Il te verde, antiossidante per eccellenza, proprietà e benefici

Il tè verde, antiossidante per eccellenza, è la seconda bevanda più consumata al mondo dopo l’acqua e da millenni è noto per essere estremamente salutare. Recentemente anche la scienza ha confermato le sue proprietà benefiche. Scopriamole insieme

0

Studi scientifici hanno confermato  le proprietà benefiche del te verde, la bevanda antiossidante più  consumata al mondo.  La Cina produce una quantità enorme di tè, il 50% delle varietà di tè prodotti sono verdi. Il più famoso è il gunpowder tea, chiamato così per la sua somiglianza alla polvere da sparo.

Si presenta sotto forma di piccole palline e ha un sapore fresco e pungente ed è lo stesso che viene usato in Marocco aromatizzato alla menta. Questo tè antichissimo risale al VII secolo, quando veniva prodotto nella zona di Shaoxing e veniva ancora arrotolato a mano.

Il tè , una bevanda da “samurai”, si ottiene per infusione delle foglie della pianta Camellia sinensis (o Camellia theifera o Thea sinensis) della famiglia delle Teacee. Viene coltivata sin dall’antichità in India, Cina e Giappone e più recentemente in Indonesia, sul Caucaso, in Africa orientale e nell’America Meridionale.

Le dimensioni della Camellia Sinensis possono raggiungere dimensioni considerevoli, ma solitamente per rendere più agevole la coltivazione e la successiva raccolta, si tenta di contenerne la crescita. Ricordiamo che ogni foglia fresca può contenere fino al 4% di caffeina.

In Giappone il tè verde risale al buddhismo Zen, quando il monaco Myoan Eisai lo introduce dalla Cina nel suo Paese. Addirittura qui quando si parla di tè si intende quasi unicamente quello verde. Uno dei migliori di trova a Kyoto, precisamente a Uji. La parola magica è matcha e si tratta di foglie cotte al vapore, poi asciugate e tritate fino a ottenere una polvere finissima. È il tè che viene usato nella affascinante cerimonia giapponese del tè (Cha no yu).

Il te verde, antiossidante per eccellenza, proprietà e benefici

Proprietà e benefici

Il tè verde è ricco di vitamine del gruppo B, vitamina K, vitamina C, sali minerali come il manganese e della L-teamina, un aminoacido in grado di ridurre lo stress mentale e fisico. Vediamo alcune tra le sue più importanti proprietà:

Antiossidante

  • I polifenoli contenuti nel te verde svolgono una generale azione antiossidante, proteggendo le cellule dagli effetti dei radicali liberi, che possono aumentare in caso di: inquinamento, fumo, stress sia a livello fisico sia a livello emotivo, sostanze chimiche, radiazioni, raggi ultravioletti, batteri e virus.

Antitumorale

  • Sebbene non vi sia alcuna prova conclusiva che il tè verde possa aiutare nella prevenzione o nella cura del cancro, sono diverse le ricerche scientifiche che lo suggeriscono. Le prove che il consumo di tè verde possa essere associato a un decremento del rischio di contrarre cancro esofageo, polmonare o orale, non sono sufficienti stando agli effetti studiati sulle popolazioni asiatiche.

Allergie alimentari

  • Una tazza quotidiana di tè verde potrebbe essere la risposta alle allergie alimentari, secondo quanto affermato dai ricercatori giapponesi della Shinshu University di Nagano. Merito di un batterio, il Flavonifractor plautii (FP). I ricercatori hanno scoperto che la FP può inibire l’infiammazione, abbassare la pressione sanguigna e aiutare a regolare il peso. Secondo i ricercatori, quindi, il tè verde agirebbe come rimedio naturale contro le allergie inibendo la risposta iperimmune scatenata nell’organismo da cibi e bevande (come riportato nell’articolo del dailymail).

Ictus e cardiopatie

  • Bere tè verde può contribuire a ridurre il rischio di ictus. Il merito è di composti come le catechine, una speciale categoria di potenti flavonoidi antiossidanti che aiutano a regolare la pressione sanguigna e a migliorare la circolazione.
  • Secondo uno studio pubblicato nella European Journal of Preventive Cardiology, la rivista ufficiale della European Association of Preventive Cardiology, bere tè verde almeno tre volte a settimana potrebbe anche aiutare ad allontanare malattie legate all’età come cardiopatia e ictus.

Colesterolo

  • Bere tè verde contribuisce a regolare i livelli del colesterolo nel sangue. Le sostanze benefiche contenute in questa bevanda prevengono l’accumulo di colesterolo nelle arterie e l’insorgere di malattie cardiovascolari. Secondo una ricerca pubblicata tra le pagine del Journal of Biological Chemistry , il merito sarebbe ancora una volta dell’EGCG.
  • Anche secondo uno studio pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition il consumo di tè verde abbassa considerevolmente i livelli di colesterolo “cattivo” (LDL).

Effetto sulle ossa

  • Grazie ai numerosi minerali che contiene, tra cui manganese, zinco e potassio, il tè verde favorisce la mineralizzazione dei tessuti, molto importante per contrastare l’osteoporosi che tende a verificarsi in menopausa.

Metabolica

  • È stato dimostrato avere effetti benefici sul diabete di tipo 2 riequilibrando i tassi di glucosio nel sangue. Per questo stimola il metabolismo degli zuccheri e aiuta ad utilizzarli come energia subito pronta invece che trasformarli in riserva di grassi.
  • Grazie all’effetto stimolante sul metabolismo, bere tè verde fa perdere peso. A confermarlo anche una pubblicazione sull’International Journal of Obesity che afferma che il consumo regolare di tè verde o di supplementi di catechine ostacola l’accumulo di grassi e favorisce la perdita di peso.

Tonica

  • Stimola l’attività mentale grazie alla teanina (un amminoacido contenuto nel tè) che riduce lo stress psicofisico e alla teina che svolge un’azione tonica, aumentando la capacità di concentrazione. Quest’ultima, a differenza della caffeina presente nel caffè, viene assimilata progressivamente dall’organismo, svolgendo un’azione più delicata.

Drenante

  • Svolge una buona azione diuretica e depurativa che aiuta i reni a eliminare l’acqua e depurare l’organismo. Permette quindi di eliminare i liquidi in eccesso che causano ritenzione ed edema da cattiva circolazione venosa.

Purificante

  • Grazie alle sue proprietà antiossidanti e astringenti, il tè verde aiuta e purifica i pori dilatati della pelle che tendono a infettarsi. Svolge così un’azione astringente lasciando la pelle liscia e luminosa.
  • Per ottenere una maschera purificante, prepara l’infuso di tè verde e lascialo raffreddare, mescolane un paio di cucchiai con 2 cucchiai di argilla in modo da ottenere una pasta. Distribuiscila sul viso e lasciala asciugare completamente. Detergi e sciacqua il viso con acqua tiepida.

Aiuta l’igiene orale

  • Grazie al contenuto di fluoro e catechine, il tè verde contribuisce alla prevenzione delle carie. Le catechine possono inibire, infatti, la formazione di batteri e virus che causano infezioni alla cavità orale e può migliorare anche la qualità dell’alito.
  • Studi scientifici hanno confermato l’azione benefica del tè verde contro i batteri che possono causare problemi dentali.

Previene la caduta dei capelli

  • Il tè verde contrasta la perdita dei capelli, infatti le catechine aiutano a bloccare DHT (diidrotestosterone), una delle cause principali della loro caduta. Inoltre, promuove la crescita di nuovi capelli, aiutando in caso di cute secca e forfora.
  • Ecco come fare: dopo aver lavato i capelli, immergili nel tè verde, strizzali e lascia in posa per 10 minuti, poi sciacqua con acqua fredda. Ripeti 2 o 3 volte a settimana per un paio di mesi.

Le controindicazioni

  • Per godere dei benefici del tè verde, l’ideale è puntare sugli infusi, come raccomanda anche l’EFSA (l’autorità europea per la sicurezza sanitaria), che sconsiglia invece gli integratori per i possibili danni epatici. Meglio poi evitare le bevande fredde commerciali, spesso arricchite di zuccheri.
  • Esagerare con il tè verde (oltrepassare cioè le 4-5 tazze quotidiane) è controproducente. Gli effetti dell’abuso sono paragonabili a quelli del caffè: insonnia, agitazione, nervosismo; attenzione soprattutto ai casi di ipersensibilità individuale, potrebbe essere necessario ridurre molto l’assunzione.
  • Non va dimenticato che la bevanda contiene tannini, capaci di ridurre l’assorbimento del ferro: come tale non va consumata insieme a cibi contenenti questo minerale. Fare troppi sciacqui provoca macchie sui denti.
  • Meglio sempre chiedere consiglio al proprio medico se si assumono dei farmaci, oppure in caso di gravidanza e allattamento.

Quanti tè esistono?

  • La classificazione dei tè è relativa al metodo di lavorazione che le foglie subiscono dopo la raccolta. La differenza principale è data dal grado di ossidazione delle foglie oppure dal livello di fermentazione raggiunto durante la lavorazione.
  • tè verdi (non ossidati).
  • tè neri (completamente ossidati).
  • tè blu o tè oolong oppure tè qing (semiossidati).
  • tè bianchi (leggermente ossidati).
  • tè gialli (leggermente fermentati).
  • tè postfermentati o tè Pu’er (completamente fermentati).
  • tè rossi in realtà non sono veri tè in quanto provengono dal carcadè od dall’infusione di roobois proveniente dal Sudafrica.

La preparazione

Ci sono solo due alternative: preparare un infuso a regola d’arte od assumere un estratto della foglia. La preparazione dell’infuso deve partire da un tè verde di buona qualità, preferibilmente proveniente da coltivazione biologica, lavorato a mano e molto fresco.

Meglio evitare le classiche bustine, nelle quali finiscono i tè meno pregiati e lavorati meccanicamente ed orientarsi sui sacchetti in cui si devono trovare le foglioline intere seccate ed arrotolate.

L’infusione deve essere effettuata a bassa temperatura (60° 70° gradi) per un massimo di due o tre minuti: in questo modo si estraggono le catechine senza rovinarle e si riduce la quantità di caffeina. Il sapore delicato del tè verde non deve essere rovinato con l’aggiunta di zucchero, limone o latte. L’infuso va consumato entro pochi minuti: in un termos già dopo mezz’ora perde gran parte delle catechine.

C’è una grande differenza fra una semplice polvere di foglia di tè verde, proveniente da chissà quale coltivazione ed un estratto secco titolato in catechine, notificato al Ministero della Salute. All’esterno sembrano tutti uguali, ma solo quelli reperibili in farmacia possono svolgere le azioni terapeutiche sotto elencate. Insomma, restiamo a casa e facciamoci un bel tè.

Leggi anche

Dalla Ricerca Del CREA, L’estratto Di Agrumi Per Prevenire La Nefropatia Diabetica

Scopriamo L’intestino: Il Nostro Secondo Cervello

La Mediterranea È La Migliore Dieta Al Mondo

 

Foto: Pixabay

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta