Puglia: invasione di pappagalli che assediano i mandorli

Coldiretti Puglia denuncia il grave rischio per la produzione di mandorle che deriva dall’invasione delle campagne di piccoli pappagalli, “parrocchetti monaci”, che hanno nidificato mostrando di adattarsi perfettamente all’habitat pugliese. È fondamentale, nella salvaguardia e rispetto degli animali, trovare una soluzione per proteggere un’eccellenza agricola regionale. Ma Green Planet News dice: giù le mani dai pappagallini

0

Tornando indietro di qualche decennio, pensare la Puglia invasa da pappagalli sarebbe apparsa come la più folle e assurda delle idee. Oggi al contrario è una realtà evidente. La causa va attribuita ai cambiamenti climatici ed in particolare alla tropicalizzazione del clima che ha determinato un’invasione di questi volatili nelle campagne.

Dal primo insediamento a Molfetta, hanno preso possesso di città e campagne a Bisceglie, Giovinazzo, Palese, Santo Spirito, Bitonto, Bitetto, Palo del Colle, Binetto, Grumo Appula, fino a spingersi sull’Alta Murgia, lancia l’allarme Coldiretti Puglia.

I “parrocchetti monaci”

Si tratta dei parrocchetti monaci della specie Myiopsitta Bonaparte, apparsi con un primo “insediamento” su un eucalipto nella contrada molfettese “Madonna delle Rose”, per poi stabilirsi con nidi multifamiliari, con un’elevata capacità di adattamento all’habitat e al microclima pugliese.

Puglia: invasione di pappagalli che assediano i mandorli

Al di là della simpatia degli animali e del loro aspetto allegro e colorato di verde, l’invasione si sta trasformando in una vera e propria sciagura per gli agricoltori, ed in modo particolare per i produttori di mandorle. Un settore già sofferente a causa delle gelate del marzo scorso e delle successive ondate improvvise di maltempo.

Pappagalli ed assedio ai mandorli

In una nota Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia, ha sottolineato come: “Le campagne sono divenute l’Eldorado di frutta e mandorle per i pappagalli che evidentemente si sono adattati perfettamente al microclima pugliese. Prediligono soprattutto le mandorle, dimostrando una straordinaria abilità nel beccare e rompere il guscio, estraendo il frutto e lasciando il mallo e le valve legnose attaccate all’albero. Si sono moltiplicate le segnalazioni da parte degli agricoltori, colpiti dalla presenza sempre più evidente di stormi di pappagalli, che ricreano una atmosfera tropicale, attirando l’attenzione con suoni acuti persistenti”.

Puglia: invasione di pappagalli che assediano i mandorli

Un’eccellenza agricola da proteggere

La produzione delle mandorle rappresenta un’eccellenza nell’economia agricola pugliese. In Puglia alla coltivazione del mandorlo è destinata una superficie pari a 19.428 ettari (pari al 35,05% della superficie nazionale coltivata a mandorlo), che ha fornito una produzione totale di 264.670 quintali di mandorle, un terzo del totale nazionale (33%). Tali cifre, collocano la Puglia al secondo posto fra le regioni italiane, dopo la Sicilia. In Puglia le mandorle sono prevalentemente coltivate nelle province di Bari con una produzione di 148mila quintali e 12.500 ettari, pari al 63% della superficie pugliese coltivata, Brindisi con 54mila quintali prodotti e 4.500 ettari, pari al 23% della superficie pugliese coltivata e Foggia con 21.500 quintali e 1450 ettari coltivati, a seguire le province Taranto e Lecce. Ben il 96% della superficie regionale destinata a frutta in guscio è investita a mandorlo.

Puglia: invasione di pappagalli che assediano i mandorli

Coldiretti Puglia ha chiesto all’Assessorato all’Agricoltura regionale di prevedere un piano di contenimento e controllo dei parrocchetti verdi, di concerto con l’Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale). Insomma, troviamo una soluzione rispettosa dell’ambiente e dell’agricoltura ma giù le mani dai nostri amici pappagallini.

Leggi anche:

Topolino domestico delle Isole Eolie, storia (evolutiva) di una lunga amicizia con l’uomo

Desertificazione e siccità, oggi una giornata per riflettere

 

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta