SARS-CoV-2, una variante ne ha aumentato la capacità di infettare le cellule umane

L'analisi della sequenza genomica del SARS-CoV-2 ha rilevato che una mutazione ha reso il virus più infettivo del ceppo originale, ma non ha causato una malattia più grave. A guidare lo studio, accettato per la pubblicazione sulla prestigiosa rivista “Cell”, lo Sheffield COVID-19 Genomics Group

0

La variante, denominata “D614G”, apporta una piccola ma efficace modifica alla glicoproteina “Spike”, che sporge dalla superficie del virus e che il microrganismo utilizza per entrare e infettare le cellule.

D614G ha velocemente preso il posto della forma virale dominante subito dopo la sua comparsa.

Variante D614G, lo studio

Come ha spiegato Thushan de Silva, docente in Malattie Infettive presso l’Università di Sheffield, “abbiamo sequenziato i ceppi di SARS-CoV-2 a Sheffield sin dall’inizio della pandemia, e questo ci ha permesso di collaborare per dimostrare che questa mutazione era diventata dominante nei ceppi circolanti. Lo studio completo peer-reviewed […] conferma questo risultato. E anche che la nuova variante D614G è più infettiva in condizioni di laboratorio”.

“I dati forniti dal nostro team a Sheffield hanno suggerito che la nuova forma era associata a maggiori cariche virali nel tratto respiratorio superiore dei pazienti con Covid-19, il che significa che la capacità del virus di infettare le persone potrebbe essere aumentata. Fortunatamente, in questa fase, non sembra che i virus con D614G causino una malattia più grave — ha precisato ancora de Silva.

SARS-CoV-2, una variante ha aumentato la capacità del virus di infettare le cellule umane.
Foto da Pixabay

Evoluzione del nuovo coronavirus

“Ormai è possibile tracciare l’evoluzione di SARS-CoV-2 a livello globale. Ad affermarlo Bette Korber, del Los Alamos National Laboratory in New Mexico e autrice principale dello studio, che spiega come gli scienziati di tutto il mondo stiano rapidamente rendendo disponibili i propri dati sulla sequenza virale attraverso il database GISAID. Attualmente sono disponibili decine di migliaia di sequenze e questo ci ha permesso di identificare l’emergere di una variante che è rapidamente diventata la forma dominante a livello globale”.

L’aspetto straordinario, ha commentato il dottor Will Fischer, coautore del lavoro, è “che questo aumento dell’infettività sia stato rilevato da un’attenta osservazione dei soli dati di sequenza e che i nostri colleghi sperimentali abbiano potuto confermarlo con virus vivi in ​​così poco tempo” .

I risultati della ricerca, secondo gli autori, fanno luce su cambiamenti importanti per una comprensione meccanicistica del microrganismo e supportano la sorveglianza continua delle mutazioni di Spike per aiutare nella messa a punto di interventi immunologici.

Sviluppi futuri

Nuovi esperimenti di supporto, sequenziamento più ampio e dati clinici e modelli statistici migliorati sono al momento disponibili. Gli studiosi, tuttavia, hanno sottolineato la necessità di effettuare ulteriori analisi di laboratorio nelle cellule vive per determinare le implicazioni complete della mutazione.

I ricercatori continueranno a monitorare altre mutazioni del virus per aiutare a combattere Covid-19 a livello globale.

 

Fonti

The University of Sheffield

Cell

Leggi anche 

Ninfea conquista marcatura CE per le mascherine protettive e sostenibili

Covid-19, il progetto MVM-Milano Ventilatore Meccanico è disponibile per la produzione

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta