“Race to Zero”: un fronte comune per decarbonizzare entro il 2050

È partita dal Regno Unito la campagna “Race to Zero” che vuole avviare una mobilitazione globale per raggiungere emissioni nette pari a 0 entro il 2050. In vista della nuova Cop26, è fondamentale rivedere al rialzo gli impegni dei Governi, per questo è necessario un fronte comune che coinvolga soprattutto le imprese

0

Lo scorso 5 giugno, in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente, l’Ambasciatore del Regno Unito a Roma, Jill Morris, ha presentato la campagna “Race to Zero”, che si pone l’obiettivo di raggiungere zero emissioni nette entro il 2050.

Per questo è stato organizzato il workshop a porte chiuse, in collaborazione con Italy for Climate, dal titolo “Companies and carbon neutrality: a key role towards Cop26”. L’appuntamento ha visto la partecipazione, oltre all’Ambasciatore e ai rappresentanti della Fondazione per lo sviluppo sostenibile che ha lanciato l’iniziativa Italy for Climate, anche della baronessa Brown di The Carbon Trust, di Bianca Longobardi del Ministero degli Esteri e di Nick Baker, vicedirettore del settore Business engagement della Cop26.

“Race to Zero”: un fronte comune per decarbonizzare entro il 2050

Ma ciò che va sottolineato con viva soddisfazione è stata la partecipazione di ben 12 imprese (Enel, Erg, E2i Energie Speciali, Unilever, Illycaffe, Ing, Conou, NextChem, Chiesi Farmaceutici, Davines, Danieli, Invest Industrial) che si sono confrontate sulle strategie e le possibili soluzioni da mettere in campo per raggiungere l’obiettivo della carbon neutrality. Una “mission possible” grazie a politiche ambiziose, puntando sull’innovazione e aumentando gli investimenti per la decarbonizzazione.

Ricordiamo che la Cop26, che si terrà a Glasgow dal primo al 12 novembre 2021, è la Conferenza delle Parti sulla Convenzione ONU sul cambiamento climatico, un appuntamento cruciale in cui i governi di tutto il mondo si incontrano per analizzare i progressi nell’affrontare i fenomeni legati al cambiamento climatico. L’Italia, candidata organizzatrice prima dell’emergenza Covid-19, avrà un ruolo importante, in quanto sarà partner del Regno Unito nell’organizzazione ed ospiterà gli eventi preparatori, uno dedicato ai giovani e il vertice Pre-COP, che si terranno a Milano dal 28 settembre al 2 ottobre.

“Race to Zero”: un fronte comune per decarbonizzare entro il 2050

Durante la Cop26 la voce delle imprese sarà più autorevole che mai – ha dichiarato l’Ambasciatore Jill Morris –. Per affrontare il tema della carbon neutrality è fondamentale coinvolgere le imprese che molto hanno da contribuire all’avanzamento degli obiettivi di net zero emissions. La loro presenza durante il nostro seminario è un segnale importante per i Governi: le imprese sono unite nel perseguimento degli obiettivi di Parigi e nella creazione di una economia più inclusiva e resiliente”.

Si tratta di un primo importante appuntamento che è parte di un percorso più ampioha affermato Andrea Barbabella, coordinatore di Italy for Climateche mira a far crescere una piattaforma di imprenditori virtuosi, consapevoli della sfida climatica e pronti a impegnarsi in prima persona, che chiedono anche ai decisori di fare la loro parte, a partire proprio dalle azioni che metteranno in campo nei recovery plan nazionali, che ci auguriamo siano sempre più green e climate friendly”.

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta