Scoprire l’Italia a cavallo

Turismo a Cavallo è un progetto che vuole far scoprire il meraviglioso mondo dell’equiturismo come modello sostenibile per valorizzare il patrimonio naturale e culturale del nostro Paese. Dalla collaborazione con Legambiente è nata la campagna “Parchi a cavallo” per un turismo di qualità all’interno delle aree protette di 13 regioni italiane e l’applicazione mobile “Italia a cavallo” per informare e dare consigli su percorsi e itinerari.

0

Tra le tante possibilità di turismo sostenibile c’è anche quella di poter visitare borghi, parchi ed aree protette e scoprire l’Italia a cavallo. L’equiturismo è uno dei modi migliori per vivere, amare e conoscere la natura, in armonia e rispetto con l’ambiente che ci ospita. Il viaggio a cavallo ci consente di apprezzare appieno il territorio che si attraversa con tempi e ritmi di percorrenza “naturali” scanditi dalle esigenze nostre e dell’animale, considerandolo non un semplice mezzo di trasporto ma un vero e proprio compagno di avventura.

Nel 2013 nasce, per iniziativa di un gruppo di appassionati, Turismo A Cavallo, un progetto con un proprio sito Internet il cui scopo è quello di far conoscere ad un pubblico sempre più ampio la bellezza di questo mondo.

Un modo naturale e sostenibile di vivere il territorio, che permette di entrare in relazione con le tradizioni e le culture più profonde dei luoghi che si attraversano, lontani dal caos e dallo stress e soprattutto in modo totalmente eco-friendly rispettando appieno l’ambiente circostante. Turismo A Cavallo consente di scoprire e conoscere le tante esperienze possibili e le opportunità che l’equiturismo offre.

Scoprire l’Italia a cavallo (foto www.turismoacavallo.com)

Legambiente e la campagna Parchi a cavallo

Lanciando, lo scorso mese di aprile, la campagna Parchi a Cavallo, Legambiente ha scelto Turismo a Cavallo come partner privilegiato per sviluppare e far crescere questa forma di turismo, in collaborazione con i centri ippici di 13 regioni italiane.

Scoprire l’Italia a cavallo

Il contesto è quello delle aree protette, luoghi di grande valore naturalistico, patrimoni storici, artistici e culturali, tradizioni enogastronomiche consolidate, ma anche luoghi ideali per creare sviluppo e lavoro in settori strategici come la manutenzione del territorio, il turismo di qualità, la gestione del patrimonio culturale.   Tra gli obiettivi di Parchi a cavallo, la valorizzazione di tanti ambienti straordinari come quelli del Parco della Majella in Abruzzo, delle dune del Sulcis in Sardegna, del Parco della Murgia Materana in Basilicata e del Parco Naturale Monti Sicani in Sicilia. All’importanza delle zone umide per la salvaguardia della biodiversità, saranno dedicati i trekking organizzati intorno al Lago di Occhito, in Molise, e nel Parco Fluviale Regionale dello Stirone, in Emilia Romagna.

L’applicazione mobile “Italia a cavallo”

Per chi sceglie il turismo dolce e sostenibile, per gli amanti della natura e degli animali, del silenzio, degli spazi ancora selvaggi, dei ritmi tranquilli scanditi dalla tradizione e dai sapori dell’antica cultura rurale. L’applicazione per smartphone Italia a cavallo è dedicata a loro.

Ideata da Turismo a cavallo con il supporto di Legambiente consente, a tutti coloro che già amano il turismo equestre o a chi vuole iniziare questa avventura emozionante, di scegliere tra tanti percorsi studiati per conoscere piccoli centri abitati e borghi medioevali, il prezioso patrimonio di biodiversità custodito dalle aree protette e vecchie tradizioni come la transumanza e i tratturi, e tanto altro.

Scoprire l’Italia a cavallo (foto Legambiente)

L’applicazione permette agli interessati di consultare i diversi centri equestri che offrono esperienze di turismo equestre su tutto il territorio italiano, valorizzando quei soggetti che si distinguono nella loro attività tramite una gestione responsabile, a favore della relazione fra uomo e cavallo e nel rispetto del contesto naturale e culturale del proprio luogo.

Scoprire l’Italia a cavallo

Ogni centro ha una scheda con una piccola descrizione e tutte le informazioni per essere contattati. È possibile telefonare direttamente al centro, scrivere un’email o salvare la scheda tra i “preferiti”. Inoltre, grazie alla geolocalizzazione, è possibile visualizzare su mappa i centri più vicini alla propria posizione, consultare la strada più breve per raggiungerli e avviare direttamente il navigatore sul proprio smartphone.

Lascia una risposta