didattiche, escursioni, assaggi enogastronomici, sport acquatici, ecc.).

Il Garden Sharing e la condivisione del turismo all’aria aperta

Un progetto destinato a crescere

Attualmente il portale vanta più di 3.000 spazi disponibili su tutto il territorio nazionale. La volontà è quella di poter, in un futuro prossimo, offrire anche soluzioni fuori dall’Italia. Ma i quattro giovani che hanno dato vita alla start-up, Mauro Moroni, Andrea Evangelista, Michele Crocetti e Mara Giulioni, credono fortemente nelle potenzialità attrattive del nostro Paese e rivolgono la loro attenzione soprattutto al turismo estero, come Germania, Olanda e in genere i Paesi del Nord Europa, che da sempre ha mostrato una particolare sensibilità alle soluzioni di vacanza green.

 

 

 

 

 

 

 

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta