venerdì, Dicembre 3, 2021
13.6 C
Roma
spot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
HomeAttualitàLetItTrees ad Ecomondo lancia la sua idea: adottare l’Amazzonia è possibile

LetItTrees ad Ecomondo lancia la sua idea: adottare l’Amazzonia è possibile

LetItTrees è un progetto, inizialmente destinato al solo pubblico italiano, che intende sviluppare, rendere efficiente e promuovere la piattaforma www.letittrees.com. Un “business virtuoso” grazie al quale è possibile adottare metri quadrati di foresta in Amazzonia a prezzi alla portata di tutti e controllarne, attraverso nuove tecnologie, la conservazione, la crescita e lo sviluppo, coinvolgendo le popolazioni locali

Ci piace raccontarvi la storia di LetItTrees, di 4 amici che hanno deciso di impegnarsi in un’impresa che appare più grande di loro, ma che con impegno e tanto lavoro stanno portando avanti con successo. Non sono ambientalisti con un curriculum green da mostrare, né hanno deciso di coinvolgere personalità di quel mondo, semplicemente hanno ritenuto fosse sufficiente fare con le loro forze.

Il presidente è il riminese Pier Pierucci, mentre l’AD è Luca Picchio, imprenditore che da anni vive in Brasile. Tutti si muovono e ciò che fanno deve rispondere a tre interrogativi: è vero? è utile? è giusto?

Leggi anche L’allarme del Nobel Valentini, servono più foreste, non basta piantare alberi

Ma qual è questa impresa? Adottare un pezzo di foresta amazzonica, salvando 100 milioni di metri quadri ed insieme il Pianeta, essendo al contempo protagonisti di un buon business. Questo è LetItTrees, come amano definirlo gli ideatori “un business virtuoso”.  

La Start Up, come accennato, è italiana e nasce nel giugno di quest’anno ed ha scelto Ecomondo 2021 per segnare il proprio debutto.

La nuova realtà è presente alla fiera riminese con un proprio stand allestito nella Hall Sud, dove si possono conoscere da vicino tutti i dettagli della innovativa proposta, rivolta al mercato b2b e b2c, ideata per coniugare economia, mercato e sfide ambientali.

Per salvare l’Amazzonia occorre fare presto

Lo sguardo punta dritto all’Amazzonia, polmone verde del mondo, compromesso da deforestazione, sfruttamento agricolo incontrollato, inquinamento e cambiamenti climatici. L’iniziativa lancia un appello forte e improcrastinabile: “Adotta un pezzo di Amazzonia! Fai… prima che non ci sia più niente da fare”, cercando sostenitori sul mercato B2B e B2C italiano (successivamente si allargherà su altri paesi europei) per impiantare sul suolo brasiliano un nuovo approccio di gestione dei territori, per superare le problematiche che portano e hanno portato negli anni ai processi di deforestazione.

Leggi anche Amazzonia, è confermato, oggi produce più CO2 di quella che assorbe

LetItTrees ha acquisitato dalle autorità locali fino al 2050 la concessione di 102.780.000 metri quadri di territorio di foresta amazzonica. L’area è situata nel comune di Lagoa da Confusão, sulla riva destra del fiume Araguaia, al confine tra Brasile e Mato Grosso e a 200 km dalla capitale Palmas, nello stato del Tocantins, area tra le più a rischio deforestazione.

Il coinvolgimento delle popolazioni locali

Nell’opera di salvaguardia vengono coinvolte anche le popolazioni locali, le stesse che, a volte, sono per necessità gli artefici materiali del disboscamento. Si tratta delle 287 famiglie dei villaggi limitrofi di Loroty: Santa Izabel, con una popolazione di 454 persone (221 uomini e 233 donne), e Fontoura, con 578 persone (308 uomini e 270 donne), oltre al piccolo villaggio di Boto Velho, situato geograficamente nel comune di Pium. L’area confina con l’isola di Bananal, la più grande isola fluviale del mondo, che è compresa tra i fiumi Loroty e Javaés e il Rio Formoso.

Le 287 famiglie indie fanno parte dell’Instituição “Sete Lagos” che ha ricevuto in concessione dal Governo Federale Brasiliano, attraverso l’INCRA (Instituto Nacional de Colonizaçao e Reforma Agraria) i territori su cui vivono. Dodici aree di questi territori sono ancora occupate da foresta vergine e l’obiettivo primario di LetItTrees è proprio di proteggere queste dodici aree fermando la deforestazione e lo sfruttamento. Per farlo abbiamo deciso di mettere a disposizione questi appezzamenti di foresta di chi li voglia adottare.

Bastano pochi clic

Sulla piattaforma www.letittrees.com, con pochi clic è possibile adottare metri quadrati di foresta in Amazzonia a prezzi alla portata di tutti. Si va da contributi una tantum di 9, 15 o 25 euro di spesa per adottare 10, 50 o 100 metri quadri di foresta, per arrivare a pezzatura di ettari a cui possono essere interessate piccole e grandi aziende e brand.

Leggi anche Abbraccia una buona causa, Golia e Lifegate insieme per il pianeta

spot_img

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

spot_img
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

I PIù LETTI