Rigenerazione urbana, all’insegna del Green New Deal

Alla fiera di Rimini Ecomondo, tra le iniziative, si sono svolti gli stati generali de “Il Green New Deal per le città: un programma nazionale di rigenerazione urbana”, ipotesi, idee, suggerimenti, realizzazioni, per ridare ossigeno ai nostri spazi cittadini

0

Tra le iniziative di Ecomondo, l’importante appuntamento che alla Fiera di Rimini ha fatto il punto sulla innovazione tecnologica e industriale nell’ambito della “circular economy”, ci sono stati gli stati generali de “Il Green New Deal per le città: un programma nazionale di rigenerazione urbana”, ovvero suggerimenti, ipotesi, idee, realizzazioni per ridisegnare gli scenari cittadini in maniera sostenibile, investendo (davvero) nel verde.

Fondamentale l’approccio integrato ai problemi ambientali

In questa occasione Arcadis Italia, azienda specializzata tra l’altro nel settore delle bonifiche ambientali, ha parlato dei suoi obiettivi circa la “Digital Asset Lifecycle”. Di cosa si tratta? Lo ha spiegato l’amministratore delegato Massimiliano Pulice, proprio durante l’incontro sul Green New Deal, presentando le loro quattro linee di business (Environment, Water, Buildings, Infrastructure), in grado di supportare le imprese durante l’intero ciclo di vita della loro produzione: dallo studio di fattibilità alla sua progettazione e pianificazione di sviluppo, dalla riconversione alla gestione e manutenzione, intervenendo nelle diverse aree, sia le greenfield, terreni ancora edificabili, sia le brownfield, zone da riutilizzare e recuperare, che hanno bisogno di essere “liberate” da inquinanti di vario tipo. E secondo, naturalmente,  i più evoluti princìpi dell’innovazione digitale.

rigenerazioneL’integrazione del know-how delle diverse divisioni di business”, ha sottolineato Pulice, “permette ad Arcadis di assumere un punto di vista privilegiato sugli interventi, poiché gli elementi concorrenti ai processi decisionali vengono messi a fattore comune e congiuntamente analizzati al fine di elaborare per gli stakeholders, siano essi pubblici o privati, proposte condivise e sostenibili”.

Dunque, un vero e proprio approccio integrato che possa consentire di comprendere in maniera approfondita i rischi cui vanno incontro il tessuto urbano e i suoi abitanti: il solo modo, sostiene Pulici, di individuare i problemi e dunque dare la priorità agli investimenti necessari ai fini di “aumentare la resilienza dei centri urbani, massimizzarne i benefici e salvaguardare le risorse critiche”.

Rigenerazione
Tra i progetti di Arcadis Italia, il recupero della ex Cava di Geregnano, nella periferia Sud Ovest di Milano, in zona Calchi Taeggi in collaborazione con Ambienthesis, azienda specializzata in interventi del genere

The big U e altre storie di rigenerazione urbana

Chi ha curiosato per Ecomondo, è rimasto sicuramente colpito dallo stand di Arcadis, una grande backlight raffigurante l’isola di Manhattan. Ovvero l’immagine del progetto chiamato The big U,  co-realizzato da Arcadis e commissionato dalla città di New York City che, in seguito ai danni procurati dall’uragano Sandy nel 2012, ha deciso di dotare la celebre isola di un sistema di difesa da inondazioni integrato con il sistema urbano, sostenibile ed utilizzabile quotidianamente dalla popolazione. Tutto ciò è stato declinabile sotto forma di aree verdi, piste ciclabili, campi da basket e diverse zone fruibili da chi nella Grande Mela ci vive o viene in visita.

In occasione di Ecomondo poi è stato presentato il programma “Arcadis City of 2030 Accelerator”, sviluppato in collaborazione con Techstars, il più importante incubatore di start-up fondato nel 2006 in Colorado, con l’obiettivo quello di valorizzare in particolare quelle basate su software innovativi finalizzati a migliorare la qualità della vita delle città in tutti i settori: mobilità, resilienza, risorse (energia, acqua, cibo e aria), sviluppo e quindi rigenerazione urbana.

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta